Charles Simic: «Qui a notte fonda»

191esimo appuntamento con “la cicala del sabato” (*)

Quiz a notte fonda

 

Charles Simic ha paura della morte?
Sì, Charles Simic ha paura della morte.
Prega il Signore alto nei cielo?
No, pasticcia con la moglie.

La sua coscienza lo importuna parecchio?
Viene a fare quattro chiacchiere ogni tanto.
E’ pronto a incontrare il suo creatore?
Come uno scoiattolo che attraversa la strada.

Come una lattina vuota di birra scalciata
da un ragazzo fuori come un balcone
di strada buia in strada buia
che poi inciampa e cade.

[da «Avvicinati e ascolta»: traduzione di Damiano Abeni e Moira Egan]

(*) Avviso le persone più affezionate che “cicala” si prende una breve vacanza. Sto pensando a come sostituirla finchè torna; se avete proposte fatevi sentire. Per chi è capitato qui per caso e dunque non sa di cosa si parla… riassumo le puntate precedenti. Qui, il sabato, regna “cicala”: libraia militante e molto altro. Facendo bene i conti codesta cicala ha scoperto di essere “maggiorenne”, cioè da oltre 18 anni invia ad amiche/amici per 5 giorni alla settimana i versi che le piacciono; immaginate che gioia far tardi la sera oppure risvegliarsi al mattino trovando una poesia. Abbiamo raggiunto uno storico accordo: lei sceglie ogni settimana fra le ultime poesie inviate quella da regalare alla “bottega” e io posto. [db]

La Bottega del Barbieri

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *