Spagna: legge antiterrorismo per stroncare satira e creatività

“La Spagna – spiega Amnesty  – è l’emblema della tendenza che vediamo in diversi Stati europei di limitare l’espressione col pretesto della sicurezza e togliere diritti con la scusa di difenderli”. A seguire una canzone contro Carrero Blanco – su cui fece un bel film Gillo Pontecorvo – e il commento (ripresi da www.antiwarsongs.org) più altri materiali.

Un rapporto diffuso oggi da Amnesty International ha denunciato l’aumento esponenziale del numero delle persone che contravvengono alla severa normativa in vigore in Spagna, che vieta l’apologia del terrorismo e la denigrazione delle vittime del terrorismo nel contesto di un continuo attacco alla libertà d’espressione.

Il rapporto, intitolato “Twitta…se hai coraggio: come la legge antiterrorismo limita la libertà d’espressione in Spagna”, denuncia che decine di utenti dei social media, musicisti, giornalisti e persino burattinai sono stati processati per motivi legati alla sicurezza nazionale. Tutto questo ha avuto un effetto paralizzante e ha creato un ambiente in cui si ha sempre più paura di esprimere idee alternative o fare satira controversa.

“Mandare in carcere chi fa musica rap per i testi delle canzoni e mettere fuorilegge la satira politica dimostra quanto in Spagna sia diventato ristretto il perimetro di ciò che è considerato accettabile sui social media”, ha dichiarato Esteban Beltrán, direttore di Amnesty International Spagna.

“Non si dovrebbe finire sotto processo semplicemente per aver detto, twittato o cantato qualcosa che potrebbe essere sgradevole o scioccante. La legge spagnola, di estesa applicazione e formulata in modo vago, sta portando al silenzio la libertà di parola e stroncando l’espressione artistica”, ha proseguito Beltrán.

In base all’articolo 578 del codice penale spagnolo, chi abbia fatto apologia del terrorismo o denigrato le vittime del terrorismo o i loro parenti – in questa vaga formulazione – rischia una multa, il licenziamento dal settore pubblico e persino il carcere. Il numero delle persone incriminate sulla base di questo articolo è cresciuto da tre nel 2011 a 39 nel 2017. Negli ultimi due anni le condanne sono state quasi 70.

Dal 2014, quattro operazioni coordinate di polizia – chiamate “Operazioni Spider” – hanno portato all’arresto di decine di persone che avevano postato messaggi sui social media, in particolare su Twitter e Facebook. L’avvocato Arkaitz Terrón ha denunciato di essere stato “trattato come un terrorista” per nove tweet, uno dei quali spiritoso, sull’assassinio da parte del gruppo armato Eta (Paese basco e libertà) di Luis Carrero Blanco, primo ministro dell’era-Franco, nel 1973. Accusato di apologia del terrorismo, è stato successivamente assolto.

Un altro uomo, J.C.V., è stato condannato a un anno di carcere con sospensione della pena per 13 tweet: “L’obiettivo è di diffondere nella popolazione un clima di autocensura. Con me ci sono riusciti”, ha dichiarato ad Amnesty International.

Nel 2017 Cassandra Vera, una studentessa di 22 anni, è stata condannata a un anno con sospensione della pena per denigrazione delle vittime del terrorismo anche attraverso un tweet ironico sempre sull’assassinio di Carrero Blanco, risalente a 44 anni fa: “L’Eta non solo aveva una politica sulle auto di Stato, ne aveva una anche sul programma spaziale”. L’attentato dell’Eta scagliò 20 metri in aria l’automobile su cui era a bordo il primo ministro. A seguito della condanna ha perso la borsa di studio universitaria e le è stato vietato di essere assunta nel settore pubblico per sette anni.

Tra coloro che hanno preso le difese di Cassandra c’è anche la nipote di Carrero Blanco, che ha dichiarato di “aver paura di una società in cui la libertà d’espressione, per quanto sgradevole, potrebbe portare al carcere”. La sua dichiarazione, presentata dalla difesa al processo, non ha avuto alcun effetto, dato che la legge è applicabile a prescindere da cosa pensino le vittime del terrorismo o i loro familiari. Fortunatamente, all’inizio del marzo 2018, la Corte suprema ha annullato la condanna.

Sebbene la minaccia del terrorismo sia assai concreta e per proteggere la sicurezza nazionale possa in alcune circostanze costituire motivo per limitare la libertà d’espressione, la normativa ampia e formulata in modo vago contro l’apologia del terrorismo e la denigrazione delle vittime sta stroncando la libertà artistica.

Nel dicembre 2017 12 rapper del collettivo “La insurgencia” sono stati multati, condannati a due anni e raggiunti dal divieto di lavorare nel settore pubblico a causa di testi considerati apologetici verso i Grapo (Gruppi di resistenza antifascista 1° ottobre). Hanno presentato appello contro la condanna. Si tratta solo di alcuni di molti artisti incriminati sulla base dell’articolo 578.

Persino i giornalisti che vogliono documentare il giro di vite causato dall’articolo 578 finiscono per esserne vittime. Un documentarista è stato incriminato per aver intervistato persone che erano state processate per apologia del terrorismo.

Sebbene dopo gli attentati di Parigi del 2015 e le minacce del terrorismo internazionale l’articolo 578 sia stato ulteriormente ampliato, la grande maggioranza dei procedimenti avviati si riferisce a gruppi armati locali smantellati o inattivi, come l’Eta e il Grapo.

Nel settembre 2018 è prevista l’attuazione in tutta l’Unione europea di una direttiva sulla lotta al terrorismo, che presenta il problematico concetto di apologia come un esempio di espressione che può essere criminalizzata. La lezione che dovrebbe arrivare dal caso spagnolo è che reati vagamente formulati come l’apologia del terrorismo e la denigrazione delle vittime minacciano seriamente il diritto alla libertà d’espressione.

“La Spagna è l’emblema della preoccupante tendenza che vediamo in diversi stati europei, di limitare indebitamente l’espressione col pretesto della sicurezza nazionale e togliere diritti con la scusa di difenderli”, ha dichiarato Eda Seyhan, campaigner di Amnesty International su contrasto al terrorismo e diritti umani.  “Rappare non è un reato, fare un tweet spiritoso non è terrorismo e organizzare uno spettacolo di marionette non dovrebbe portarti in carcere. I governi devono difendere i diritti delle vittime del terrorismo senza limitare la libertà d’espressione in loro nome. Chiediamo che la drastica legislazione spagnola sia abrogata e che le accuse mosse contro tutti coloro che hanno semplicemente espresso le loro opinioni siano ritirate”.

Ulteriori informazioni

Il Parlamento spagnolo dovrebbe esaminare nel mese di marzo una proposta di emendamento all’articolo 578. Proposte di legge simili a quella spagnola sono state presentate in Belgio e in Olanda.

Si veda il rapporto “Pericolosamente sproporzionate: lo stato di sicurezza nazionale sempre più imponente in Europa”, pubblicato da Amnesty International nel 2017:

https://www.amnesty.org/en/latest/news/2017/01/eu-orwellian-counter-terrorism-laws-stripping-rights-under-guise-of-defending-them/

Il 20 ottobre 2011 l’Eta ha proclamato un cessate il fuoco permanente seguito nel 2017 dal disarmo. I Grapo sono inattivi dal 2007.

Il rapporto Twitta…se hai coraggio: come la legge antiterrorismo limita la libertà d’espressione in Spagna“. (in inglese)

da qui

Ante, ante ¿Quien hizo volar al almirante??

Jueves antes de almorzar,
Carrero tenía que ir a rezar,
pero no pudo ir a rezar,
porque tenía que volar.

Así voló, Carrero voló,
así voló, muy alto llegó,
así voló, Carrero voló,
así voló, muy alto llegó.

Siendo Carrero ministro naval,
su único sueño fue siempre volar…
Hasta que un día ETA militar,
hizo su sueño por fin realidad.

Un petardito
hizo estallar, PUM
y hasta un tejado PUM,
le hizo saltar.

Carrero voló, voló, voló
y desde lo alto del tejado cayó
Carrero voló, voló, voló
y desde lo alto del tejado cayó

Y voló, voló, Carrero voló
Y voló, voló , Carrero cabrón.

Ho come il vago sospetto che l’inserimento in una raccolta di “canzoni contro la guerra” di una canzoncina, poi divenuta quasi popolare, che si rallegra, e non poco, di un attentato dinamitardo costato la vita sì alla vittima designata – la quale era un grandissimo pezzo di merda – ma anche ad un povero autista che aveva come unica colpa quella di guidare la macchina del pezzo di merda in questione, possa provocare qualche discreto “sturbo” in molte anime non-violente, pacifiste a oltranza eccetera. Beh, lo capisco. Come capisco che l’attentato fu organizzato e portato a termine dall’ETA, il che potrà provocare anche maggiori sturbi. Chi ha ancora un barlume di memoria avrà già capito che il pezzo di merda in questione si chiamava Luis Carrero Blanco; era il successore designato di Francisco Franco, suo strettissimo collaboratore fin dal “pronunciamiento” del 1936 che provocò la guerra civile spagnola (un milione di morti), cattolicissimo avallatore di tutti i massacri e di tutte le fucilazioni e garrote del Caudillo eccetera, eccetera. D’accordo, d’accordo, l’ETA che lo tolse di mezzo il 20 dicembre 1973 con la “Operación Ogro” (“ogro” significa “orco” in spagnolo; tale Carrero Blanco era!) sarebbe un gruppo “terrorista”, ma c’è sempre da chiedersi: chi erano e sono i veri terroristi? Quaranta e rotti anni di terrore in Spagna, chi li ha messi in atto? Sono domande. Ognuno avrà ovviamente le sue risposte. Intanto ne do una io, che magari potrà accendere ulteriori controversie in questo sito felicemente multilaterale; ed è una risposta molto semplice. Talvolta, per essere davvero “contro la guerra”, la guerra bisogna farla. La fecero, in Spagna, coloro che combatterono per tre anni contro il franchismo e furono sconfitti nel sangue. La fece anche chi organizzò l’attentato a Carrero Blanco, che interruppe il processo di continuità del regime e senz’altro affrettò sia la morte di Franco (neanche due anni dopo) e la fine del suo regime sanguinario, che era una guerra continua contro l’umanità e la vita. Luis Carrero Blanco era uno degli uomini più odiati di Spagna; a distanza di anni non vengono scritte canzoni come questa, perdipiù subendo rapidamente un processo di “popolarizzazione”, se non c’è un vero e profondo odio. Una canzone di una terribile, carognesca presa in giro, oltretutto; come se lo sarà guadagnato quel’odio, Carrero? In nome della “pace” sempre e comunque, acritica e non di rado codarda, è la guerra che trionfa. Al potere, sin dai tempi della “Pax Romana” di Ottaviano Augusto, la pace è sempre piaciuta tanto: la pace di far quello che vuole. Anche Mussolini fu glorificato a lungo per aver “pacificato” l’Italia, tranne poi mandare il Paese alla rovina per fare la guerra. E anche lo stesso Francisco Franco non fu, in fondo, un “pacifista” quando si rifiutò di entrarvi, in quella guerra mondiale?

La “pace” di uomini come Carrero Blanco è sintetizzata perfettamente in un’affermazione che fece poco prima di essere scagliato nell’eternità: “Se in Spagna si capirà finalmente che tutti quelli che scendono in strada a fare confusione devono essere ricevuti a colpi di fucile dalla polizia, finirà il disordine.” [RV]

https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=7812&lang=it 

 

2 anni e 6 mesi, questa è la pena in cui potrebbe incorrere una studentessa ventunenne dell’università di Murcia.  Al carcere andrebbero poi sommati altri 3 anni di libertà vigilata.

L’arma del delitto? Una tastiera. Cassandra, questo il nome della ragazza,  salirà sul banco degli imputati a causa di alcuni tweet in cui ironizzava sulla morte  del generale franchista Carrero Blanco, pubblicati sul suo profilo @kira_95 tra il 2013 e il 2016.

A renderlo pubblico è stata lei stessa attraverso i social network il 10 Gennaio; immediatamente i giornali hanno ripreso la notizia e molti utenti del web si sono schierati dalla sua parte. L’hashtag #carreroblanco è diventato in poche ore trending topic.

Anche Carrero Blanco ritornò al futuro con la sua auto?

Film: Tre metri sopra il cielo. Produzione: ETA films. Direttore: Argala. Protagonista: Carrero Blanco. Genere: corsa spaziale”.

URSS Yuri Gagarin vs. SPAIN Carrero Blanco”.

Questi sono solo alcuni dei tweet pubblicati da Cassandra, possono far ridere o meno, persino essere bollati come di cattivo gusto, ma credo non ci sia alcun dubbio sulla natura ironica di ognuno di essi.

L’accusa che viene imputata alla studentessa è quella di “umiliazione di vittime del terrorismo”.

La questione è spinosa e pone interrogativi a cui è difficile trovare una risposta: posto che ETA è stata un’associazione terroristica, un “aspirante dittatore” è un po’ meno vittima rispetto alle oltre 800 persone uccise dal gruppo basco  durante i 50 anni di attività?

Probabilmente alcuni risponderanno di sì, altri di no, ma non è questo il punto. È innegabile che la pena sia del tutto sproporzionata e che in Spagna dopo l’entrata in vigore della legge conosciuta come “Ley Mordaza la libertà di espressione stia subendo crescenti limitazioni…

da qui

Il diciannove gennaio scorso é stata la volta di Cesar Strawberry, cantante del gruppo hardcore Def con Dos. In seguito a sei tweet di natura ironica che avevano come oggetto ETA, GRAPO (gruppo armato di resistenza antifascista che agiva in Spagna durante il franchismo) e di nuovo Carreo Blanco, Strawberry é stato condannato anche ad un anno di carcere, sette di inabilitazione assoluta, più uno di libertà vigilata, per aver, similmente a Cassandra, esaltato il terrorismo ed umiliato le sue vittime.

In generale in Spagna nel 2016 sono state condannate ben trenta persone per aver commesso “esaltato l’ETA” attraverso le reti sociali (13). Venticinque nel 2015. Cifre che testimoniano una repressione ai limiti dell’assurdo, specie se le si confronta con quelle relative agli anni in cui l’ETA agiva ancora (due condanne nel 2011, ultimo anno di attività ufficiale dell’ETA). Condanne che rappresentano un colpo gravissimo alla libertà di espressione ed all’oppressione della libertà in rete, fornendo un precedente gravissimo anche al di fuori dei confini spagnoli.

Tra le forze in parlamento, solo Unidos Podemos (ed I relativi partiti della confluenza) ha contestato la condanna di Cassandra. In particolare Compromis ha proposto di insultarla. Assolutamente ambiguo l’intervento del partito socialista che pur rispettando la sentenza, auspica timidamente una revisione della legge che vi é dietro. Molto chiaro é stato al contrario l’appoggio alla sentenza da parte del Partito Popolare, attualmente al governo. Quest’episodio fornisce una misura della destra spagnola: una destra reazionaria e culturalmente obsoleta che non solo non rinnega la sua continuità storica con il franchismo, ma puntualmente se la rivendica.

Veemente invece é stata l’onda di tweet durata l’intera giornata di mercoledí che ha portato in alto le tendenze #yosoycassandra #cassandralibre e #twitteramordazado (14), dove migliaia di utenti hanno espresso la loro contrarietà alla sentenza e soprattutto si sono scagliati contro l’immobilismo del partito socialista. Il giudizio infatti costituisce un’offensiva rivolta a tutti coloro che utilizzano Twitter come spazio per esprimere indignazione, un fenomeno molto comune in Spagna, più che in altri paesi europei. Proprio a partire da qui esprimiamo la nostra solidarietà a Cassandra e rivendichiamo la rete come spazio di libera circolazione delle opinioni, oltre che di produzione del conflitto.

da qui

i tweet di Cassandra:

La Justicia considera que los tuits de Cassandra suponen desprecio, deshonra, descrédito, burla y afrenta a personas que han sufrido el terrorismo y sus familiares. Asimismo, la Audiencia Nacional ha ordenado borrar los mensajes de la red social.

– “ETA impulsó una política contra los coches oficiales combinada con un programa espacial” (29 de noviembre de 2013)

– “Película: A tres metros sobre el cielo, Producción: ETA films. Director: Argala. Protagonista: Carrero Blanco. Género: Carrera espacial” (20 de diciembre de 2013)

– “Kissinger le regaló a Carrero Blanco un trozo de la luna, ETA le pagó el viaje a ella” (5 de abril de 2014)

– “Si hacer chistes de Carrero blanco es enaltecimiento del terrorismo…” (28 de abril de 2014)

– “Perdone usted, @GcekaElectronic, un respeto por el gran Carrero, la estación internacional de la ETA puso todo su esfuerzo” (8 de julio de 2014)

– “¿Ya no puedo hacer chistes de Carrero Blanco?” (30 de junio de 2015

– “Elecciones el día del aniversario del viaje espacial de Carrero Blanco. Interesante” (4 de septiembre de 2015)

– (Junto a la imagen de espaldas del héroe del cómic Spiderman viendo surcar por entre los edificios un vehículo largo: “Spiderman VS Carrero Blanco” (22 de septiembre de 2015)

– “Carrero Blanco también regresó al futuro con su coche? #RegresoAlFuturo” (21 de octubre de 2015)

– Junto a una imagen del atentado en el que perdió la vida Luis Carrero Blanco y dos imágenes que recrean el momento de la explosión y la trayectoria ascendente de su vehículo oficial: “Feliz 20 de diciembre” (20 de diciembre de 2015)

– Junto a la imagen de un astronauta con la cara de Carrero Blanco, en la superficie lunar y la bandera de la dictadura franquista, publica este mensajes: “20D” (el mismo día que el anterior)

– Junto con la imagen del astronauta ruso Yuri Garatin y el rostro del almirante Carrero Blanco publica este mensaje: “URSS VS SPAIN @URSS vs SPAIN. URSS Yuri Gagarin VS SPAIN Carrero Blanco” (21 de diciembre de 2015)

– Junto con una imagen del atentado y otra que recrea la trayectoria ascendente del coche oficial en el que iba Carrero Blanco: “Contigo quiero volar, para poder verte desde el cielo en busca de lo imposible que se escapa entre mis dedos” (cada línea, terminada con corcheas musicales). (16 de enero de 2016)

da qui

Francesco Masala
una teoria che mi pare interessante, quella della confederazione delle anime. Mi racconti questa teoria, disse Pereira. Ebbene, disse il dottor Cardoso, credere di essere 'uno' che fa parte a sé, staccato dalla incommensurabile pluralità dei propri io, rappresenta un'illusione, peraltro ingenua, di un'unica anima di tradizione cristiana, il dottor Ribot e il dottor Janet vedono la personalità come una confederazione di varie anime, perché noi abbiamo varie anime dentro di noi, nevvero, una confederazione che si pone sotto il controllo di un io egemone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *