Perché Antonello Repetto è un pericolo pubblico….

vuole “sabotare la guerra” (E se facessimo in tante/i come lui?).

 

Per cominciare un post di Laura Tussi (del 28 novembre): «Pacifista contro fabbrica bombe Sulcis. Antonello Repetto: “Mi autodenuncio”, lettera a Questore e Prefetto Cagliari».

(ANSA) – CAGLIARI, 25 NOV – Un pacifista contro la fabbrica di bombe di Domusnovas, nel Sulcis Iglesiente. Potrebbe sembrare l’idea di un moderno Don Chisciotte, invece è il progetto di Antonello Repetto, attivista di Carloforte, che oggi ha inviato due lettere al Prefetto e al Questore di Cagliari, Giuliana Perrotta e Danilo Gagliardi, autodenunciandosi.

Nelle due missive, infatti, annuncia l’intenzione di «attuare azioni di sabotaggio non violente contro la fabbrica di bombe Rwm Italia di Domusnovas». In quello stabilimento, negli ultimi mesi, sono stati fabbricati ordigni poi spediti dall’aeroporto di Cagliari-Elmas e dal porto di Olbia in Arabia Saudita.

Spedizioni che hanno sollevato un polverone di polemiche da più fronti. Il primo a segnalare il caso – con tanto di foto e video sulle armi in partenza dall’Isola postate su Facebook – era stato il deputato di Unidos ed ex governatore della Sardegna Mauro Pili. Poi una raffica di interrogazioni e prese di posizione di Amnesty International e della Rete italiana per il disarmo. Infine la replica del ministro Roberta Pinotti: spedizioni regolari e autorizzate nel rispetto della legge.

Adesso scende in campo anche il pacifista che annuncia i possibili sabotaggi. «La mia coscienza di cristiano – scrive Repetto nelle due lettere – mi impone di farlo. Il governo italiano sta violando la legge numero 185 del 190, in base alla quale non si possono vendere armi alle nazioni in guerra. L’Arabia usa queste bombe, ci sono le prove, anche e soprattutto contro civili inermi».

REPETTO, BASTA AMMAZZARE CIVILI- «Io mi sono autodenunciato, annunciando la volontà di voler attuare azioni di sabotaggio non violente, ma sarebbe il Governo italiano da denunciare perché sta violando la legge sulle armi. Tutti abbiamo letto sui giornali dei bombardamenti in Yemen e delle vittime civili».

Lo ha detto all’ANSA Antonello Repetto, il pacifista di Carloforte che ha inviato due lettere a Prefetto e Questore di Cagliari comunicando possibili raid di disturbo verso lo stabilimento di armi di Domusnovas. Repetto, 61 anni, aderente all’associazione Pax Cristi, non è nuovo a proteste di questo genere.

«In passato – racconta – ero stato denunciato per essere entrato in un’area militare a Carloforte, nella zona di Capo Sandalo, dove stavano installando un radar. Adesso vorrei fare qualche cosa. Per il momento ho inviato le lettere e a livello simbolico mi sono autodenunciato».

L’attivista, che recentemente ha partecipato alla manifestazione di Capo Teulada e davanti alla questura di Cagliari contro le esercitazioni militari e le basi in Sardegna, sottolinea quanto sia pericoloso il trasporto delle bombe. «Chiudono addirittura lo spazio aereo – spiega – questa mia presa di posizione non è legata a una forma di vendetta, sono per le manifestazioni pacifiche ma come cristiano e come cittadino non posso accettare che queste bombe vengano utilizzate per ammazzare civili».

Altan-donQuixote

PEN’ULTIMA ORA

Ho sentito ieri per telefono Antonello Repetto, che ho il piacere di conoscere bene da molti anni, e mi ha detto che le “forze dell’ordine” gli hanno chiesto cosa esattamente vuol fare… E lui ha risposto «lo vedrete»: me lo immagino mentre lo dice con il suo tono sorridente: lontano da ogni spavalderia ma ostinato. Il suo granello di sabbia nell’ingranaggio di morte lo metterà. Certo non basterà a fermare la catena della distruzione… ma è un inizio.

COME LA VEDO IO

La testimonianza individuale è importante, serve da sprone per altre/i. Grazie di cuore dunque ad Antonello. Ovviamente il coraggio di una persona non può bastare. E visto che l’Italia precipita sempre più nelle guerre della Nato e dell’Occidente (che io da tempo chiamo Uccidente, voce del verbo uccidere) dovremmo seriamente – e con urgenza – chiederci se è possibile organizzare molte e molte azioni come quella che Antonello sta per fare. Chi propone cosa e come, dove, quando? Questa piccola “bottega” è ovviamente disponibile a ospitare interventi su questo tema; anzi li sollecita.

DON QUIXOTE?

«Un moderno Don Chisciotte» scrive l’Ansa e di certo intende “un illuso” o qualcuno che fa confusione fra il mondo reale e la sua immaginazione. Ma anni fa io ho imparato – da un caustico scrittore statunitense (Robert Sheckley) – che il male del nostro tempo non è il donchisciottismo, ovvero scambiare i mulini a vento con giganti dalle braccia rotanti e i burattini con demoni, ma il sanciopanzismo ovvero non capire che giganteschi demoni esistono davvero e si chiamano guerre, ingiustizia globale, mancanza di ideali e desideri. Come mostra la vignetta di Altan, qui sopra, il pericolo nel «liberarci dai mulini a vento» è che diventiamo ancora più crudeli. Viva Don Chisciotte allora e abbasso Sancio Panza. Si dice che Orson Welles avrebbe voluto far terminare il suo film «Don Quixote» – rimasto purtroppo incompiuto – con una catastrofe atomica dove solo lui, il sognatore, si salva.

LA COERENZA DI ANTONELLO

Qui in “bottega” trovate un intervento di Repetto – La guardia costiera e il «gioco» del radar – e altri post per ampliare il discorso, fra cui: Il nostro Antonello Repetto e il loro radar e Da Sarajevo alla Sardegna contro i padroni della guerra. (db)

 

Daniele Barbieri
Un piede nel mondo cosiddetto reale (dove ha fatto il giornalista, vive a Imola con Tiziana, ha un figlio di nome Jan) e un altro piede in quella che di solito si chiama fantascienza (ne ha scritto con Riccardo Mancini e Raffaele Mantegazza). Con il terzo e il quarto piede salta dal reale al fantastico: laboratori, giochi, letture sceniche. Potete trovarlo su pkdick@fastmail.it oppure a casa, allo 0542 29945; non usa il cellulare perché il suo guru, il suo psicologo, il suo estetista (e l’ornitorinco che sonnecchia in lui) hanno deciso che poteva nuocergli. Ha un simpatico omonimo che vive a Bologna. Spesso i due vengono confusi, è divertente per entrambi. Per entrambi funziona l’anagramma “ride bene a librai” (ma anche “erba, nidi e alberi” non è malaccio).

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *