CONCHIGLIA PICCOLA E ABBANDONATA

(di Pabuda)

CONCHIGLIETTA DEL PAGURO

niente di grave:

è la solita storia

della conchiglietta

rimasta d’un tratto

senza paguro:

lasciata da sola

sulla sabbia rovente

senza scopo preciso,

senza un certo futuro

né alcun’altra ambizione

se non quella

d’esser prima o poi

scovata, invasa e riabitata

da qualch’altro

piccolo

crostaceo-colla-pancia-molle.

pare sia tutto nell’ordine

delle piccole cose del mare,

eppure

quest’ultimo abbandono

alla conchiglietta fa male:

così, da vuota,

ogni sera piange sale.

Pabuda
Pabuda è Paolo Buffoni Damiani quando scrive versi compulsivi o storie brevi, quando ritaglia colori e compone collage o quando legge le sue cose accompagnato dalla musica de Les Enfants du Voudou. Si è solo inventato un acronimo tanto per distinguersi dal suo sosia. Quello che “fa cose turpi”… per campare. Tutta la roba scritta o disegnata dal Pabuda tramite collage è, ovviamente, nel magazzino www.pabuda.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *