Appunti per un naufragio, un libro di Davide Enia

letto da Francesco Masala (con un interessante intervento di Domenico Quirico sulla questione dei migranti)

Davide Enia va a Lampedusa, e vede, ascolta, pensa, parla col padre e con lo zio, incontra chi ha visto i morti e non ha potuto fare niente, sommozzatori, militari, pescatori, medici.
un po’ come nel film Fuocammare l’isola di Lampedusa è la protagonista del libro e tutto e tutti ci ruotano intorno.
un libro che purtroppo non perde d’attualità e che merita davvero di essere letto, ma solo dopo averlo letto capirete perché.
buona lettura.

http://stanlec.blogspot.com/2018/08/appunti-per-un-naufragio-davide-enia.html

 

Francesco Masala
una teoria che mi pare interessante, quella della confederazione delle anime. Mi racconti questa teoria, disse Pereira. Ebbene, disse il dottor Cardoso, credere di essere 'uno' che fa parte a sé, staccato dalla incommensurabile pluralità dei propri io, rappresenta un'illusione, peraltro ingenua, di un'unica anima di tradizione cristiana, il dottor Ribot e il dottor Janet vedono la personalità come una confederazione di varie anime, perché noi abbiamo varie anime dentro di noi, nevvero, una confederazione che si pone sotto il controllo di un io egemone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *