accade in Palestina

articoli di Gideon Levy, Richard Falk, Luisa Morgantini, Amira Hass, Kareem Sakka, Nicola Carella, Ahmed Abu Artema, Paul Craig Roberts, Richard Silverstein (ripresi da Adista, Frammentivocalimo, Jacobin, Sinistrainrete, Invictapalestina), il link a un’intervista con Noura Erakat e notizie sul “Premio Stefano Chiarini” a Modena il 6-7 marzo

Il portavoce dell’IDF annuncia: continuate pure a sparare ai bambini palestinesi – Gideon Levy

I soldati israeliani sparano ai bambini. A volte li feriscono e a volte li uccidono. A volte i bambini restano clinicamente morti, a volte disabili. A volte i bambini hanno lanciato pietre contro i soldati, o un cocktail di Molotov. A volte finiscono per caso nel mezzo di uno scontro. Quasi mai mettono in pericolo la vita dei soldati.

A volte i soldati sparano ai bambini intenzionalmente, a volte per errore. A volte mirano alla testa o alla parte superiore del corpo, a volte sparano in aria e colpiscono i bambini alla testa. Ecco cosa succede quando un corpo è piccolo.

A volte i soldati sparano con l’intento di uccidere, a volte di punire. A volte usano proiettili regolari e a volte proiettili rivestiti di gomma, a volte sparano da molto distante, a volte in un’imboscata, a volte a distanza ravvicinata. A volte sparano per paura, rabbia, frustrazione e per la sensazione di non avere altra opzione, a volte per una perdita di controllo, a volte a sangue freddo. I soldati non vedono mai le loro vittime dopo averle colpite. Se vedessero ciò che hanno causato, potrebbero smettere di sparare.

I soldati israeliani sono autorizzati a sparare ai bambini. Nessuno li punisce per aver sparato ai bambini. Quando un bambino palestinese viene ucciso, non è una notizia. Non c’è differenza tra il sangue di un bambino palestinese e il sangue di un adulto palestinese. Hanno entrambi poco valore. Quando un bambino ebreo viene ferito, tutto Israele trema, quando un bambino palestinese viene ferito, Israele sbadiglia. E troverà sempre, sempre, una giustificazione per i soldati che sparano ai bambini palestinesi. Non troverà mai, mai una giustificazione per i bambini che lanciano pietre contro i soldati che fanno irruzione nel loro villaggio.

Un ragazzo di nome Abd el-Rahman Shatawi è da sei mesi nell’ospedale di riabilitazione di Beit Jala. Da 10 giorni un suo parente, Mohammed Shatawi, è ricoverato all’Hadassah University Hospital, Ein Karem, a Gerusalemme. Entrambi provengono dal villaggio di Qaddum in Cisgiordania. I soldati israeliani hanno sparato a entrambi in testa. Ad Abd el-Rahman hanno sparato da una grande distanza con proiettili regolari mentre si trovava all’ingresso della casa di un amico, a Mohammed hanno sparato un proiettile rivestito di gomma da una collina vicina mentre lui cercava di nascondersi lungo le pendici di quella stessa collina. L’esercito ha dichiarato che aveva incendiato una gomma.

Abd el-Rahman ha 10 anni e sembra piccolo per la sua età. Mohammed ne ha 14 ma dimostra più anni. Questi sono i bambini della realtà palestinese, entrambi sospesi tra la vita e la morte. La loro vita e quella dei loro genitori sono state distrutte. Il padre di Abd el-Rahman lo porta a casa da Beit Jala a Qaddum una volta a settimana per fargli trascorrere il week end nel villaggio, il padre di Mohammed non si allontana dalla porta dell’unità di terapia neuro-intensiva di Hadassah Ein Karem, dove è solo di fronte a suo figlio e al suo destino. A nessuno di questi bambini si sarebbe dovuto sparare. Nessuno dei due avrebbe dovuto essere colpito alla testa.

Dopo che Abd el-Rahman venne colpito, l’ufficio del portavoce dell’esercito dichiarò che “durante un incidente è stato ferito un minore palestinese”. Dopo che Mohammed venne colpito, il portavoce dichiarò: “C’è una denuncia relativa a un palestinese che è stato ferito da un proiettile di gomma”. L’ufficio ha familiarità con queste denunce. Il portavoce dell’esercito è la voce delle forze di difesa israeliane. L’IDF è un esercito popolare, quindi il portavoce dell’IDF parla anche per Israele.

I portavoce emettono le loro dichiarazioni da un nuovo grattacielo a Ramat Aviv vicino a Tel Aviv, dove l’ufficio si è recentemente trasferito. Definiscono un ragazzo di 10 anni come un “minorenne palestinese” e osservano che ”la denuncia palestinese è nota” riferendosi a un ragazzo che sta lottando per la vita perché i soldati gli hanno sparato alla testa. La disumanizzazione dei palestinesi ha raggiunto i portavoce dell’IDF. Persino i bambini non suscitano più sentimenti umani come il dispiacere o la misericordia, certamente non nell’IDF.

L’ufficio del portavoce IDF fa bene il suo lavoro. Le sue dichiarazioni riflettono lo spirito del tempo e del luogo. Non c’è spazio per esprimere alcun rimpianto per aver sparato ai bambini in testa, non c’è spazio per la misericordia, le scuse, un’indagine o una punizione e certamente non per alcun risarcimento. Sparare a un bambino palestinese è considerato meno grave rispetto che sparare a un cane randagio, per il quale c’è ancora una possibilità che qualcuno indagherà.

Il portavoce dell’IDF annuncia: continuate pure a sparare ai bambini palestinesi.

(Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” – Invictapalestina.org)

da qui

 

 

 

La Palestina intraprenderà un’azione legale contro Amazon per le spedizioni gratuite negli insediamenti ebraici illegali

L’Autorità Palestinese ha annunciato martedì che intraprenderà azioni legali contro il gigante del commercio al dettaglio Amazon sulla politica della società che consente agli israeliani che vivono negli insediamenti ebrei illegali la consegna gratuita, e facendola invece pagare ai Palestinesi che vivono nella Cisgiordania occupata.

Martedi scorso il Ministero dell’Economia dell’Autorità Palestinese ha dichiarato che invierà una lettera ad Amazon chiedendo una sospensione immediata delle sue attività commerciali negli insediamenti israeliani.

Il ministero ha anche detto che intenterà un’azione legale contro la società di e-commerce, per “la sua politica di discriminazione che favorisce gli insediamenti ebraici illegali nei Territori palestinesi occupati rispetto alla popolazione palestinese locale.

La mossa arriva dopo che un rapporto del Financial Times aveva rivelato, in palese sfida al diritto internazionale, che Amazon stava offrendo la spedizione gratuita agli insediamenti ebrei illegali nella Cisgiordania occupata, ma non ai palestinesi che vivono nella stessa area.

In effetti, i clienti palestinesi che indicano il loro indirizzo come “Territori Palestinesi” sono costretti a pagare le spese di spedizione e gestione a partire da 24 dollari.

Il portavoce di Amazon Nick Caplin ha dichiarato al Financial Times che i palestinesi possono aggirare il problema solo selezionando Israele come loro Paese.

“Se un cliente all’interno dei Territori Palestinesi inserisce il proprio indirizzo e seleziona Israele come suo  Paese di residenza, può avere la spedizione gratuita grazie alla stessa promozione”, ha affermato Caplin.

Amazon non è stata inclusa dall’United Nations Human Rights Council nel database delle società che operano negli insediamenti illegali rilasciato la scorsa settimana.

(Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” -Invictapalestina.org)

da qui

 

 

L’«accordo del secolo»: l’apartheid sarebbe un «futuro più luminoso»? – Richard Falk

Sarebbe stato folle attendersi un compromesso politico equilibrato da parte della presidenza Trump. E’ stato chiaro fin dalla sua elezione, a sorpresa, nel 2016, quando Trump aveva affidato la politica mediorientale e, nello specifico, la questione israelo-palestinese a suo genero Jared Kushner, inesperto ed estremista sionista, assistito da persone ugualmente non qualificate. Trump ha fatto quello che non avevano mai osato fare gli altri inquilini filoisraeliani della Casa bianca: ha riconosciuto Gerusalemme come capitale di Israele e vi ha spostato l’ambasciata statunitense, ha sostenuto la legalità degli insediamenti malgrado la flagrante violazione del diritto umanitario internazionale, ha dato via libera all’annessione israeliana delle alture del Golan senza riguardo per la sovranità della Siria, ha tagliato i fondi per gli aiuti e ha chiuso l’ufficio informazioni della Palestina a Washington.

IN UN SIMILE contesto, non può sorprendere che l’«Accordo del secolo» delinei un piano centrato sulla resa politica della Palestina, corredato da un pacchetto di incentivi (che presumibilmente sarebbero finanziati dai paesi arabi del Golfo) purché i palestinesi facciano i bravi bambini e rinuncino a ogni diritto e rivendicazione, pur fondati sulle norme internazionali.

IN SUDAFRICA, nel disperato sforzo di stabilizzare il regime dell’apartheid, erano state create enclave etniche disseminate nel paese, con una parvenza di governo autonomo ma completamente subordinate alle strutture gerarchiche dell’apartheid e al feroce sfruttamento di gran parte della popolazione africana. La cosiddetta «mappa concettuale» del piano di Trump assomiglia molto a quegli accordi di «sviluppo separato» definiti «bantustan». Non a caso, 25 anni dopo con la fine dell’apartheid, i bantustan svanirono subito . E una volta che le proposte di Trump cadranno nell’oblio, il perverso concetto di autodeterminazione che esse contengano seguirà lo stesso destino.

NATURALMENTE, l’offerta di uno staterello palestinese, costituito soprattutto da comunità urbane della West Bank messe insieme pur non essendo contigue, funge anche da espediente per nascondere o almeno minimizzare un ulteriore land-grabbing da parte israeliana. Invece di ritirarsi dalla West Bank come richiesto all’unanimità dalla risoluzione 242 del Consiglio di sicurezza, Israele stabilisce il proprio controllo sull’80% della Palestina occupata, dando alla Palestina alcune aree desertiche nell’inabitabile Negev.

NEL 2005, COME passo per raggiungere la pace con i palestinesi, Israele attuò il cosiddetto «disimpegno da Gaza». Fu ritirato l’esercito israeliano che all’epoca occupava la Striscia smantellando gli insediamenti dove vivevano 18000 coloni. Israele sostenne che queste decisioni mettevano fine alla responsabilità israeliana come potenza occupante sulla base del diritto internazionale. Ma presto fu chiaro che non di fine dell’occupazione si trattava ma di una nuova modalità di controllo, in tutta evidenza più devastante per la popolazione civile della Striscia di Gaza rispetto alla precedente occupazione. Israele ha continuato a controllare la frontiera fra Gaza e l’Egitto, mantenendo anche il controllo sovrano su spazio aereo e acque territoriali di Gaza. Economia e condizioni di vita nella Striscia sono peggiorate, accentuate dalle misure punitive adottate dopo l’arrivo al potere di Hamas. Sviluppi che hanno stimolato la resistenza di Gaza, e poi incursioni militari israeliane in risposta ai missili lanciati dalla Striscia; insomma, dopo il cosiddetto disimpegno, la popolazione civile di Gaza è stata fatta oggetto di attacchi massicci, causa di grandi sofferenze e violazione di ogni diritto.

L’accordo di Trump offre al più una versione peggiorata della Gaza post-disimpegno. Conferisce il controllo delle frontiere esclusivamente a Israele, esige una completa smilitarizzazione dello staterello palestinese, rende le comunità palestinesi completamente vulnerabili all’azione militare israeliana. Un regime così opprimente, qualora ci si arrivasse, provocherebbe certamente una resistenza violenta, e parallelamente una periodica dimostrazione di forza da parte di Israele, con il corredo di punizioni collettive contro i palestinesi. Visto quanto è accaduto a Gaza, l’accettazione palestinese di una situazione analoga per tutta la Palestina sarebbe un atto di estrema autodistruzione. È già terribile essere assoggettati con la forza, ma è inimmaginabile che si decida di ingoiare volontariamente un simile veleno.

SE QUESTO è l’Accordo del secolo, sarà un secolo triste per tutti noi. Ma forse, dall’estremismo delle ingiuste proposte messe sul tavolo da parte degli Stati uniti, potrebbero nascere risposte utili: una leadership palestinese unita, la richiesta di un’intermediazione neutrale al posto di quella statunitense, la crescita della solidarietà con la lotta palestinese, l’inizio di uno sforzo internazionale per processare Israele per crimini contro l’umanità. Ma la premessa a ogni sincera iniziativa diplomatica in grado di portare a una vera pace deve essere la dissoluzione dell’attuale regime di apartheid israeliano. Ogni altro approccio porterebbe al massimo a un temporaneo cessate il fuoco.

* Inviato dell’Onu per i diritti umani nei Territori occupati e professore emerito di diritto internazionale all’Università di Princeton

da qui

 

La grande truffa – Luisa Morgantini

La grande truffa, o forse farsa, ma certamente tragedia del tanto annunciato “accordo del secolo”che dovrebbe portare la pace tra Israele e Palestina, è stata presentata alla Casa Bianca con musiche solenni e alla presenza di molti milionari cristiani evangelici ed ebrei, tutti grandi donatori e sostenitori delle colonie ebraiche in Palestina, tutti tronfi ad applaudire e a sorridere mentre veniva definitivamente sotterrato il diritto internazionale e la possibilità per il popolo palestinese di vivere libero in un proprio Stato.  “Una visione di pace e di prosperità”, si ripete continuamente, visione di pace è scritto anche sulla cartina all’interno del piano presentato, un testo di 181 pagine, molte delle quali scritte interamente da esperti israeliani soprattutto nelle parti riguardanti gli insediamenti o le strade, le bypass road. Sulla cartina non vi è nemmeno scritto il nome Palestina o territori occupati, compare per due volte solo Israele, e poi a bei colori si vedono i territori palestinesi che dovrebbero essere lo Stato di Palestina tagliati a pezzetti, enclave o bantustan per ricordare il Sudafrica dell’apartheid.

Ma non è una sorpresa: Trump a partire dal trasferimento dell’Ambasciata a Gerusalemme, dalla chiusura degli uffici dell’Olp negli Stati Uniti, dalla guerra economica e politica contro l’Unrwa, organizzazione Onu per i rifugiati palestinesi, dal ritiro degli aiuti di Us Aid (che ha lasciato sul lastrico migliaia di palestinesi compresi imprenditori), dalla conferenza nel Bahrein, aveva dimostrato che lui è il più grande amico di Israele e, a dispetto di tutte le risoluzioni Onu e della posizione degli Stati, lui, novello imperatore, si arroga il diritto di decidere per tutti.

Il piano non fa che legittimare tutte le violazioni compiute da Israele in questi oltre cinquant’anni di occupazione militare e di colonizzazione dei territori palestinesi: assume le richieste della destra nazionalista, messianica e non, con alla testa i ministri Lieberman e Bennet, i quali da anni propongono il trasferimento della popolazione palestinese di cittadinanza israeliana del “Triangolo” nella Bassa Galilea (più di 10 villaggi con 260mila persone), nello Stato palestinese; il trasferimento consacrerebbe l’attuazione di Israele come Stato ebraico, per cui bisogna disfarsi della presenza di palestinesi; lo pseudo Stato (Netanyahu non nasconde la sua contrarietà anche all’uso della  parola Stato) non avrebbe naturalmente sovranità né sullo spazio aereo né sulle falde acquifere; i confini della Cisgiordania con la Giordania sarebbero di Israele con l’annessione della Valle del Giordano, per cui i palestinesi che volessero uscire dalla Palestina dovrebbero sottostare come oggi al controllo israeliano. Tutte le colonie, piccole e grandi, più di 150 con circa 600mila coloni, vengono annesse a Israele e insieme a queste ovviamente le terre coltivabili palestinesi poste al di là del Muro (ricordiamo che la corte dell’Aja lo aveva ritenuto illegale e da smantellare perché non costruito sulla linea verde del ‘67); Gerusalemme rimane capitale unica e indivisibile e i palestinesi, a parte l’affermazione della libertà di culto per le tre religioni nella città vecchia, avranno come loro capitale Abu Dis, che con grande magnanimità il piano dice possa essere chiamata al Quds (nome arabo di Gerusalemme); le fazioni palestinesi devono deporre le armi; Hamas sciolto; i prigionieri nel caso abbiano commesso azioni militari restino in carcere, gli altri liberati a scaglioni, per primi quelli superiori ai 50 anni , gli ammalati e le donne, ma molti dovrebbero accettare l’esilio; l’autorità palestinese deve sospendere i sussidi che vengono erogati alle famiglie dei martiri e dei prigionieri.

Il piano è dettagliato e non si possono trattare qui tutte le sue nefandezze; basta però dire che la questione dei profughi viene cancellata, nessun ritorno è previsto, se non a piccole dosi, in quello che sarebbe lo Stato di Palestina. Nessuna scusa da parte di Israele per la Nakba (“catastrofe”, l’esodo forzato) del ‘47 e la Naksa del ‘67. Dice Gideon Levy, giornalista israeliano, che questo piano è una terza Nakba per la popolazione palestinese.

Che tutto ciò venisse rifiutato dai palestinesi era del tutto ovvio, ed è quello che Netanyahu si aspettava, in modo da poter ripetere la propaganda secondo cui, di fronte a ogni proposta, i palestinesi dicono no e perdono tutte le opportunità. La verità è che i palestinesi sono sempre messi di fronte al fatto compiuto, prendere o lasciare, e ogni volta purtroppo questo comporta un’accelerazione della colonizzazione israeliana.

Mahmoud Abbas ha chiesto l’aiuto della Lega Araba, che come al solito a parole conferma il sostegno e ripropone il piano arabo del 2002, ma gli Stati sono divisi. L’Arabia Saudita, ad esempio, come già fece con Balfour nel 1917, quando abbandonò la Palestina per avere un regno, ha dato il suo consenso a Trump. L’Unione Europea ha ribadito stancamente che la legalità internazionale va rispettata. I movimenti della società civile favorevoli all’autodeterminazione dei palestinesi sono deboli. In Israele vi sono state manifestazioni unitarie tra arabi e ebrei con il resto di quella che era la sinistra, per dire no all’apartheid del piano Trump. In Palestina ogni giorno ci sono manifestazioni, ma non si può chiedere troppo ai palestinesi, in questi anni sono stati massacrati e umiliati, le loro manifestazioni nonviolente represse, i militanti messi in carcere.

Forse la leadership palestinese pur mantenendo il rifiuto totale del pian Trump dovrebbe osare una proposta: lo Stato palestinese sui territori del ‘67, Gerusalemme capitale condivisa; le colonie possono restare in Palestina e i coloni diventare cittadini palestinesi in totale parità di diritti. I coloni e Israele non accetteranno mai, ma la proposta mostrerebbe che non si sentono il popolo eletto e che la terra è per tutti quelli che la abitano.

Anche noi dovremmo mobilitarci, perché questo gettare sotto i piedi il diritto internazionale non riguarda solo i palestinesi, ma anche il nostro futuro.

da qui

 

L’archivio ottomano, l’arma più potente dei palestinesi contro l’occupazione

Gerusalemme – La lotta del popolo palestinese per dimostrare la proprietà della terra sotto occupazione israeliana  potrebbe fare un passo avanti grazie all’archivio ottomano.

Alla fine dello scorso anno, la Turchia ha consegnato all’Autorità Palestinese una copia elettronica di circa 38.000 pagine di documenti dell’archivio ottomano relativi alla proprietà fondiaria.

L’Impero ottomano governò il territorio della storica Palestina dal 1516 al 1917 e l’archivio contiene documenti risalenti a prima del 1917.

L’archivio è attualmente presso la Fondazione Mithaq, a Gerusalemme est. La fondazione appartiene al Ministero dei Beni e degli Affari Religiosi della Palestina e si occupa anche della ricerca del patrimonio islamico.

Dall’Agenzia di Cooperazione e Coordinamento turca (TIKA), la fondazione ha ricevuto casseforti speciali per la conservazione dell’archivio.

Salvavita

“Gli archivi palestinesi sono andati perduti a causa del mandato britannico, dell’occupazione israeliana e dello sfollamento della popolazione della Palestina”, ha detto all’Agenzia Anadolu Murad Abu Subh, responsabile dei documenti ottomani della Fondazione Mithaq.

Abu Subh ha osservato che “Israele annette le terre palestinesi  utilizzando la Legge degli Assenti o affermando che sono proprietà di persone o associazione ebree”.

In tal senso, ha affermato che l’archivio ottomano è un “salvavita” per i palestinesi per dimostrare la proprietà della terra e della proprietà.

Inoltre, i documenti sono riservati e consegnati alle parti interessate previa consultazione con le pertinenti istituzioni palestinesi.

I documenti sono scritti in lingua ottomana e il processo di traduzione è svolto da specialisti palestinesi.

Cooperazione turca

Da parte sua, il presidente di Mithaq, Khalil al Rifai, ha affermato che è in atto  una grande collaborazione tra diverse istituzioni turche e la fondazione.

“La Turchia ci fornisce tutto ciò che  richiediamo senza problemi”, ha detto a Rifai, aggiungendo che la Turchia ha fornito l’archivio  per volontà del presidente Recep Tayyip Erdogan.

Rifai ha  riferito che Mithaq sta compiendo incessanti sforzi per evitare la giudaizzazione di Gerusalemme e ha sottolineato che “l’archivio ottomano è la nostra arma per dimostrare la verità”.

Nella sua biblioteca nazionale Israele conserva  documenti che dimostrano la nostra proprietà della terra, ha detto il presidente di Mithay,  aggiungendo che tutti i documenti palestinesi sono stati confiscati da Israele.

“Non vi è alcuna giustificazione perché Israele  si preoccupi della consegna degli archivi ottomani; chiunque lavori legalmente non teme tali documenti”, ha detto Al Rifai.

Prima di ricevere il fascicolo, se un cittadino palestinese voleva documentare la proprietà della sua terra, doveva recarsi in Turchia per ottenere i documenti. Ma da oggi puoi  ottenerli in Cisgiordania.

I media israeliani hanno messo in evidenza la preoccupazione di Israele per  la decisione turca volta ad aiutare i palestinesi a dimostrare il loro diritto alla terra occupata da Israele, in particolare Gerusalemme e la Cisgiordania, fornendo loro l’archivio ottomano.

Il giornale israeliano Hayom ha riferito che “gli avvocati dell’Autorità Palestinese stanno già utilizzando documenti archiviati dell’era ottomana per rivendicare i diritti fondiari”.

(Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” –Invictapalestina.org)

da qui

 

Com’è essere un rifugiato di seconda generazione – Kareem Sakka

I miei primi ricordi di Israele risalgono alla guerra dell’ottobre 1973. Bambino, già “sapevo” che Israele era un invasore in quella che era una parte assonnata del pianeta terra. Nonostante le stazioni radio e televisive di tutto il mondo rivendicassero vittorie arabe, anche allora sapevo che erano notizie false, i bambini riconoscono i bugiardi dal loro tono di voce.

È difficile immaginare che allora Israele avesse solo 25 anni. Guardando indietro, la copertura mediatica del Libano sulla guerra (e),  così come quella sul concetto di Israele, era probabilmente meno immaginaria rispetto alla narrazione degli altri Paesi arabi che si vantano delle vittorie.

Anche allora, non credo di aver mai percepito  da nessuno  la vera speranza di un ritorno a Jaffa. Mio padre non ha mai guardato indietro, il trauma deve essere stato troppo doloroso, tutti nella sua famiglia hanno ammesso a se stessi che non  sarebbero tornati mai più. Non una parola pronunciata sul tornare, non a casa, non nelle riunioni di famiglia, non in TV, l’obiettivo si trasferì nel recuperare la Cisgiordania e il Sinai. La vergogna fu travolgente,  e da lì la negazione. La foto della casa di famiglia in stile Bauhaus nel quartiere Ajami di Jaffa che mia nonna teneva sul suo comodino è ancora impressa nella mia memoria.

Per la maggior parte delle persone, la vita  andò avanti, tutti quelli che conoscevo lavoravano e facevano quadrare i conti, il Libano accolse con favore molti migranti e offrì loro un nuovo  inizio. Incaricato di liberare le terre palestinesi, l’OLP e le sue fazioni non assomigliavano per niente alle persone che conoscevo,  modellavano  personaggi associati a Nasser, all’Unione Sovietica, a Guevara e ad altri  prepotenti  che io adolescente vedevo attraverso occhi educati in una scuola cattolica. Volevano un popolo che assomigliasse a loro, piuttosto che viceversa, i rifugiati non hanno il lusso di eleggere i loro leader dopo tutto.

Col passare del tempo, il Qadiya, (la causa palestinese)  guadagnò il centro della scena  di tutti i despoti: distruggere Israele era uno strumento usato da Baghdad ad  Algeri e persino a Teheran per radunare e pacificare le masse. Questi despoti dirottarono, confiscarono  e commercializzarono  il Qadiya. Quando Sadat sorprese il mondo con la sua coraggiosa visita alla Knesset a Gerusalemme, c’era la speranza di recuperare la Cisgiordania, Gerusalemme e persino le alture del Golan, c’era speranza per la pace, sentii sussurrare gli adulti mentre tornavano a Jaffa, ripercorrendo il breve viaggio che molti palestinesi avevano fatto a Beirut dopo il massacro di Deir Yassine. Shamir e Sharon interruppero ogni speranza, cementando un rapporto di odio e di dominio, e subito dopo, nel 1982, Israele invase il Libano. Vedere  i soldati israeliani sfilare a Beirut  fu nauseabondo. Il mio rapporto con Israele fu coniato durante la mia adolescenza . “Vado  avanti con la mia vita, senza guardare indietro, costruirò una nuova vita voltando le spalle alla sponda orientale del Mediterraneo”, un sentimento che milioni di persone nella regione hanno provato mentre erano costretti a cercare rifugio in terre più sicure. Le idee del diritto al ritorno o di un equo compenso non mi sono mai venute in mente, ho avuto il lusso di poter dire: la terra e il diritto al ritorno non sono negoziabili.

Avanzando veloce di 36 anni, nel 70 ° anniversario della Nakba (la catastrofe palestinese), mio ​​padre mi sorprese quando mi parò per la prima volta del diritto al ritorno. Con poche parole ben scelte,  mise la mia bussola nella giusta direzione: il diritto al ritorno è sacro, Gerusalemme è la capitale del popolo palestinese, Israele è un invasore, inaccettabile tutto ciò che non preveda la soluzione a uno Stato.

Non passa giorno per lui senza che pensi a Jaffa. Come possiamo noi, rifugiati,  riuscire a non desiderare anche solo per un giorno di tornare quando quotidianamente leggiamo e vediamo compiersi ingiustizie su di un popolo disumanizzato, spogliato della sua dignità da persone  di tutto il mondo che sono invitate a stabilirsi ed espellere gli abitanti autoctoni? L’ingiustizia e il dolore dell’esodo  nutrono una fiamma inestinguibile, e la fiamma è viva  nei miei figli, rifugiati di terza generazione, nati a meno di un miglio da dove è  stata attuata la Dichiarazione Balfour.

Molti palestinesi moderati hanno pagato un costo troppo elevato per aver parlato della questione, con da un lato  gli establishments (al plurale perché abbiamo due autorità palestinesi in competizione, impantanate in problemi su entrambe le parti della Palestina del 48)  che temono che la loro presa sul Qadiya si stia indebolendo , e dall’altro gli attacchi che provengono da ogni lato. Rimanere impegnati  per  un ritorno in Palestina non è una scelta facile per le prossime generazioni, sicuramente il rifiuto di naturalizzarei palestinesi ovunque si trovino nei paesi arabi ha mantenuto viva quella fiamma.

L’idea di una convivenza pacifica  si è dimostrata  fino ad ora un’illusione, ma dobbiamo essere pronti a tornare, accettare una soluzione a un solo Stato, e dobbiamo iniziare a pianificarlo ora. Tra non molto, Israele celebrerà 100 anni di occupazione: sarà in grado di mantenere le pratiche di uno Stato di apartheid? Fino a quando una soluzione equa di un solo Stato non verrà accettata dai palestinesi, l’ingiustizia e la disumanizzazione che Israele commette quotidianamente contro i palestinesi che vivono sotto occupazione o come rifugiati, continueranno a perseguitare gli ebrei in Israele e oltre.

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” – invictapalestina.org

da qui

 

I palestinesi sono solidali con la Nazione Wet’suwet’en

Dai Territori palestinesi occupati, siamo solidali con la Nazione  Wet’suwet’en. e con  i difensori della terra che nei campi di Unist’ot’en e Gidimten continuano a resistere alle incursioni coloniali canadesi nei loro territori.

Il Comitato Nazionale Palestinese BDS (BNC), la più grande coalizione della società civile palestinese che guida il movimento globale BDS, invia un messaggio di sostegno alla vostra lotta.

Chiediamo al movimento di solidarietà palestinese a Turtle Island e altrove di  sostenere   Nazione Wet’ssuwet’en

Come palestinesi, abbiamo esperienza diretta di come agisce una potenza coloniale, il regime israeliano di occupazione, colonizzazione e apartheid, che lavora sistematicamente per espropriare, dividere e spogliarci delle nostre terre e risorse.

Sappiamo fin troppo bene, dalla nostra esperienza, che il gasdotto TransCanada Coastal Gaslink mira a rubare la terra dei Wet’suwet’en e ad utilizzare l’attività di estrazione per rafforzare il controllo sui territori indigeni, distruggere l’ambiente e violare le leggi indigene. Sappiamo anche che gli attacchi della Royal Canadian Mounted Police (RCMP),  sostenuti dal governo Trudeau, contro la leadership ereditaria dei Wet’swuwet’en, le matriarche e i difensori della terra, vengono utilizzati per violare la sovranità indigena. L’RCMP sta impiegando tattiche e attrezzature simili a quelle del governo israeliano, inclusi i bulldozer Caterpillar, per impadronirsi delle terre indigene.

Siamo profondamente grati alla Nazione Wet’suwet’en per il loro spirito indomito e la loro instancabile difesa della terra e delle risorse idriche. Siamo fermamente con voi nella lotta per la vostra  terra e per i vostri diritti ancestrali.

Noi palestinesi siamo  in debito con i popoli indigeni di Turtle Island per averci insegnatcon la vostra fiera resistenza, grazia e spirito indomito a resistere alla colonizzazione generazione dopo generazione.

Il BNC è impegnato a costruire forti legami di solidarietà tra i nostri popoli e i nostri movimenti, e lavoreremo con i nostri partner a Turtle Island per rendere tutto ciò una realtà.

Dalla Palestina a Wet’suwet’en, siamo uniti a voi nella lotta contro il colonialismo, il razzismo, la criminalità  delle multinazionali e a favore dei vostri diritti inalienabili, per la giustizia e per  l’autodeterminazione.

Quando arriverà il momento propizio, saremo onorati di darvi il benvenuto in Palestina.

(Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” –Invictapalestina.org)

da qui

 

Chi sono i veri antisemiti?

Nicola Carella intervista Ronnie Barkan*

Le accuse infamanti di antisemitismo a chi critica Israele, il razzismo della destra, le contraddizioni della sinistra, il Piano Trump per la Palestina. Ce ne parla un dissidente israeliano

Ronnie Barkan è un dissidente israeliano e un attivista della campagna per i diritti del popolo palestinese Bds e dei movimenti contro le politiche di colonialismo, occupazione militare e apartheid del governo israeliano. Attualmente vive a Berlino dove, insieme ad altri due attivisti, sta sostenendo un processo per aver definito pubblicamente le politiche di Israele «crimini contro l’umanità».

* * * *

Ronnie, per inquadrare innanzitutto il tuo attivismo, quali sono a grandi linee gli obiettivi politici che ti spingono ad agire in un contesto come quello tedesco in generale e berlinese in particolare?

Credo che il nostro ruolo di attivisti debba essere volto superare le ingiustizie sistemiche e affermare i diritti o i valori per i quali crediamo valga la pena lottare. In secondo luogo, come individuo, sono anche nato in un contesto specifico, in cui i miei diritti e i miei privilegi mi vengono consegnati e garantiti a spese degli «altri». Tutto ciò che riguarda la creazione del progetto sionista in Palestina ruota attorno a questa semplice nozione: i privilegi per un gruppo etnico sono a spese di tutti gli altri, specialmente se gli altri sono gli indigeni di quella terra. Chiunque pensi che lo Stato di Israele sia stato istituito per qualsiasi altro scopo è quantomeno poco informato sulla questione. Esattamente per come qualsiasi persona bianca consapevole dell’apartheid in Sudafrica o durante la schiavitù in Nord America, il mio parlare e agire per l’abolizione del sionismo è qualcosa di naturale, è il risultato diretto e più ovvio dell’essere nato in quel sistema di oppressione.

La ragione poi per cui concentro i miei sforzi in lungo e largo qui a Berlino è perché la vedo come l’ultimo bastione permanente del sionismo. Penso che piuttosto che imparare dal suo orribile passato, la Germania in generale, e Berlino in particolare, quasi non vogliano mai guardarsi allo specchio. E per questo sostengono attivamente uno Stato la cui politica ufficiale è quella di praticare crimini contro l’umanità. Poiché larga parte della cosiddetta «sinistra tedesca» è in prima linea nell’assalto ai palestinesi in nome di una presunta protezione dello Stato criminale sionista, per i pochi dissidenti israeliani che sono in giro è ancora più urgente prendere parola proprio su quel terreno in cui l’intero spettro politico tedesco risulta ambiguo.

 

A questo proposito tu sei tra gli animatori a Berlino della campagna internazionale Bds. E recentemente il Bundestag ha votato una mozione in cui si definiva la campagna Bds antisemita. Una definizione particolarmente odiosa e un’accusa molto grave. Come hai letto, da ebreo, dissidente israeliano e attivista della campagna questo voto? E quali riscontri ha qui in Germania la campagna Bds?

Durante le sessioni dello scorso maggio al Bundestag, c’è stato un voto unanime contro la campagna Bds. Non un singolo parlamentare, nemmeno uno, ha votato contro l’equiparazione tra Bds e antisemitismo.Tre mozioni sono state presentate al parlamento. L’Afd, una coalizione Cdu-Spd-Verdi e la Linke hanno votato ciascuno per la propria mozione ma contro quelle quasi identiche presentate dai gruppi loro concorrenti. Per quanto ne so, nessun parlamentare ha scelto di esprimere una voce dissenziente. La maggior parte delle persone si aspetterebbe che io, in quanto dissidente israeliano, individui come avversari più insidiosi un partito espressamente razzista come Afd o magari il movimento anti-Deutsch che è ultra-sionista e soffre evidentemente di dissonanza cognitiva. Ma, paradossalmente, la minaccia di gran lunga maggiore alla libertà di espressione in Germania viene da una tradizione politica ben diversa; da chi ha creato le condizioni perché si arrivasse ai recenti attacchi contro le voci filo-palestinesi e il movimento Bds. E tra questi attacchi ci sono anche i tentativi di criminalizzare gli attivisti per reati d’opinione difficilmente dimostrabili senza quel genere di voto politico. Tra questi tentativi c’è anche il procedimento penale contro di me e altri compagni per aver stigmatizzato apertamente i crimini israeliani. Amaramente devo ammettere che i principali avversari che abbiamo di fronte fanno parte della sinistra tedesca. È il partito Die Linke e la sua ala di pubbliche relazioni, la Rosa Luxemburg Stiftung che, oltre a svergognare l’eredità della stessa Luxemburg, oggi è il nostro principale antagonista. Hanno alle spalle una storia decennale di falsa equiparazione tra Bds e l’antisemitismo e di isolamento delle voci che chiedono la piena uguaglianza in Israele-Palestina. Proprio come per la cosiddetta «sinistra» israeliana, anche quella tedesca giustifica il suo attacco ai diritti dei palestinesi con una facciata democratica e pseudo-liberale. Diventa fondamentale che gli attivisti, i militanti, gli elettori siano informati in maniera seria e per questo sono preziosi i giornalisti così coraggiosi e rigorosi da confutare discorsi colmi di menzogne. Retoriche che formalmente affermano di voler promuovere pace e giustizia mentre agiscono instancabilmente per proteggere e perpetuare sette decenni di crimini israeliani contro l’umanità. E le mistificazioni e accuse contro il movimento Bds non sono solo odiose per queste ragioni ma anche perché utili a distogliere l’attenzione da casi molto reali di antisemitismo e razzismo nell’estrema destra.

 

Andando oltre i partiti qual è la sensibilità sulle politiche sioniste nella società tedesca, nei media, nei movimenti sociali, nella sinistra diffusa?

Dal mio soggettivo punto di vista non esiste una sinistra politica tedesca, così come non ce n’è una in Israele e per ragioni molto simili. Ho scelto di stabilirmi qui proprio perché vedo questo contesto come il posto più sionista del mondo. È vero, ovviamente, che qui è necessario lottare non solo contro il sionismo o altre forme di suprematismo. Ma per esempio, la società tedesca incoraggia l’obbedienza e non mette mai in discussione l’autorità; e da questo punto di vista c’è ancora molta strada da fare. Il largo supporto politico, acritico e miope, all’impresa criminale sionista si presenta come una «soluzione semplice» per la società tedesca; un’adesione che libera psicologicamente l’intera società dal riflettere nel profondo sul proprio razzismo strutturale e sulla propria cieca obbedienza all’autorità. A dire il vero, ad alcuni giornalisti di testate importanti è stato necessario fare espressamente divieto dal diritto di critica verso le scelte del governo israeliano, ma su questa questione si va persino oltre. Esemplare a tal proposito è la definizione della Staatsräson tedesca – la ragione di Stato – una definizione suprema al di sopra di qualsiasi legge scritta, compresa la Costituzione, che tutela il singolo essere umano. Nella Staatsräson si sostiene che il compito fondamentale e la ragione reale per l’esistenza della Germania post-nazista è garantire l’esistenza dello Stato sionista, non importa a quale prezzo. Questo supporto fideistico da parte di un’intera società, il sostegno a uno Stato che commette crimini contro l’umanità elevato a ragione di Stato ufficiale è, credo, davvero molto significativo. E spiega efficacemente il motivo per cui ho deciso di stabilirmi qui e quanto importante sia il ruolo politico che i dissidenti israeliani come me possono svolgere in questo contesto.

 

Nelle recenti elezioni inglesi le accuse di antisemitismo contro Jeremy Corbyn e il Labour Party hanno avuto un peso importante quasi quanto il tema principale, la Brexit. Ora negli Usa sembra si ripeta lo schema contro la campagna di Bernie Sanders. Che idea ti sei fatto su questo imporsi nel dibattito politico di una nuova «emergenza antisemitismo»?

La cosa più urgente da dire è che oggi non esiste alcuna emergenza antisemitismo nella politica inglese. Anzi semplicemente non è mai esistita. E anche se non esisteva nella realtà, era ovunque nei media britannici e globali. Ma per i sionisti probabilmente potrebbe essere emersa una crisi antisionista. Le false accuse di antisemitismo, provenienti da organizzazioni sioniste, non si sono infatti fermate nemmeno dopo le recenti elezioni nel Regno Unito. Mentre parliamo, il Board of Deputies, che è una rabbiosa organizzazione sionista che pretende di rappresentare tutti gli ebrei, sta portando avanti l’assalto agli esponenti del Partito laburista britannico critici nei confronti del sionismo. E lo fanno con una campagna che vuole imporre loro di sottoscrivere un elenco di dieci impegni. Potremmo facilmente smontare i dieci impegni, evidenziando le bugie e la manipolazioni presenti in ognuno.

Sfortunatamente, però, la maggior parte dei media non si farà mai carico di un impegno così gravoso. Questo poiché è comunque più comodo rigurgitare il discorso esistente basato sulle menzogne. Discorso che parte sempre dall’accettazione della strumentale sovrapposizione tra ebraismo e ideologia sionista suprematista, riferendosi allo Stato sionista come «lo Stato ebraico», con il suo intrinseco sistema di apartheid e regime suprematista cui riferirsi come «democrazia israeliana» e così via. Gli stessi attacchi contro Corbyn sono ora rivolti contro Sanders e hanno la stessa validità. Dobbiamo ricordare che Sanders e Corbyn rappresentano una visione che è incompatibile col progetto sionista e per questo non si fermeranno davanti a nulla per toglierlo di mezzo. Basterebbe anche solo un leader di un paese della Nato che metta in discussione la legittimità anche solo di alcuni aspetti del sistema di oppressione sionista, per provocare un potenziale effetto domino. Come nel caso delle calunnie contro Corbyn, ora anche contro Sanders sono i cosiddetti referenti progressisti del «sionismo liberale» a guidare questa implacabile campagna di delegittimazione. E come è stato dimostrato con Corbyn, l’unica risposta efficace a tali tentativi può essere solo con toni non dispiaciuti e senza concedere nulla se non diritti pieni e uguali per tutte e tutti.

 

Però è innegabile che in diversi contesti, penso all’Italia, ma anche agli Stati uniti come alla Germania c’è effettivamente un aumento significativo di azioni antisemite, no?

Certo, è così. Questo innanzitutto perché c’è un diffuso sentire razzista «anti-qualcosa» e persino un ritorno evidente di forme più o meno esplicite di fascismo. Ed è un sentire in aumento in tutto il mondo. E include ovviamente anche l’antisemitismo. Ma la forma di razzismo di gran lunga più presente ed evidente in Germania è l’islamofobia. Per comprendere le ragioni dell’aumento degli atti di razzismo basterebbe osservare il consenso delle retoriche di odio di leader come Bolsonaro e Trump, Orban e Netanyahu, solo per citarne alcuni. Insieme all’ascesa delle forze fasciste, tuttavia, esiste una concreta possibilità per l’affermarsi di un movimento antirazzista globale, basato sui diritti e quindi universale. Il movimento Bds ne è un brillante esempio, ma per una voce globale deve ancora esserci l’incontro di altri gruppi oppressi ed emarginati come anche di altri indigeni di tutti i continenti. Di recente a Berlino abbiamo organizzato una marcia anticoloniale che ha riunito molti gruppi da tutto il mondo, incluso ovviamente il Bds palestinese. Stiamo davvero osservando la globalizzazione di una lotta antifascista davanti ai nostri occhi e ci sono molte ragioni per essere ottimisti, ma allo stesso tempo realisticamente abbiamo ancora molta strada da fare. Oltre a tutti questi processi, c’è anche uno straordinario aumento di un sentimento antisionista in tutto il mondo. Non è ancora prevalente in Germania, ma nei luoghi in cui la consapevolezza pubblica dei crimini israeliani è maggiore, vi sono crescenti critiche nei confronti del sionismo e delle sue pratiche criminali. Questo cambiamento nell’opinione pubblica è molto preoccupante per le organizzazioni sioniste che a loro volta rilanciano provando a confondere il sionismo con l’ebraismo, imponendo alla sinistra di assumere che essere antisionisti (e quindi antirazzisti) equivale a essere antisemiti. La nostra risposta a ciò dovrebbe semplicemente essere la negazione di ogni e possibile legame tra sionismo ed ebraismo.

 

Tuttavia c’è qualcosa che ancora non mi torna, probabilmente sono legato a schemi superati. Qualche giorno fa, per esempio, avete organizzato come Bds un presidio di fronte al Bundestag. Come prevedibile c’è stata una contro manifestazione, abbastanza piccola a dire il vero. C’è una foto dei contro-manifestanti che mi ha colpito. In primo piano c’è un sionista che sventola una bandiera israeliana, indossa un cappello da baseball con scritto «Make America Great Again». E fin qui visti i rapporti tra Trump e Israele potrebbe non esserci contraddizione. Ma alle sue spalle c’è un militante naziskin con testa rasata, tatuaggi e simboli che si richiamano alla destra neonazista tedesca. Come è possibile? Non c’è una contraddizione nell’alt-right e nei movimenti sovranisti globali che sventolano una bandiera con la stella di David e si richiamano alle forme più classiche di antisemitismo?

Non esiste contraddizione all’interno dell’alt-right. Essere antisemiti e sionisti è un fenomeno più che naturale. I primi sionisti erano esplicitamente anti ebraici e discutevano degli ebrei religiosi in Europa nei modi antisemiti più razzisti che si possano immaginare. Per questo cercarono di creare un «nuovo ebreo» che non aveva nulla a che fare con la religione ebraica e tutto con una forma moderna di nazionalismo e suprematismo. Il nazionalismo è un elemento estraneo al giudaismo e la falsa nozione di «nazionalismo ebraico» è una delle tante creazioni del sionismo che si allontanano dal giudaismo. Richard Spencer ha ragione al 100% quando si definisce «sionista bianco». A differenza dei cosiddetti sionisti liberali, Spencer in realtà è coerente. Il sionismo è semplicemente una forma di supremazia etnica che vuole parlare a nome di tutti gli ebrei, proprio come il Kkk afferma di parlare a nome dei cristiani o l’Isil a nome dei musulmani. La dissonanza cognitiva non riguarda Spencer ma ogni singolo «sionista liberale» come l’intera redazione del quotidiano Haaretz che gravita intorno a uno specifico ragionamento liberal sionista basato su menzogne. A differenza dei sionisti onesti e non pentiti come Spencer o la destra israeliana, i sionisti liberali devono costantemente mantenere una narrazione falsa per apparire eticamente morali e sionisti allo stesso tempo. Questo per due ragioni. In primo luogo, quel genere di discorso nasce da un bisogno quasi «psicologico» di raccontarsi come il volto umano e eticamente accettabile in una situazione evidentemente disumana. In secondo luogo, è funzionale a convincere l’opinione pubblica mondiale, anche in modo molto efficace, che esista qualcosa di legittimo nel progetto sionista per la Palestina. Così hanno creato con successo un mito: la possibilità che esista uno stato sionista che non sia profondamente contrario ai principi democratici di uguaglianza, multiculturalismo e rispetto dei diritti delle minoranze. Questo è un modo comprovato di disinformazione nello Stato di Israele, in cui non vengono inventati i fatti ma piuttosto si agisce su come raccontarli. Nel discorso pubblico si crea così una sorta di «area intermedia», di compromesso fittizio, in una dialettica avvincente tra due polarità: un suprematismo non apologetico da una parte e le persone che da questo vengono oppresse e sottomesse.

 

Concludendo spostiamoci proprio in Palestina. Da dissidente israeliano e attivista Bds come giudichi l’attuale situazione israelo-palestinese?

Per valutare la situazione in Palestina, anche nota come Israele, è importante comprendere il modo in cui si è lì imposto il progetto sionista. Questo problema fondamentale non ha mai riguardato la «terra», ma piuttosto quali fossero le persone a cui concedere il diritto di vivere su quella terra. Sono dei «nostri» o dei «loro»? Questo è il cuore della questione e la ragione fondamentale da cui nasce tutto ciò che sappiamo. Lo Stato di Israele è stato costruito letteralmente sulla Palestina e in particolare a spese della sua popolazione indigena. Alcuni furono espulsi sette decenni fa e a loro fu negato, e lo è fino a oggi, il ritorno alla propria terra; altri sono controllati giorno e notte da un esercito che nega i loro diritti più elementari, incluso il diritto alla vita; e un terzo gruppo vive come cittadini o residenti di seconda classe soggiogati, in uno Stato il cui principio fondamentale è negare loro i diritti riservati esclusivamente ai padroni della terra. In totale, quindi, ci sono tre distinti gruppi più o meno delle stesse dimensioni che vengono direttamente interessati da questo sistema di oppressione: parliamo di 20 milioni di persone in tutto. Un primo gruppo composto da chi beneficia di un sistema costruito esclusivamente nel suo interesse; un altro terzo della popolazione soggiogato o sotto una brutale occupazione militare. E l’ultimo terzo completamente assente dal territorio. A questi viene negato il diritto a tornare a casa da settant’anni per una e una sola ragione: «loro» non sono dei «nostri». Direi che tutto sommato poco è cambiato politicamente nel sistema Israele-Palestina. Ciò che sta cambiando, anche molto rapidamente, è però l’intera percezione della situazione. Questo per le forzature della destra israeliana al potere da una parte e per l’allargamento del consenso intorno alla campagna Bds nell’opinione pubblica globale. In altre parole tutto sta diventando più chiaro ed esplicito rispetto al passato. Ora che il discorso strumentale del «sionista liberale» sta finalmente perdendo peso politico, l’opinione pubblica come anche i rappresentanti politici di tutto il mondo si trovano in una condizione in cui sono obbligati a prendere una posizione: con gli oppressori o con gli oppressi? Con l’apartheid o la democrazia? Con i «diritti» da garantire solo a un gruppo esclusivo o a tutte le figlie e tutti i figli di questa terra?

 

Una novità si è prodotta proprio in questi ultimi giorni: il Piano di Trump. Come si inserisce questa novità nella tua valutazione? E quali sono gli elementi più significativi secondo te del piano presentato dal Presidente degli Usa?

Il Piano Trump contiene in realtà pochissime cose nuove o sorprendenti. Oltre al modo grottesco in cui è stato presentato, ci sono solo due punti realmente degni di nota. In primo luogo, il piano è la conseguenza ovvia e prevedibile della legge sullo «Stato nazionale ebraico», votata nel luglio 2018. In secondo luogo, è interessante prestare attenzione non solo a ciò che è stato detto, ma anche a ciò che è stato deliberatamente omesso. Iniziamo dal primo punto. Al contrario di quanto molti media scrissero rispetto alla legge sullo «Stato nazionale ebraico», nei testi giuridici israeliani poco o niente veniva modificato. Tutto ciò che era specificato nel testo di legge non era una novità, ma, anzi, era lì da sempre. La differenza è che alcune prassi giuridiche venivano solo rese esplicite. In particolare nel quadro giuridico dello Stato sionista, i diritti della razza/gruppo etnico vengono definiti dalla distinzione fondamentale tra diritti «nazionali» e diritti di «cittadinanza». Grazie a questa distinzione è stata possibile l’emersione progressiva di un regime di apartheid. Fondamentalmente si è creato un sistema legale a doppio livello che distingue tra alcune persone che vanno ricercate e richiamate verso lo Stato di Israele e altre persone che vanno espulse in quanto indesiderate. Un sistema che offre i diritti più alti e i privilegi più importanti a un gruppo esclusivo – definito secondo il concetto di «nazionalità» e contemporaneamente crea una fragile parvenza democratica offrendo a tutti i diritti di «cittadinanza». La legge dello Stato nazionale ebraico è servita solo al governo israeliano di destra per disvelare l’unica sostanziale differenza tra destra e sinistra israeliana. Quella tra forme esplicite e implicite di suprematismo. La legge infatti non cambia nulla rispetto al passato, ma ha valore rispetto a una pianificazione del futuro! Così nell’articolo 1, al comma c) si stabilisce che: «La realizzazione del diritto all’autodeterminazione nazionale nello Stato di Israele è unica prerogativa per il popolo ebraico». Con questa nuova Legge fondamentale approvata, praticamente impossibile da modificare, viene resa di fatto irrilevante l’intera questione della demografia o «la necessità di separarsi» dai palestinesi. E mentre la cosiddetta sinistra israeliana ha un disperato bisogno di creare uno stato palestinese o forzare un’autonomia dai palestinesi al fine di segregarne il maggior numero per mantenere il proprio Stato «razzialmente» puro, l’ala destra, che non si vergogna del proprio suprematismo, ha gioco più facile. Tutto ciò che serve è garantire che loro, e solo loro, resteranno i padroni della terra in futuro, indipendentemente dai futuri assetti demografici: i diritti «nazionali». Questo pone le basi per qualsiasi futura annessione di terra ma senza l’ossessione di porre attenzione al gioco dei numeri. Consentirebbe l’annessione immediata dell’Area C ma persino dell’intera Cisgiordania. Consentirebbe anche, se lo si desiderasse, il ritorno dei 6 milioni di rifugiati palestinesi nella diaspora, perché nei fatti espulsi da qualunque possibilità di esercitare diritti politici o effettivo potere decisionale. Consentirebbe formalmente di dare «piena cittadinanza» alla popolazione annessa assicurandosi che i sionisti rimangano i padroni della terra. E il piano Trump è pionieristico da questo punto di vista perché fa un primo e significativo passo verso una serie di cosiddette annessioni legali e democratiche. E qui passiamo al secondo aspetto rilevante che riguarda il Piano di Trump: le omissioni necessarie verso i sionisti israeliani. YNet, la più grande piattaforma di notizie israeliana, ha scelto di pubblicare il discorso di Trump-Netanyahu ma, attraverso una piccola correzione, ha avuto la premura di censurare una frase di Trump. Sfortunatamente non erano le sue dichiarazioni da macho a Mike Pompeo, ma si trattava piuttosto di questo impegno: «Nessun palestinese o israeliano verrà sradicato da casa sua». Nella psiche collettiva israeliana quella frase è incomprensibile perché totalmente inaccettabile. E quel passaggio era tutto sommato persino un impegno controproducente giacché l’intero obiettivo del Piano è annettere legalmente la terra, cosa che inevitabilmente richiederà lo sradicamento forzato, ancora una volta, dei palestinesi dalle loro case. La novità è che questa volta ciò potrà avvenire sotto l’ombrello legale di un corpus normativo democratico in un cambio di un paradigma ancora al di là dall’essere compreso realmente sia in Israele sia nell’opinione pubblica globale.

* Ronnie Barkan è un attivista ebreo israeliano, co-fondatore dell’associazione Boycott from Within e del gruppo Anarchists against the Wall, tra i principali portavoce del movimento Bds. Per scrivergli o seguirlo su Twitter: @ronnie_barkan. Nicola Carella è ingegnere e attivista. Dal 2012 vive a Berlino occupandosi di welfare, precarietà e cambiamenti macroeconomici.

da qui

 

Israele punisce i palestinesi nel loro stile di vita personale e espressivo quotidiano – Ahmed Abu Artema

Israele non solo continua da 72 anni la sua politica di dislocamento, occupazione e aggressione contro i palestinesi indigeni, ma la politica di Israele include anche l’accusa ai palestinesi di esprimere i loro sentimenti e di esercitare le loro attività quotidiane. Israele cerca di eliminare radicalmente la presenza palestinese.

Nella tensione diretta tra palestinesi e autorità di occupazione, a Gerusalemme, in Cisgiordania occupata, e in Palestina occupata dal 1948, i palestinesi sentono di essere assediati non solo nelle loro azioni ma anche nei loro sentimenti. Celebrare i prigionieri appena liberati o persino partecipare a qualsiasi funerale di un palestinese assassinato dalle forze di occupazione israeliane, sono violazioni, secondo la legge israeliana, che giustificano l’arresto dei palestinesi che prendono parte a tali eventi o  l’emissione di pesanti multe per somme elevate di denaro.

Amjad Abu Assab, dirigente del Comitato delle famiglie dei prigionieri di Gerusalemme, ha affermato che le autorità israeliane hanno trattenuto molti  prigionieri di Gerusalemme mentre uscivano di prigione dopo aver scontato lunghi anni di detenzione.  Questi sono stati fermati, trattenuti dalle forze israeliane e poi rilasciati dopo essere stati costretti  a firmare impegni  a non celebrare o partecipare ad azioni politiche o pacifiche, limitando così la loro libertà .

Ismael Afana, 38 anni, di Gerusalemme occupata, dopo aver scontato 18 anni nelle carceri israeliane, è stato nuovamente imprigionato e sottoposto a un interrogatorio presso la stazione di polizia del Russian Compound  a Gerusalemme Ovest, e poi rilasciato dopo alcuni giorni.
Come raccontano i familiari, le autorità israeliane hanno accusato Afana di aver pianificato la celebrazione della sua imminente liberazione dalla detenzione a lungo termine.

Di conseguenza, non è stato rilasciato fino a quando Afana non ha promesso per iscritto di non organizzare alcuna celebrazione o partecipare a qualsiasi attività correlata. Le autorità israeliane limitano ogni raduno pubblico palestinese, temendo sempre che gli eventi possano diventare sfide più ampie per le politiche di occupazione e dislocamento.

In questo contesto, Ali Almoghrabi, portavoce del Centro Studi  Asra (Prigionieri della Palestina), ha dichiarato: “Tali celebrazioni sono considerate uno dei metodi di resistenza popolare, quindi l’occupazione cerca di fermarle reprimendo ogni spirito di resistenza o patriottismo”.

Secondo il Palestinian Prisoners Club, gli israeliani seguono questa politica al fine di diffondere la delusione tra i palestinesi nella Gerusalemme occupata in modo che nessuno possa vedere il prigioniero come un eroe.

Ali Almughrabi, portavoce dell’ufficio informazioni di Asra racconta che Wassem Aljallad, 42 anni, di Gerusalemme,  liberato dopo una pena detentiva di 15 anni, lo scorso luglio è stato nuovamente arrestato e trasferito  alla stazione di polizia di al-Maskubiya.

AlJallad  quando fu arrestato si era appena sposato, le forze israeliane  fecero irruzione in casa sua che era ancora in pigiama. Fu accusato di aver partecipato a operazioni militari contro l’occupazione.

Alla sua liberazione, la famiglia aveva pianificato di organizzare nuovamente la festa nuziale, ma le autorità israeliane lo hanno costretto ad annullare le cerimonie, a non festeggiare la sua liberazione e/o partecipare a qualsiasi riunione. Queste le condizioni  per liberarlo. Lo hanno anche espulso da Gerusalemme per 2 settimane, in aggiunta alle condizioni sta pagando una garanzia finanziaria di $ 1.400 (un altro importo non pagato ammonta a  $25.000). È stato rilasciato con un giorno di ritardo rispetto alla data prevista nel luglio 2019.

Mentre le autorità di occupazione esercitano restrizioni sull’espressione di felicità dei palestinesi, le restrizioni vengono applicate anche alla tristezza dei palestinesi. Le autorità di occupazione impediscono la partecipazione popolare ai funerali dei martiri, quei palestinesi che sono stati uccisi in via extragiudiziale dalle forze di occupazione israeliane.

L’IOF nega il rilascio dei corpi dei palestinesi che hanno ucciso, quindi rilascia i corpi, a condizione che solo alcuni membri della sua famiglia possano partecipare al funerale.

Il 13 febbraio, le autorità di occupazione hanno rilasciato il corpo del martire palestinese, Shadi Banna, dei “territori occupati del 48 “, dimostrando quanto sia  arrogante, l’IOF ha costretto la sua famiglia a seppellirlo, senza tenere una cerimonia funebre e con solo 40 partecipanti.

 

Shadi Banna aveva sparato ai soldati israeliani a Gerusalemme. La politica israeliana di impedire lo svolgimento dei funerali, mira a impedire alle persone di essere ispirate da questi martiri. Israele cerca di uccidere tutti gli umani che resistono e qualsiasi presenza di identità nazionale nel popolo palestinese, vietando loro di tenere qualsiasi incontro che ricordi ai palestinesi la loro lotta per la libertà.

Ahmed Abu Artema è un giornalista palestinese e attivista per la pace. Nato a Rafah nel 1984, è un profugo del villaggio di Al Ramla. Ha scritto il libro Organized Chaos.

Questo articolo è stato scritto in inglese da Ahmed Abu Artema per Invictapalestina.org, tradotto dalla nostra redazione e pubblicato per la prima volta il 16 febbraio 2020.

https://www.invictapalestina.org/archives/37847#more-37847

 

I manifesti pubblicitari di Tel Aviv sono un esempio del fascismo israeliano – Gideon Levy

Mi piace leggere gli articoli di Nave Dromi. È sincera, estrema, secolare e distilla fascismo puro, senza inibizioni e senza maschere. Chi se ne frega dell’Aia Torneremo a Gush Katif. Il primo ministro Benjamin Netanyahu è l’ultima difesa contro il sistema legale.I palestinesi devono scusarsi, “e se dipendesse da me, non li perdonerei “. Lei è una dichiarata fascista ultranazionalista che crede che gli ebrei meritino tutto e i palestinesi niente; che i diritti umani siano per gli stupidi e che l’intera terra sia sua. È molto più onesta dei prevaricatori del centro sinistra.

Sono rimasto impressionato dalla sua onestà durante la lettura del suo editoriale su Haaretz (“Abbiamo ragione ad appendere cartelloni pubblicitari che mostrano Abbas e Haniyeh come terroristi sconfitti”) dove lei, con Israel Victory Project, ha difeso gli osceni cartelloni pubblicitari dell’organizzazione raffiguranti la desiderata vittoria israeliana sulla leadership palestinese in ginocchio,bendati e con le loro terre distrutte .

Il suo articolo sintetizza il pensiero fascista israeliano. Molti sognano una vittoria israeliana del genere con il presidente dell’ufficio politico Mahmoud Abbas e Hamas, capo dell’ufficio politico Ismail Haniyeh, legati  e bendati mentre la loro terra è in fiamme.
Il suo articolo  potrebbe rappresentare l’opinione prevalente del mainstream israeliano. Israele si comporta secondo i valori  espressi da  Dromi più di quanto non faccia con qualsiasi altro valore. Quindi è meglio  definire ciò con il suo nome: fascismo. Il fatto che il coraggioso e determinato sindaco di Tel Aviv, Ron Huldai, abbia ordinato la rimozione dei manifesti non significa che il messaggio sia stato cancellato. È profondamente inscritto nella nostra società.
Dromi vuole mettere fine all’idea che sia  Israele  a dover  fare delle concessioni. Cosa dovrebbe concedere? Ha rubato un paese, espulso un popolo, espropriato i Palestinesi delle sue  terre , represso la loro libertà, calpestato i loro diritti. Ha  ucciso, umiliato, ferito e saccheggiato e ora dovrebbe anche concedere? Basta con questa distorsione. Non abbiamo richiesto abbastanza. Non abbiamo rubato abbastanza. Non abbiamo versato abbastanza sangue. Non abbiamo umiliato o tiranneggiato abbastanza. Dobbiamo chiedere di più. Dobbiamo sconfiggere il terrorismo , dobbiamo  bendare  gli occhi e schiacciarlo, dobbiamo smettere di vedere il nemico come una vittima. Vittima? Quale vittima? Hanno ucciso sette combattenti di Palmah a Beit Keshet nel 1948.
Poi affronta l’argomento principale, che costituisce il cuore del sionismo: le rivendicazioni palestinesi sulla proprietà della terra sono prive di fondamento e ingiustificate. Un popolo senza terra giunse  in una terra senza popolo,  cosa hanno a che fare questi nomadi , finiti qui per caso, con la nostra terra che è solo nostra   e tutta nostra . Questa non è l’ ‘opinione di una  minoranza; se lo  fosse stata, lo stato non sarebbe mai stato istituito  così come è
Su quale base hanno diritti qui? Perché vivevano qui da centinaia di anni? Perché erano la stragrande maggioranza prima che gli ebrei arrivassero  a frotte, la maggior parte fuggendo dall’orrore europeo? Perché anche oggi sono metà della popolazione della terra tra il fiume e il mare, la metà  della quale  nativa, radicata, non immigrata? Ma non hanno  ricevuto una promessa divina e la Bibbia non dice una parola sui loro diritti, quindi non esistono. Le storie bibliche forniscono più diritti di proprietà rispetto a qualsiasi atto di proprietà ottomana. In parole povere i palestinesi non sono ebrei e quindi non hanno diritti.
Ma questo conflitto è stato imposto  a noi”, geme il progettista delle immagini di resa. Il nostro piccolo Srulik, al quale è stato imposto questo conflitto, vuole davvero solo la pace. Come Dromi. Pace come quel nauseabondo poster della vittoria a Tel Aviv raffigura . “Occupazione” è una parola che non esiste nel dizionario israeliano di Dromi. I palestinesi sono spazzatura . E’ mai  accaduto che  un popolo accettasse di arrendersi come lo ritrae il poster della vittoria? E’ mai  successo nella storia che un popolo decidesse di non combattere per la sua libertà, per i suoi diritti nazionali e  contro il suo occupante?
Dromi non è un fenomeno marginale, una curiosità ideologica. Il manifesto  deliberatamente provocatorio , rappresenta fedelmente il sionismo dai suoi inizi fino ai giorni nostri. Questo è quello che pensavano i fondatori dello stato ed è quello che  pensano oggi gli israeliani.

da qui

 

Il sacro compito di impedire ai palestinesi di raggiungere il posto di lavoro – Amira Hass

Dal 2016 Israele ha revocato i permessi di ingresso  alle persone che hanno  cognomi identici a quelli degli assalitori palestinesi. Si chiama deterrenza

C’è un ufficiale responsabile della libertà di informazione presso il Coordinatore delle attività governative nei Territori, ma non ha familiarità con la Legge sulla libertà di informazione. Circa un mese fa lo ha ribadito in un’audizione giudiziaria . Una  petizione chiedeva  al Ministero della Difesa di chiarire i criteri  utilizzati per revocare i permessi di ingresso  ai  parenti di aggressori contro israeliani.
L’autrice della petizione, l’avvocato Tamir Blank, ha chiesto all’agente se aveva considerato la sua richiesta di informazioni  a tal proposito . La sua risposta è stata : “Non lo so. Non ho familiarità con la legge. “
Questa strana rivelazione non fa che peggiorare l’ordine fuori dal comune dell’allora ministro della Difesa Avigdor Lieberman nell’agosto 2016: cancellare i permessi di ingresso  in Israele ai  parenti di aggressori palestinesi. La petizione ,ai sensi della legge sulla libertà di informazione, è la ciliegina sulla cima di una battaglia legale – che non ha ricevuto pubblicità – ma alla fine  ha ridotto l’arbitrarietà della direttiva di Lieberman e la sua applicazione..

Coloro che hanno attuato la direttiva nell’ottobre 2016 sono stati COGAT e l’Amministrazione di collegamento ad esso subordinato. I soldati delle unità di collegamento inizialmente hanno chiamato questo tipo di revoca di permesso  :”Operazioni Branch Prevention: Sanction”. Nel 2018 hanno modificato il termine in :  “Sanction” in “Deterrence”. Operation Branch Prevention, di natura amministrativa, in  contrasto con lo stesso Shin Bet, che definisce chiaramente  quando una persona è”un rischio per la sicurezza”.
Durante il primo anno di attuazione della direttiva di Lieberman (fino alla fine del 2017), ai lavoratori che possedevano permessi  con nomi identici a quelli dei palestinesi che avevano attaccato o  erano sospettati di aver compiuto azioni contro  gli israeliani, non era permesso passare attraverso i checkpoint .
In realtà tali  le autorizzazioni,  che permettono ai datori di lavoro di assumere lavoratori palestinesi – non sono state mai  effettivamente revocate . e, se scadute , veniva rinnovate  senza alcun problema.
Questo, tuttavia, non era il caso dei commercianti,che ricevono i loro permessi direttamente dagli uffici di collegamento. Quando hanno cercato di chiedere la rimozione dell’ostacolo, spesso con l’aiuto delle donne  di  Machsom Watch, è emerso che non esisteva nemmeno un modulo di domanda adeguato.. Alla fine, le donne di Machsom Watch hanno capito che in ogni ufficio di collegamento il decreto era attuato in modo diverso: non esisteva una procedura uniforme .
Il 14 dicembre del 2017   un gran numero di permessi sono stati revocati tutti in una volta, danneggiando centinaia di persone  appartenenti allo stesso  clan. La loro connessione familiare con l’autore dell’attacco o del tentativo di attacco era molto distante o addirittura inesistente. Solo  .il cognome era identico.
Nel marzo 2018 gli avvocati hanno iniziato a presentare alla corte distrettuale di Gerusalemme (nella sua qualità di tribunale amministrativo) petizioni di palestinesi che erano stati danneggiati dalla direttiva e dalla sua attuazione.
La Procura della Repubblica ha rivelato la confusione esistente  nella legge, nulla era previsto per la revoca di un permesso. L’accusa ha ripetutamente richiesto il rinvio delle audizioni, spiegando che la posizione delle autorità in materia non era ancora stata formulata.
Inizialmente i giudici hanno aderito alle richieste di rinvio. Quando non hanno aderito, lo stato non ha presentato una dichiarazione in risposta ai firmatari e ha semplicemente annullato la revoca dei permessi di ingresso dei firmatari che  sono tornati al lavoro.
La diga è stata aperta nel luglio 2018 con la cancellazione delle “Operazioni Branch Prevention” . Ciò è stato ripetuto in dozzine di petizioni . Alla fine i tribunali hanno stabilito che lo stato doveva pagare le spese processuali.
Nell’ ottobre 2018,  due anni dopo che la burocrazia militare ha negato l’ingresso in Israele a migliaia di titolari di permessi palestinesi, in modo radicale e arbitrario, il procuratore generale ha annullato la giustificazione per la revoca di molti permessi. Questo è un risultato notevole per i firmatari e gli avvocati.
Finalmente , dopo aver presentato nuove petizioni, l’avvocato Blank ha ricevuto la risposta dello stato: “La persona in questione è parente di un aggressore e quindi non soddisfa i criteri per l’ingresso in Israele”,ma non ha  trovato alcun criterio  sul sito web  del COGAT.
Nel novembre 2018 ha presentato a COGAT una richiesta ai sensi della legge sulla libertà di informazionee, chiedendo  dove fosse stato pubblicato il criterio, quale fosse la sua esatta formulazione, da quando era in vigore, quale era la procedura per presentare un ricorso e per quanto tempo il divieto di ingresso  sarebbe durato e quali erano i criteri per abolirlo. 
Ha ricevuto una risposta che non ha risposto alle sue domande.
Nel frattempo, all’inizio di febbraio 2019  la Procura distrettuale di Gerusalemme ha dichiarato che le autorità stavano elaborando i criteri e alla fine di quel mese ha annunciato che i lavori erano stati completati. Quindi ,più di tre anni dopo l’inizio dell’attuazione della direttiva di Lieberman.

Nell’agosto 2019 presso il tribunale del distretto di Tel Aviv, Blank, in rappresentanza di 18 volontarie  di Machsom Watch, ha presentato una petizione per la pubblicazione dei criteri .
Solo una volta presentata la petizione, l’ufficiale COGAT incaricato della libertà di informazione ha dato una risposta parziale  a tale richiesta.
Sottolinea Blank. “Vedo che i criteri tengono conto della gravità del caso. Vedo  che i criteri distinguono tra un cugino che vive vicino all’assalitore e qualcuno che vive in un’altra città e non ha alcun legame con lui:Si vuole  sapere come tutte queste variabili influenzano il periodo di prevenzione dell’ingresso del parente ”.
Ha aggiunto che le ordinarie prevenzioni di ingresso sono valide per sei mesi. ” E’ come mettere una persona in una stanza non illuminata, dove  viene calpestato e non sa da chi . In molti casi che conosciamo, le persone che hanno lavorato per 10 o 20 anni in Israele sono state danneggiate. Non erano mai stati in precedenza in questa cerchia di problemi sulla sicurezza e all’improvviso una procedura mette in conflitto un’intera famiglia ”.
La procura del distretto di Tel Aviv ha respinto le accuse di denigrare la legge sulla libertà di informazione ritardando la presentazione di una risposta. “Un’autorità non è obbligata a creare nuove informazioni su richiesta di un richiedente o ad adattare le informazioni esistenti alle sue esigenze”, ha scritto l’ufficio in una sintesi presentata al tribunale questa settimana.
L’ufficio ha aggiunto che la definizione di aggressore rispecchia  “la definizione di  attacco terroristico  e  tutte le informazioni che non sono state fornite, incluso il periodo di prevenzione, sono prodotte dallo  Shin Bet]  “.
La legge sulla libertà di informazione  ha osservato l’ufficio del procuratore, esonera tutte le informazioni che Shin Bet ha raccolto, prodotto o detenuto, quindi in conformità con la legge la petizione deve essere respinta. Per quanto riguarda la testimonianza dell’ufficiale COGAT responsabile della legge :  “Non è un avvocato e il fatto che non abbia ricordato il numero delle disposizioni della legge non significa che non sia competente nel suo lavoro.”
Già prima della pubblicazione della sintesi dalla procura, Haaretz ha chiesto a COGAT come spiega che “la persona ,nominata  responsabile della legge sulla libertà di informazione ,non ha familiarità con la legge?”
Questa  è la  risposta a questa singola frase : “Contrariamente a quanto è stato affermato, l’ufficiale in questione svolge le sue funzioni fedelmente tutto il giorno e con la professionalità richiesta nell’ambito della sua area di responsabilità.  I  valori delle forze di difesa israeliane costituiscono un faro per tutti gli ufficiali  delle attività governative nei territori che vedono il loro servizio militare come una missione e agiscono per preservare la sicurezza dello Stato di Israele e dei suoi cittadini.Anche se non consideriamo favorevolmente il tentativo di rappresentare l’incidente con derisione , ignorando il quadro completo e la pressione di quel momento, il verbale della riunione sarà esaminata a fondo dai professionisti interessati.
Ci rammarichiamo per la scelta di infangare la reputazione di un ufficiale dell’unità che fa tutto ciò che è in suo potere per far avanzare il diritto del pubblico a conoscere e ad applicare rigorosamente le leggi. Sottolineiamo  che il Dipartimento per le indagini pubbliche  continuerà  nel sacro compito. “

da qui

 

Richard Silverstein : Daniel Pipes pubblica manifesti genocidi anti-palestinesi nel centro di Tel Aviv

Uno dei gruppi affiliati di Daniel Pipes, l’Israel Victory Project, ha pagato  cartelloni delle dimensioni di un grattacielo a Tel Aviv con immagini di Mahmoud Abbas e Ismail Haniyeh con gli occhi bendati, con in mano una bandiera bianca che chiedono misericordia in ginocchio. Intanto  elicotteri israeliani si librano sopra un paesaggio palestinese decimato. La didascalia è: “Puoi solo fare pace con i nemici che sono stati completamente umiliati”. Questa può essere giustamente definita una versione giudeo-fascista della Soluzione Finale.La  fondazione di  Pipes è  il  Middle East Forum , un think tank pseudo-accademico creato per promuovere l’islamofobia e la propaganda filo-israeliana, come conferma il sito web  IVP . In passato ha espresso opinioni simili   appoggiando lo sterminio di Gaza a meno che non ponga fine agli attacchi terroristici contro Israele. Pipes fondò anche Campus Watch, che servì da modello per il gruppo fascista israeliano di maggior successo , Im Tirzu . Quel gruppo controlla professori e i programmi dei corsi che non aderiscono a un orientamento strettamente pro-Israele. Esorta le università a licenziare i professori che attraversano le linee rosse stabilite da questa organizzazione .Il sindaco di Tel Aviv, Ron Huldai, ha chiesto alla società pubblicitaria di rimuovere  i manifesti  . Così è avvenuto con sgomento del gruppo Pipes, che ha promesso di portare il caso davanti alla Corte Suprema. La logica di Huldai per la rimozione del cartellone pubblicitario offensivo è interessante : :”Il manifesto  incita alla violenza e ricorda l’ISIS e i nazisti.  Degradare l’altro non è il nostro modello” 
.L’unica cosa falsa  del manifesto  sono le immagini in primo piano di Abbas e Haniyeh in ginocchio. La distruzione di  Gaza è avvenuta ripetutamente da parte israeliana . Generali  israeliani  e leader politici hanno avvertito che le città palestinesi e libanesi sarebbero state bombardate  e fatte ritornare all’età della pietra. Quindi, c’è chiaramente un pensiero verso il genocidio  tra gli israeliani nella loro battaglia con i loro vicini arabi, compresi i palestinesi. L’annuncio rappresenta  questo  graficamente.
Queste immagini  sono  imbarazzati quando sono appese su edifici di dieci piani nella principale città del paese, costringendo a riconoscere ciò che si preferisce nascondere. Ecco perché Huldai li ha tirati giù così in fretta. La sua città ha una reputazione cosmopolita da difendere per i milioni di turisti che la visitano ogni anno. Sarebbe terribilmente imbarazzante per loro vedere con i propri occhi l’obiettivo finale di Israele: eliminare la Palestina attraverso il degrado assoluto e lo sterminio genocida.
Nel tentativo di confutare questo post gli apologeti israeliani  all’estero hanno affermato che il cartellone pubblicitario non rappresenta realmente le opinioni degli israeliani. È il prodotto di alcuni pazzi, ecc. Chiunque sappia davvero qualcosa sulla società e sulla politica israeliane sa che tale odio dilaga  nella società israeliana. È uno dei motivi per cui l’estrema destra israeliana ha dominato nel  governo e nella politica per decenni (con alcuni brevi intervalli che sono stati eccezioni).
Huldai ha ragione in un’affermazione: il tabellone è un grande incitamento per i militanti palestinesi che lo percepiscono come una provocazione alla quale devono rispondere con una violenza  adeguata  alla violenza dell’immagine. In questo modo Pipes incoraggia il terrorismo sia dei palestinesi che degli ebrei israeliani. È un vero erede di Kahane. Come lui ha importato in Israele una forma mostruosa di odio. esacerbando  le tensioni .  I  giudeo-nazisti sono un mostruoso tumore  per il popolo ebraico.
Se Israele fosse un paese veramente democratico, dichiarerebbe Pipes e il suo gruppo persona non grata, vietandone  l’ attività politica .Invece l’Università Ebraica ha annunciato che gli studenti volontari che lavorano per il gruppo fascista riceveranno un credito accademico .Si tenga presente che il governo rifiuta di fornire volontari alla ONG per i diritti dei lavoratori, Kav L’Oved, a causa della sua “politica controversa”. Im Tirzu è onorato dal mondo accademico israeliano e dalla classe politica del paese.
Se  si nutre qualche esitazione  nel sostenere un boicottaggio accademico, dopo questo degrado  dei valori accademici  i dubbi non dovrebbero più sussistere  L’estate scorsa, durante una delle prime tornate elettorali, un partito omofobico ortodosso ha montato enormi cartelloni pubblicitari a Tel Aviv che dicevano:“Orgoglio è far  sposare tuo figlio con una donna.  Israele sceglie di essere normale.”Anche in questo caso il comune ha rimosso l’annuncio, ma   un tribunale ha dichiarato di non poterlo censurare.  In sintesi  l’omofobia, l’odio e il genocidio sembrano andare di pari passo nell’attuale Israele.

da qui

 

La censura prevarrà sul Primo Emendamento? – Paul Craig Roberts

 

Ricordo quando la censura in America era un fenomeno limitato. Venne applicata durante il periodo di guerra: “la lingua sciolta affonda le navi”. Si applicava alla pornografia. Si applicava a parolacce sulle onde radio pubbliche e nei film. Si applicava alla violenza nei film. Poteva esserci violenza, ma non al livello che è ora diventato comune.

Oggi la censura è onnipresente. È ovunque. Negli Stati Uniti la censura è sia imposta dall’alto, sia fluisce dal basso verso l’alto. La censura è imposta dall’alto, ad esempio, dalla TV e dalla stampa, da Google, Facebook, Twitter e dalle leggi di 28 stati che vietano le critiche e la partecipazione ai boicottaggi di Israele e dall’ordine esecutivo del presidente Trump che impedisce il finanziamento federale delle istituzioni educative che consentono critiche di Israele. La censura scorre dal basso verso l’alto, a esempio, da persone di razze protette, generi e preferenze sessuali che affermano di essere offese.

L’onnipresente censura che oggi è caratteristica degli Stati Uniti ha chiuso i comici. Ha chiuso le critiche contro i non bianchi, gli omosessuali, i transgender, le femministe e Israele. Le spiegazioni ufficiali sono schermate etichettando gli scettici “teorici della cospirazione”. L’onnipresente censura negli Stati Uniti è uno sviluppo eccezionale  poiché la Costituzione degli Stati Uniti garantisce la libertà di espressione e una stampa libera.

Dobbiamo apprezzare la giornalista Abby Martin per averci ricordato il nostro diritto alla libertà di parola. Abby sta facendo causa allo Stato della Georgia, uno dei 28 stati che hanno violato la protezione costituzionale della libertà di parola.

Abby doveva  tenere il discorso di apertura durante una conferenza alla Georgia Southern University. Scoprì che per parlare pubblicamente in un college della Georgia doveva firmare un giuramento di fedeltà di non criticare Israele. (Qualunque tipo di lavoro o prestazione si dovrà fare, se supera il compenso di mille dollari, richiederà la dichiarazione che non si partecipi al BDS ndt.)  Il suo rifiuto di firmare ha comportato l’annullamento della conferenza. (Per la solidarietà dei colleghi ndt.)

Qui abbiamo  lo stato della Georgia che blocca la libertà di parola per chi non sosterrà la posizione israeliana sulla Palestina. Vedi: https://www.lewrockwell.com/2020/02/no_author/journalist-abby-martin-sues-state-of-georgia-over-law-requiring-pledge-of-allegiance-to-israel/

Inoltre: https://www.timesofisrael.com/filmmaker-who-wouldnt-sign-georgias-oath-not-to-boycott-israel-sues-us-state/

Pensaci un attimo. Più della metà dei 50 stati che compongono gli Stati Uniti hanno approvato leggi che rappresentano una chiara violazione della Costituzione degli Stati Uniti. Inoltre, questi 28 stati hanno imposto la censura a nome di un paese straniero. Gli americani hanno i bavagli appiccicati in bocca perché 28 governi statali mettono l’interesse di Israele al di sopra del Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti. Cosa  ne è della democrazia e del governo responsabile, quando lo stesso governo si oppone alla libertà di parola?

Perché 28 stati dovrebbero legiferare contro la Costituzione degli Stati Uniti? Una spiegazione è che i governi statali sono stati acquistati dalla lobby israeliana con denaro sotto banco, promesse di donazioni di campagne politiche o minacce di finanziamento di candidati rivali. In che altro modo si può spiegare che 28 governi statali  impongano la censura a nome di un paese straniero?

Abby Martin è una persona che non lo tollererà. Ha intentato una causa che, se la Corte Suprema degli Stati Uniti è ancora un protettore del Primo Emendamento, si tradurrà che in 28 leggi statali  l’ordine esecutivo di Trump verrà annullato. La protezione di Israele contro il boicottaggio è parallela alle leggi statali approvate negli anni ’50, che impedivano al movimento di Martin Luther King di boicottare le imprese che praticavano la segregazione razziale. Queste leggi furono annullate dalla Corte Suprema.

Il risultato della causa di Abby Martin ci dirà se la Costituzione degli Stati Uniti è ancora un documento vivo.

(Trad. Carmela Ieroianni – Invictapalestina.org)

da qui

 

 

7 marzo: «Premio Stefano Chiarini»

Siamo arrivati alla 11°edizione del Premio Stefano Chiarini, che si terrà a Modena sabato 7 marzo dalle 15 alle 20 presso La Tenda (seguirà la cena).

Il Premio sarà attribuito al giornalista-scrittore Alberto Negri, già ricercatore all’Istituto di studi di politica internazionale e giornalista del Sole 24 Ore, per cui ha seguito da oltre 20 anni gli eventi politici e bellici in Medio Oriente, Africa, Balcani, Asia centrale. Mentre il Premio Maurizio Musolino 2020, sarà consegnato a Kamel Mohanna presidente dell’Associazione Internazionale AMEL e coordinatore del collettivo ong libanesi e arabe. E’ anche pediatra e professore all’Università libanese.

L’evento sarà caratterizzato, oltre che da momenti musicali, da letture degli articoli di Stefano Chiarini e Maurizio Musolino; da alcune proiezioni di reportage realizzati nei campi profughi palestinesi in Libano; da riflessioni sulla situazione mediorientale e sul mondo del volontariato.
Saranno presenti all’iniziativa: la giornalista Stefania Limiti; l’avvocato Fausto Gianelli dei Giuristi Democratici; Bassam Saleh giornalista e presidente associazione “Amici dei prigionieri palestinesi”; Vincenzo Stefano Luisi presidente di Palestine Children’s Relief Fund Italia (PCRF), etc.

Anche quest’anno, il Premio Stefano Chiarini sarà anticipato da un’anteprima:  il giorno 6 marzo, sempre a Modena, verrà presentato il libro «Arafat» di Stefania Limiti.

Con l’autrice Stefania Limiti che da anni segue la questione palestinese ma anche le pagine oscure della recente storia italiana sarà presente Roberto Prinzi (giornalista Nena News Agency). La serata sarà coordinata da Mirca Garuti di Alkemia.

«A novant’anni dalla nascita di Yasser Arafat, e a quindici dalla sua scomparsa, Stefania Limiti ripercorre le tappe della vita di questo personaggio controverso, eroe per alcuni e terrorista per altri, leader carismatico, uomo politico sempre molto più aperto al dialogo e al compromesso di quanto i suoi avversari vogliano ricordare».

Per contatti:mirca_garuti@yahoo.it

La Bottega del Barbieri

Un commento

  • L’onorevole Stefano Fassina ha presentato nella seduta della Camera dei Deputati del 3 marzo scorso la Interpellanza registrata con il numero 314, co-firmata dagli onorevoli Erasmo Palazzotto e Federico Fornaro per sapere dal Ministro per gli Affari Esteri:
    se risponda al vero che nel Consiglio dei ministri per gli affari esteri dell’Unione europea il voto dell’Italia si sia unito a quello di altri 5 Stati per impedire l’adozione di una risoluzione di critica al piano proposto dall’Amministrazione Trump e, in caso affermativo, in base a quali motivazioni;

    quali iniziative il Governo intenda adottare se, come è auspicabile, la notizia fosse infondata, al fine di smentirla ufficialmente;

    quale posizione il Governo ritenga di assumere nei confronti del Piano Trump sia per concorrere alla tutela del diritto internazionale sia in rapporto agli interessi nazionali, tenuto conto delle reazioni che la sua attuazione potrebbe provocare in un’area vitale per la pace nel Mediterraneo e, quindi, per il nostro Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *