Cesena, sotto la cassa…

chi crepa e chi campa

 GRAVE CRISI ALLA CASSA RISPARMIO DI CESENA, LA BANCA DEI “POTERI FORTI” DELLA CITTA’. LANCIAMO L’IDEA DELLA COSTITUZIONE DI UN COMITATO IN DIFESA DEI RISPARMIATORI DELLA CRC.

di Davide Fabbri (*)

Davide-CRC

   Ieri, 8 giugno, il cda della banca ha approvato il bilancio consuntivo del 2015. Una perdita d’esercizio allucinante, di ben 252 milioni di euro. Di fatto i risparmi di una vita in azioni di 13.000 soci privati verranno volatilizzati, colpiti soprattutto i piccoli risparmiatori. Il cda ha chiesto all’assemblea dei soci di prossima convocazione di avere delega per eseguire un aumento di capitale pari a 280 milioni di euro a un prezzo compreso tra euro 0,1 e 0,8 per azione. Sino a due anni fa il valore delle azioni era pari a 14 euro.

Da anni – come blogger indipendente ed ex amministratore pubblico – racconto della crisi profonda della banca più influente della città e dei centri di potere, spesso deriso, inascoltato, sbeffeggiato. Nessuno sentiva, nessuno vedeva, nessuno parlava. La politica locale e le ultime dirigenze della Carisp hanno tentato di nascondere maldestramente la polvere sotto il tappeto. Tutto questo non è servito per fare pulizia, semmai ha fatto aumentare ancora di più il cattivo odore dell’ambiente. Sostenere la tesi della solidità del sistema bancario, continuare a rassicurare ideologicamente come hanno fatto in tanti, è un tentativo maldestro di mascherare o non raccontare la verità. Un vuoto di credibilità della politica e della dirigenza della banca.
Ora la verità viene a galla, prepotentemente. Azionisti e dipendenti della banca cominciano ad aprire gli occhi e vengono a chiederci – a me e altre persone che si stanno muovendo – analisi e documenti. Essere “cassandre” è pesantemente antipatico: predire sventure, preconizzare avvenimenti drammatici … senza essere creduti.
Ci farebbe piacere sentire oggi i commenti dell’ex direttore generale della banca Adriano Gentili che fece fuoco e fiamme – in occasione dell’assemblea dei soci dell’1 febbraio scorso – contro il nostro volantino informativo e anche dell’ex presidente Germano Lucchi, così attento a coprire la verità, ma anche del presidente della Fondazione Crc Bruno Piraccini (nonché presidente di Orogel e precedentemente anche presidente della banca) che all’assemblea di febbraio si prodigò in un forte e convinto endorsment nei confronti della gestione della banca, cioè Germano Lucchi / Adriano Gentili: evidentemente non poteva e non voleva prenderne le distanze in quanto completamente coinvolto, per cui dovrà condividerne “in solido” le responsabilità. Ci piacerebbe anche ascoltare i commenti del sindaco Paolo Lucchi, che ha rischiato l’orticaria quando abbiamo scritto dei problemi della Crc; ricordiamo ancora la sua risposta stizzita quando affermò: «La Cassa di Risparmio di Cesena non si tocca, è carne viva…». Non crediamo avremo la fortuna di ascoltarli in questo delicato passaggio – si sa la sconfitta è sempre orfana – dunque è più facile che rimarranno defilati e riservati. Crediamo che ogni cittadino di questa città e ogni risparmiatore a cui sono stati azzerati i risparmi del loro sudato lavoro avrebbe diritto di chiedere ragione di tutta questa brutta vicenda.
Ora dobbiamo fare un ulteriore passo, a difesa dei cittadini – sudditi e vessati – per ridare dignità agli oppressi, contro l’esercizio arrogante del potere della banca. Costituiamo un «Comitato in Difesa dei Risparmiatori della Cassa di Risparmio di Cesena». Facciamo le azioni di responsabilità penale e civile nei confronti degli ex amministratori della banca. Individuiamo in Franco Faberi l’esperto economico del Comitato. Sono aperte le adesioni. Chiediamo a tutti coloro che sono rimasti coinvolti in questa vicenda e che sono interessati di aderire al comitato.

Cesena, 8 giugno 2016

(*) Qui in “bottega” sul tema Davide Fabbri è intervenuto più volte: vedi a esempio qui Cesena: ma sopra la banca chi ci campa? e qui Cesena: Carisp, Ottimax e controlli pochini

 

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *