Asimov che cambiò i mondi

Fabrizio Melodia commenta l’arrivo di una serie tv sulla Fondazione Isaac Asimov è il mio autore di fantascienza preferito, non fosse che ricevetti ancora ragazzino una delle sue antologie robotiche più belle. Rimasi folgorato dalle leggi della robotica e dai solerti e a volte imbranati eroi che tentavano in tutti i modi di risolvere situazioni spinose create da sapienti fraintendimenti

Continua a leggere

Naufragi nell’infinito: fra Recanati e il mondo

Fabrizio Melodia ricorda Giacomo Leopardi 29 giugno 1798: buon 202 naufragi nell’infinito al poeta e filosofo Giacomo Leopardi. Fra passeri solitari, ermi colli, sovrumani silenzi, pastori erranti, passeggeri disincantati, islandesi sfortunati e la nature un po’ bastarda, ancora oggi ci fa emozionare, discutere, sbadigliare (alcune persone sì) e piangere insigni specialisti, malcapitati studenti ma anche curiosi di ogni genere. “Er

Continua a leggere

Due marziani in dialogo: Jorge Luis Borges e Ray Bradbury

Fabrizio Melodia – noto come Astrofilosofo – passeggia nella puntata 177 di «Ci manca(va) un Venerdì» discutendo con Kant, Montaigne e Rat-Man. «Cosa ha fatto quest’uomo dell’Illinois (…) per riempirmi di orrore e solitudine con gli episodi di conquista di un altro pianeta?» rifletteva Jorge Luis Borges mentre scriveva il prologo a un’edizione latinoamericana dei racconti di Ray Bradbury, le

Continua a leggere
1 2 3 31