Adrienne Rich: «Ai giorni»

206esimo appuntamento con “la cicala del sabato” (*)

Ai giorni

Da voi pretendo più di quanto abbia mai chiesto,
tutto – le terribili storie della vita del mio tempo
raccontate dal telegiornale, sapere che è peggio di così,
molto peggio – sapere cosa significa quando ti raccontano bugie.

Nebbia al mattino, fame di luce,
caffè, pane e marmellata di prugne.
Anime intorpidite nei quartieri tranquilli.
Vita che continua a ticchettare come se.

Il torrente di una macchina da scrivere, improvvisamente immobile.
Il blu dilagante nella nebbia, due libellule che vorticano.
Livelli accettabili di crudeltà, in continuo aumento.
Qualsiasi cosa portiate in mano, devo vederlo.

Improvvisamente capisco il verbo senza tempi.
Odorare i capelli di un’altra donna, assaporare la sua pelle.
Conoscere i corpi alla deriva sott’acqua.
A essere umani, diceva Rosa – questo non posso insegnarvelo.

Un gatto beve da un vaso di calendule – il suo momento.
Davvero l’amore della vita è senza fine,
l’attimo di panico, un fusibile bruciato?
Pretendo da voi più di quanto abbia saputo chiedere.

Un’eruzione di gigli selvatici rosa, steli infiocchettati di mais
nei giardini messicani, mais e rose.
Giorni che si accorciano, campi di fragole che fermentano
di frutti buttati via, anneriti.

[da «Salvataggio di mezzanotte», traduzione di Maria Luisa Vezzali)]

 

Nella foto in alto Audre Lorde, Meridel Le Sueur e Adrienne Rich nel 1980, ad Austin (Texas) durante i lavori di un laboratorio di scrittura

(*) Qui, il sabato, regna “cicala”: libraia militante e molto altro, codesta cicala da oltre 15 anni invia ad amiche/amici per 5 giorni alla settimana i versi che le piacciono; immaginate che gioia far tardi la sera oppure risvegliarsi al mattino trovando una poesia. Abbiamo raggiunto uno storico accordo: lei sceglie ogni settimana fra le ultime poesie inviate quella da regalare alla “bottega” e io posto. Perciò ci rivediamo qui fra 7 giorni. [db]

 

La Bottega del Barbieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *