due film da (ri)vedere

il cinema italiano ha un grande avvenire dietro le spalle  (direbbe Vittorio Gassman?)

Il disco volante – Tinto Brass

ci sono mille motivi per (ri)guardare questo film del 1964, per la sceneggiatura di Rodolfo Sonego, per il talento e l’interpretazione grandissima di Alberto Sordi (dovrei usare il plurale, visto che Alberto Sordi interpreta quattro personaggi), perché è uno dei primi film italiani di fantascienza, perché si ride molto, perché prende in giro tutti, e tutto il resto lo vedrete da voi.

 

ps: per chi non lo sa questo è il film nel quale Monica Vitti esclama: ”Dime porca che me piase de più!

 

https://markx7.blogspot.it/2018/02/il-disco-volante-tinto-brass.html

 

Don Chisciotte e Sancio Panza – Giovanni Grimaldi

non solo le due coppie Stanlio e Ollio e Bud Spencer e Terence Hill, anche Franco e Ciccio hanno accompagnato la mia adolescenza.

qui Franco e Ciccio sono perfetti, Don Quijote e Sancho sono proprio loro, divertente Franco, triste Ciccio.

è la prima volta che vedo il film e devo dire che merita proprio, non sarà un capolavoro, ma farebbe la sua bella figura in sala anche oggi.

 

https://markx7.blogspot.it/2018/02/don-chisciotte-e-sancio-panza-giovanni.html

 

 

Francesco Masala
una teoria che mi pare interessante, quella della confederazione delle anime. Mi racconti questa teoria, disse Pereira. Ebbene, disse il dottor Cardoso, credere di essere 'uno' che fa parte a sé, staccato dalla incommensurabile pluralità dei propri io, rappresenta un'illusione, peraltro ingenua, di un'unica anima di tradizione cristiana, il dottor Ribot e il dottor Janet vedono la personalità come una confederazione di varie anime, perché noi abbiamo varie anime dentro di noi, nevvero, una confederazione che si pone sotto il controllo di un io egemone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *