350 donne di Turchia e Grecia: appello per la pace

di Murat Cinar (*)

350 donne di Turchia e Grecia lanciano un appello per la pace

In mezzo alle crescenti tensioni fra Turchia e Grecia nel Mediterraneo orientale, 350 donne di entrambi i Paesi hanno lanciato un appello per la pace. Nel loro appello congiunto, le donne hanno ribadito la loro «determinazione a lottare a favore della pace nell’Egeo, rafforzare la cultura di condivisione e abbracciare la solidarietà e l’amicizia nonostante il sistema patriarcale che minaccia il mondo». L’appello è stato pubblicato in greco, turco e inglese sul sito www.womencallforpeace.net.

La dichiarazione completa delle donne è stata tradotta in italiano dalla redazionedi PRESSenza:

Un appello per la pace

Noi, donne di Turchia e Grecia, seguiamo con grande preoccupazione l’escalation di tensione nel Mediterraneo orientale. La tensione che aumenta attraverso la retorica conflittuale e la crescente mobilitazione militare da entrambe le parti aumenta il rischio di conflitti armati. I toni bellicosi e la possibilità di uno scontro minacciano non solo la sicurezza e la pace nei due paesi interessati, ma l’intera regione in generale.

Noi donne chiediamo la “fine” della pericolosa escalation.

Crediamo che la cooperazione tra i due paesi sia più importante che mai in un momento in cui la pandemia globale sta aggravando la disuguaglianza, portando a crisi economiche e aumentando l’emarginazione delle donne.

Crediamo che la Grecia e la Turchia possano risolvere le loro differenze attraverso una diplomazia pacifica e diligente secondo le linee guida del diritto internazionale e dell’equità, se necessario con osservatori delle istituzioni internazionali.

La pacifica coesistenza dei popoli di Grecia e Turchia è più preziosa di tutte le risorse sotterranee.

La pace, la natura e le persone sono i beni più preziosi per l’umanità.

Come donne amanti della pace provenienti dalla Grecia e dalla Turchia, siamo determinate a lottare per la pace nell’Egeo, migliorare la nostra cultura condivisa e abbracciare la solidarietà e l’amicizia nonostante il sistema patriarcale che minaccia il mondo.

(*) ripreso da www.pressenza.com/it

 

La Bottega del Barbieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *