Tortura in Israele

(letto da Francesco Masala) – Il titolo del libro è Tortura in Israele, senza punti interrogativi.

È stato scritto da due organizzazioni (B’Tselem e HaMoked) per la difesa dei diritti umani, che in quella terra dimenticata da Dio significa difesa dei diritti umani dei palestinesi.

Editore Zambon, costa 12 euro, 115 pagine di testimonianze, più di cento prigionieri palestinesi hanno rilasciato dichiarazioni giurate a un avvocato di HaMoked su tutto quello che hanno subito in carcere.

È doloroso, istruttivo, necessario leggere le testimonianze dei prigionieri e delle torture da loro subite, ad opera dell’esercito più morale del mondo, come si autodefinisce.

Qualcuno dirà che le testimonianze sono pilotate, che quei palestinesi si sono messi d’accordo. Lo dicevano anche per le vittime di Bolzaneto e della scuola Diaz, lo dicevano per chi lasciava i campi di concentramento, per chi raccontava di Garage Olimpo.

Alla fine del libro c’è una lettera che arriva dal ministero della (in)giustizia israeliano, da leggere per capire la banalità del male, piena di però, di ma, si sentono offesi perché B’Tselem e HaMoked non di sono messi d’accordo con loro prima della pubblicazione del libro.

Cesare Beccaria si rivolterebbe nella tomba se sapesse che dopo di 250 anni dalla pubblicazione del suo libro “Dei delitti e delle pene” in un paese “civile”, nel terzo millennio, si pratica tranquillamente e scientificamente la tortura, e che quasi tutti gli altri paesi sostengono, vezzeggiano, giustificano, coccolano quel paese che si chiama Israele, un faro di democrazia, dicono.

Cesare Beccaria direbbe che democrazia e tortura non possono coesistere, ma solo perché non capirebbe la raffinatezza delle strategie politiche, che si ispirano alla neolingua svelata in “1984”. Ma lui era uomo dell’Illuminismo, non conosceva gli abissi delle magnifiche sorti e progressive.

Buona lettura.

Francesco Masala
una teoria che mi pare interessante, quella della confederazione delle anime. Mi racconti questa teoria, disse Pereira. Ebbene, disse il dottor Cardoso, credere di essere 'uno' che fa parte a sé, staccato dalla incommensurabile pluralità dei propri io, rappresenta un'illusione, peraltro ingenua, di un'unica anima di tradizione cristiana, il dottor Ribot e il dottor Janet vedono la personalità come una confederazione di varie anime, perché noi abbiamo varie anime dentro di noi, nevvero, una confederazione che si pone sotto il controllo di un io egemone.

3 commenti

  • enzo barone (milano)

    Comprendo, o almeno tento, quanto sia frustrante per queste organizzazioni, prive di alcuna capacità di incidere nel tessuto della società dove operano, cercare di distinguersi dai criminali da cui sono circondate. Il libro, meritevole di attenzione e che mi propongo di esaminare, non sposta, né potrebbe, i rapporti di forza, di potere, economici, fondati sulla scelta di consentire al neonazismo sionista ogni scempio umanitario. L’ipocrisia di chi, nazioni, politici, singoli individui, finge ora di rammaricarsi fa il paio con chi afferma di non sapere, entrambe dette tipologie complici di simile misfatto.
    Fin tanto che alla Palestina non sarà riconosciuto il diritto di esistere come terra appartenente al popolo palestinese, libera dall’occupazione, dall’assedio, dalla presenza dell’invasore, ogni discorso ogni evento, ogni celebrazione rimarranno fulgidi esempi di solidarietà, acquieteranno, forse, la nostra coscienza, ma i palestinesi dovranno continuare a resistere, da soli.

  • Francesco Masala

    vero, ma se arriva un aiuto, non ong eterodirette, dico, ma il BDS, dico, come rifiutarlo?

    mutatis mutandis, qui (https://frammentivocalimo.blogspot.it/2017/09/haaretz-il-bds-e-lunico-nostro.html) si discute di un argomento simile

  • Daniele Barbieri

    Su LE MONDE DIPLOMATIQUE (edizione italiana in edicola con il quotidiano «il manifesto» complessivi per 3,50 euri) datato dicembre c’è una bella recensione – del “nostro” David Lifodi – a questo libro. Per inciso quesrto numero di LMD è molto ricco: c’è anche una pagina su «La lenta avanzata di Israele in Africa» (fra vendite d’armi, diplomazia e servizi di “sicurezza”)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *