Bird logistic di Calderara: distress e diritti dei lavoratori

E se intanto il prefetto di Bologna leggesse «Il birraio di Preston»?

di Vito Totire (*)

Bird lavora per Mondo Convenienza: più che convenienza pare una “bazza” (ma per i “donatori di lavoro”).

Qualcuno ha maturato il dubbio che la vicenda dei lavoratori della Bird Logistica sia una questione che riguardi solo questi lavoratori e il loro “donatore di lavoro” (per parafrasare una attrice comica italiana). In qualità di “intrusi” abbiamo inviato una missiva e una proposta al Prefetto di Bologna (**). Il Prefetto non ci ha risposto; verosimilmente è una sua facoltà non rispondere, tuttavia consigliamo al signor Prefetto una lettura: «Il birraio di Preston» di Andrea Camilleri; magari potrà trovare qualche suggerimento su come rapportarsi al suo territorio.

Ora le cronache ci aggiornano sulla vertenza. Non vogliamo commentare tutti gli aspetti della questione, però:

  1. sembra che il rispetto delle 39 ore settimanali riguarderà solo 36 dipendenti su 120; gli altri continuerebbero a fare 120 ore?
  2. abbiamo già argomentato e documentato che la letteratura medico-scientifica evidenzia come superare stabilmente le 50 ore di straordinario al mese collochi chi subisce codesto sovraccarico psicofisico in una condizione di distress e di rischio cardiologico (cfr qui sotto BIBLIOGRAFIA MINIMA); fanno bene i cardiologi della Ausl a parlare ai cittadini dei corretti stili di vita cui è utile attenersi ma sarebbe necessario che la Ausl , oltre che impegnarsi sul campo della pedagogia, intervenisse con il servizio di vigilanza nei luoghi di lavoro anche sulle costrittività lavorative… Per questo abbiamo suggerito al Prefetto di invitare l’Uopsal competente per territorio, oltre ad autoinvitarci noi (senza ottenere risposta)
  3. il sovraccarico si riferisce già a lavoro straordinario retribuito; se questo non viene adeguatamente ricompensato l’equilibrio tra i fattori determinanti del distress lavorativo si sbilancia ulteriormente;
  4. un esponente istituzionale del Pd auspica (su «Il resto del Carlino») che chi deve vigilare sul rispetto dell’orario di lavoro lo faccia… Infatti non sappiamo se gli enti preposti siano intervenuti e con quali disposizioni; noi al signor Prefetto abbiamo avanzato una proposta… evidentemente ”inascoltata” , sennò non saremmo ancora a questo punto.

L’organizzazione del lavoro della singola azienda riguarda quella azienda ma riguarda la collettività, in particolare se e quando questa organizzazione diventa potenzialmente morbigena come nel caso della Bird Logistic.

BIBLIOGRAFIA MINIMA

«Guida europea per la prevenzione dello stress lavorativo», Unione Europea, 1999.

«Il lavoro in Giappone: sviluppo e squilibri di un Paese-azienda» a cura di Hideo Totsuka e Shigeyoshi Togunaga; edizione italiana curata da Enrico Ceccotti; prefazione di Sergio Cofferati, Ediesse 1998.

(*) Vito Totire è portavoce del Circolo “Chico” Mendes e del Centro studi per il benessere lavorativo.

(*) cfr Bird Logistic: distress, scioperi, denunce

LA VIGNETTA è di GIULIANO SPAGNUL.

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Rispondi