Canzoni, preghiere e precauzioni ovvero…

… la corretta informazione è un’arma preziosa

Angelo Maddalena presenta «Se canti non muori, oltre il virus dentro la realtà» scritto da Antico Dellarianuova con le “sorelle Barbieri”: è la 53esima puntata dell’«Angelo custode»

«Mi chiedo se questo sarà un libro utile, cioè se il fatto di essere stato scritto “a caldo” non lo renda troppo pressato nel presente, ma mi rispondo: sono paranoie da stanchezza di scrivere, comporre le pagine e tutto il resto, fatica e voglia di far riposare la mente e l’ego, per fugare i dubbi e le paranoie basti la prefazione di Antonio Fiscarelli o anche lo stralcio di prefazione del retrocopertina: “l’autodifesa morale e civica”. Io e Antonio non ci vediamo da molti anni ma nei giorni di marzo ci siamo risentiti e rintrecciati: abbiamo avuto perdite, io di mia madre e lui di un’amica, lui è meridionale come me e sfida il mondo con le parole come me, e le parole di questo libro sono arrivate anche da chi non le usa spesso o soprattutto non è uso a scriverle e pubblicarle: Ilaria, Deniz…tutti amici lontani e vicini che con questo “sprofondo” hanno trovato il tempo e la forza di scrivere (Deniz anche un manifesto!). Poi ci sono tante altre “sorelle”: Sara, Elena, Santa, Gianluca, Vito… un mosaico di pace, per fare un omaggio alla rivista di cui è direttore Alex Zanotelli e fondatore don Antonino Bello. Oggi la pace è da riconquistare con la povertà, la parola, la sofferenza di tanti fratelli e sorelle devastati dentro a loro insaputa perché, come scrive Antonio nel suo contributo Un ecocidio sostenuto da un abuso di stupidità, oggi essere handicappato non vuol dire avere un segno fisico che ti impedisce di muoverti con lo stesso ritmo di tanti altri “normali”, ma anche e soprattutto perdere il senno, perché stravolti da un bombardamento (parolaio) di cui parla bene Gianluca Ricciato, ma è il “mosaico” che ci ridà la serenità e la lucidità, e questo libro in un certo modo vuole essere questo: un ritrovarsi intorno al fuoco per raccontarsi le paure, le gioie, le preoccupazioni, e un darsi la mano attraverso le parole che scavano e la passione che infiamma i nostri cuori, non per colpevolizzarci ma per guardare oltre. Mi vengono in mente e mi vien da sorridere quando penso a quel mio compaesano che mi ha chiamato all’inizio di aprile e alla fine della telefonata mi detto: “Mi raccumannu Angiolè, usammu li preoccupazioni!”. Voleva dire “precauzioni”, ma sbagliando forse ci ha ‘chiappato (per dirla alla perugina): usiamo le preoccupazioni che ci hanno inoculato, ma per liberarci, per capire quali sono razionali e quali nocive (…)».

Il testo qui sopra è un frammento dell’ultimo capitolo del libro Se canti non muori, oltre il virus dentro la realtà che Antico Dellarianuova (e le “sorelle Barbieri”) sta per dare alle stampe. Antico è un nome “poetico” dietro il quale si cela un assiduo collaboratore della Bottega del Barbieri. Molti pezzi del libro – il libro ha 165 pagine, 10 illustrazioni ad acquerello di Sara Vitale – sono stati ripresi proprio dalla Bottega, in paricolare le riflessioni di Santa Spanò, Gianluca Ricciato, Vito Totire… E’ un libro assolutamente autoprodotto. Per chi volesse preacquistare una o più copie costa 15 euro + 5 euro di spedizione; per chi acquista più copie sconti progressivi; per chi, come singolo o come associazione volesse e potesse a sua volta vendere copie e volesse preacquistare almeno 5 copie, il prezzo sarebbe quello di costo, cioè 5 euro a copia; però in questo caso sarebbe preferibile impegnarsi moralmente, come hanno fatto un po’ di amici e amiche, a fare il bonifico o la ricarica entro il 23 aprile. A voi la scelta, ecco i numeri per bonifico e ricarica poste pay:

poste pay: 5333 1710 9967 3234 intestata ad Angelo Maddalena

IBAN: IT69E360 8105138231773631776

Mentre finisco di correggere questo scritto, mi arriva dalla radio (niente tv in casa mia!) lo schifo di comici e persone comuni che continuano, dopo un mese e mezzo di ecatombe – potenziale e non solo – politica, psicologica eccetera a ripetere mantra vomitevoli parlando della situazione attuale come fossimo bambini di due anni da controllare e reprimere (non bisognerebbe farlo neanche se avessimo due anni, anzi i bambini piccoli sono molto più adulti di questi fantocci che ci propinano  vomitevoli “state a casa”, complici di un fascismo sempre più legalizzato e diffuso). Una notizia meno vomitevole è che Federer e altri due tennisti campioni del mondo hanno stanziato 10mila euro a testa per i giocatori dilettanti che stanno avendo difficoltà in questo periodo (forse non sono tanti, rispetto a quelli che giocano a calcio, boh; sarebbe poi da vedere bene come funzionerà).

Molto interessante la notizia di una «cassa di solidarietà libertaria» partita da Reggio Emilia, con lo slogan “i compagni un po’ più ricchi aiutino quelli poveri”. Biagio Accardi, cantastorie calabrese, commenta così: «Chiedo se questa iniziativa è rivolta solo ai compagni del territorio reggiano. In ogni caso non mi aspetterei assistenzialismo, ma soluzioni e strategie per uno scambio dignitoso attraverso produzioni artistiche fruibili». E’ interessante lo spunto di Biagio e in generale, che si parta dal basso per un progetto di mutualismo. Vedremo.

LE IMMAGINI: In alto un acquarello ritrae, quasi in stile “per grazia ricevuta”, Antico Dellarianuova e le “sorelle Barbieri”. Nooooooo, in realtà è un disegno di Roland Topor, come pure il successivo.

QUESTO APPUNTAMENTO

Mi piace il torrente – di idee, contraddizioni, pensieri, persone, incontri di viaggio, dubbi, autopromozioni, storie, provocazioni – che attraversa gli scritti di Angelo Maddalena. Così gli ho proposto un “lunedì… dell’Angelo” per aprire la settimana bottegarda. Siccome una congiura famiglia-anagrafe-fato gli ha imposto il nome di Angelo mi piace pensare che in qualche modo possa fare l’angelo custode della nuova (laica) settimana. Perciò ci rivediamo qui fra 168 ore circa che poi sarebbero 7 giorni. [db]

 

La Bottega del Barbieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *