Catania città aperta rifiuta il razzismo

Il racconto della manifestazione del 9 febbraio nella città etnea per i porti aperti

di Domenico Stimolo

I partecipanti al corteo, circa quattrocento persone, dopo avere attraversato un’area centrale della città, sono arrivati al molo di levante del porto, dove -da nove giorni -,  si trova ancora ferma la Sea Watch 3. Per le revisioni e gli  aggiustamenti  che sono state comandati dalla Guardia Costiera.

Bello l’immagine del corteo, aperto da uno striscione con la scritta “ aprite i porti”,  che con il buio della sera, con cori, canti, bandiere e striscioni, ha attraversato gran parte dell’area portuale.

Per un’ora e mezza la comunità umana manifestante è rimasta a fianco la nave. Alto si è levato il coro….lasciateli andare…per salvare vite umane.

Possente, come già durante il corteo, si è innalzato il ritmo frenetico – con tamburi e balli – del gruppo “sabbinirica” ( termine di saluto rispettoso e augurale nel dialetto siciliano), costituita da una decina di profughi-,migranti  provenienti dal Cara di Mineo.

Grande amicizia e ringraziamenti per la solidarietà espressa  sono stati dati dall’equipaggio della nave.

Alla responsabile della nave per i rapporti umanitari è stata consegnata la cassetta contenente il risultato della sottoscrizione, a favore della ONG e della nave,  effettuata durante il corteo: 323 euro.

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

2 commenti

  • domenico stimolo

    ANCORA FERMA AL PORTO DI CATANIA la nave SEA WATCH 3.

    Dopo gli accertamenti della Guardia Costiera sull’idoneità della nave giorno 11 e 12 febbraio la nave è stata ispezionata da un’apposita commissione olandese sulla “capacità di ospitare per lunghi periodi le persone soccorse” ( la Sea Watch 3 batte bandiera olandese). Questa commissione ha richiesto ulteriori verifiche sulle condizioni della nave.
    Già nei giorni precedenti l’equipaggio della nave aveva effettuato i lavori riguardo “ le condizioni di sicurezza e la tutela ambientale”.
    In un apposito comunicato della ONG che gestisce la Sea Watch 3 si evidenzia che : “ le navi di salvataggio non possono soddisfare questa richiesta. La legge del mare impone che le persone salvate devono essere portate in un porto sicuro il prima possibile. Denunciamo la strumentalizzazione del tema della sicurezza delle persone soccorse allo scopo di ostacolare il salvataggio delle stesse”.
    Il presidente della Sea Watch ha altresì affermato : “La nostra nave è pronta ed adeguatamente attrezzata per prestare soccorso e assistenza alle persone in difficoltà, ma non siamo un hotel o un ospedale galleggiante, e tantomeno un hotspot. Il nostro dovere è quello di salvare le persone in mare e portarle in un porto sicuro nel più breve periodo possibile”.

  • DOMENICO STIMOLO

    CATANIA 18-23 FEBBRAIO: IL TENDONE SOLIDALE

    Dal 18 al 23 febbraio a Catania, in piazza Stesicoro, un tendone solidale ricco di iniziative e attività aperte alla cittadinanza. Contro il razzismo, per la solidarietà e l’accoglienza.

    INIZIATIVA DI :
    RETE ANTIRAZZISTA CATANESE https://www.facebook.com/Rete-Antirazzista-Catanese-468545723307207/
    RESTIAMO UMANI INONTRIAMOCI https://www.facebook.com/restiamoumanicatania/

    PROGRAMMA

    Lunedì 18 febbraio
    Ore 13,30 Montaggio tendone. Vieni a dare una mano.
    Ore 18,00 “Perché il tendone Catania città aperta e solidale?”
    Assemblea di presentazione a cura dei promotori.
    Interverranno:
    Massimiliano Perna, giornalista , Membri dell’equipaggio della Sea Watch, Oxfam, Nessuno è straniero.
    Ore 21,00 Serata musicale a cura dei Sabbenidica.

    Martedì 19 febbraio
    Ore 10,00 Attività di sensibilizzazione con materiale informativo
    Ore 15,30 Presentazione della graphic novel “Salvezza”, a cura di Lelio Bonaccorso
    Ore 17,00 Tavola rotonda “Il soccorso in mare delle ONG”
    con i membri dell’equipaggio della Sea Watch e Alessandro Montanari, soccorritore Aquarius.
    Ore 18,30 laboratorio esperienziale “Il viaggio della disperazione” a cura di A. Montanari
    Ore 20,30:
    “Lettera migrante…“
    A cura di Francesca Romana Di Giorgio, Adif La bottega dell’arte

    Mercoledì 20 febbraio
    Ore 10,00 Attività di sensibilizzazione
    con materiale informativo a cura di Borderline Sicilia e informativa legale a cura di Oxfam
    Ore 16,00 “Quanto conosci il fenomeno migratorio? Smontiamo i pregiudizi” a cura di Restiamo Umani
    Ore 17,00 “Le nuove frontiere del diritto delle migrazioni” conferenza informativa a cura del Centro Astalli
    Ore 21,00 Musica con ‘zu Lucianu

    Giovedì 21 febbraio
    Ore 10,00 Attività di sensibilizzazione con materiale informativo a cura di Oxfam
    Ore 16,30 “Stereotipi su: migranti, salute e malattie. Come modificare una narrazione tossica”
    dibattito a cura di Lila e Africa Unita
    Ore 18,30 Riunione de La Ragna Tela verso l’8 marzo
    Ore 21,00 Il Coro Scatenato

    Venerdì 22 febbraio
    Ore 10,00 Attività di sensibilizzazione con materiale informativo a cira di Borderline Sicilia
    Ore 16,00 Laboratorio artistico aperto a cura di Isola Quassùd Liquid Company
    Ore 17,00 Laboratorio esperienziale “Il viaggio della disperazione” a cura di A. Montanari
    Ore 17,30 Riunione aperta del Comitato in difesa della Costituzione
    Ore 19,00 “Accordo Italia-Libia, scacco matto in quattro mosse ai diritti umani”
    Rapporto a cura di Oxfam

    Ore 20,00 Incontro-dibattito con Roberto Disma, direttore della compagnia teatro alla lettera. A seguire proiezione docufilm sui lagher libici.

    Sabato 23 febbraio
    Ore 9,30 “Mattina dedicata ai bambini”
    Laboratorio creativo-costruttivo a cura di Pina Catania e Tina Barbagallo
    Giocoleria libera a cura del Gammazita

    Ore 16,00 Laboratorio artistico aperto a cura di Isola Quassùd Liquid Company con a seguire esibizione
    Ore 18,30 Assemblea conclusiva con ospiti: Giovanni Maiolo(Re.Co.Sol), Yasmine Accardo (LasciateCi Entrare), Monica Tiengo (ADL COBAS Treviso), collegamento con Domenico Lucano, sindaco di Riace.
    Ore 21,00 “Un viaggio attraverso la kora” spettacolo musicale a cura di Jalì Diabate
    Altro…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *