Cosa fare contro il fascista Erdogan?

Il tiranno, i media, il «macigno» di Roberto Vecchioni e tutte/i noi.

Le riflessioni di db (Daniele Barbieri)

1- «Ho un macigno nel cuore»

Da anni non leggo il quotidiano «Repubblica» perchè lo trovo pessimo. Così ho scoperto con ritardo che il 10 maggio – dunque dopo la morte di Ibrahim Gökcek – in prima pagina ha ospitato un testo di Roberto Vecchioni intitolato «In ricordo degli Yorum. Ho un macigno nel cuore». Non ve lo posso incollare perchè è un privilegio riservato agli “abbonati”.

Provo a riassumere l’essenziale. Così scrive Vecchioni: «Nessuno, dico nessuno, ha nemmeno per un istante pensato di segnalare che tre ragazzi, tre musicisti, in un Paese non lontano, stavano morendo volontariamente uno per volta in un terrificante sciopero della fame per qualcosa che chissenefrega se si chiama libertà». Più avanti: «il signor Erdogan si sveglia un mattino che non è quello di Bella Ciao e si chiede “a chi posso rompere le scatole oggi?”. Mette su quattro prove false per dimostrare che Grup Yorum è affiliato a un movimento rivoluzionario di estrema sinistra e gli proibisce di esibirsi in pubblico». Il macigno nel cuore – chiarisce poi Vecchioni – è che se togli a un artista “il palco” è «come togliergli l’animo». Scrive ancora: «nessuno del grande Occidente si è fatto vivo… Ai media figurarsi, non faceva audience». E conclude: «quel macigno che ho nel cuore per un simile mondo si chiama vergogna, noia, paura, schifo, viltà, indifferenza e disperazione. Senonchè Ibrahim, morendo, ha tradotto tutti questi “si chiama” in amore».

2 – Il giorno dopo, il giorno prima

Non conosco Vecchioni e non sono su Facebook, dunque non so come fargli arrivare una mia risposta al suo articolo che in alcuni punti mi ha commosso e in due frasi mi ha fatto arrabbiare. Ovviamente ignoro se Vecchioni sia interessato ad ascoltare un Daniele Barbieri qualunque, un tipo che qualcosa sapeva e qualcosa ha fatto (ma sempre troppo poco) per il diritto a vivere in libertà di Yorum Grup. Nel caso qualcuna/o vorrà recapitargli questo mio msg, grazie.

Buongiorno Vecchioni, volevo informarla che in Turchia altre persone (artisti, avvocati, militanti) stanno digiunando fino alla morte. Sarebbe importante parlare di loro il giorno prima e non il giorno dopo. Grazie a lei se lo farà. Se, arginato il corona virus, si tornerà a fare musica nelle piazze credo che un concerto di Roberto Vecchioni (o con Roberto Vecchioni fra gli altri e le altre) dedicato ai prigionieri politici in Turchia sarebbe importante per rompere quel muro di silenzio che lei denuncia. Infine, anche a livello personale (perchè capisco la sua angoscia «nel cuore» prima che nella testa) la informo che è possibile sostenere artisti, avvocati, prigionieri politici ma anche adottare bambine/i “a distanza” delle tante famiglie perseguitate. Un piccolo gruppo di persone qui a Imola sta per unirsi (a molte altre) nelle iniziative promosse da Verso il Kurdistan (*); di certo c’è chi farà qualcosa “in solitudine”. Se lei desidera informazioni sarò ben lieto di indirizzarla verso altri siti della resistenza turca o della solidarietà.

Vorrei anche dirle che sono arrabbiato con lei per due cose che ha scritto. Lei è «cantautore, scrittore, ex insegnante e accademico», dunque sa l’importanza delle parole. Allora scrivere «il signor Erdogan si sveglia un mattino» fa pensare che siamo di fronte a un pazzo; invece no, è un fascista. Bisogna chiamare le cose con il loro nome, è importante. E poi scrivere «nessuno del grande Occidente si è fatto vivo… Ai media figurarsi, non faceva audience» è una frase che non spiega un perchè essenziale della solitudine di Yorum Grup e di tante altre persone: il grande Occidente democratico è in ottimi affari (armi e soldi in cambio del blocco ai profughi siriani, per dire un solo motivo) con il tiranno e per questo i nostri “liberi” media non vedono, non sentono, non parlano. Se non si riesce a nominare chi sostiene Erdogan non si capisce, secondo me, le ragioni di «un simile mondo».

3 – Informarsi è il primo passo…

e informare altre persone è il secondo passo. Se qualcuna/o decide che (in gruppo o in solitudine) vuole sapere cosa sta accadendo in Turchia per raccontarlo deve trovare canali diversi da «Repubblica», Rai-Finivest-Sky e brutta compagnia. Qui in “bottega” abbiamo suggerito più volte dove cercare (**). Proprio ieri mi è arrivato per combinazione questo messaggio, ironico eppure terribilmente serio, che riporto qui sotto.

4 – Può capitare anche questo

Capita che il pacifismo della provincia italiana profonda abbia un suo “corrispondente” in Kurdistan, a scavalco tra i vari confini che attraversano questo Stato mai nato, la cui popolazione è vittima di ogni tipo di violenza degli Stati postcoloniali che se ne sono spartiti territorio e risorse. Popolazione, fra l’altro, protagonista di eroici tentativi di liberazione e di (talvolta esemplari, talaltra contraddittorie) esperienze di autogoverno.

Capita che un sito di storici, sempre della citata provincia italiana profonda, pubblichi le corrispondenze del suddetto che, con regolarità, forniscono notizie e riflessioni di prima mano. A dispetto della stampa mainstream, quella che, quando ha attraversato il cortile di casa, si ritrae affaticata dallo sforzo compiuto nell’aver cercato “notizie” nel retrobottega della Siòra Pina.

Non badate ai titoli talvolta scanzonati: sono questioni tutte terribilmente serie, che ci riguardano piuttosto da vicino, in questo mondo affetto da oltre trent’anni da una strisciante Terza Guerra Mondiale.

Tutte le corrispondenze, a partire da quella odierna, si trovano qui:

http://www.storiastoriepn.it/baruffe-chiozzotte/ (oggi)

http://www.storiastoriepn.it/tag/rojava/ (articoli precedenti – ottobre 2019/maggio 2020)

https://www.casadelpopolo.org/?s=Kurdistan (articoli precedenti – 2014/2019).

5 – Se il macigno è anche nel nostro cuore…

allora penso che le parole dette da Vecchioni (incluse le mie due critiche?) valgono per tutte e tutti noi. Ogni persona, nel suo piccolo, può impegnarsi. L’ho già detto? Ma fate conto che ora stia guardando negli occhi Yzq e Hxj che stanno leggendo. Voi due pensate che è giusto dare una mano? Se sì, troverete il tempo? Grazie.

(*) versoilkurdistan.blogspot.com/

(**) questo del 9 maggio è l’ultimo post Il fascista Erdogan, la Resistenza in Turchia e noi

LA VIGNETTA è di Gianluca Costantini.

Daniele Barbieri
Un piede nel mondo cosiddetto reale (dove ha fatto il giornalista, vive a Imola con Tiziana, ha un figlio di nome Jan) e un altro piede in quella che di solito si chiama fantascienza (ne ha scritto con Riccardo Mancini e Raffaele Mantegazza). Con il terzo e il quarto piede salta dal reale al fantastico: laboratori, giochi, letture sceniche. Potete trovarlo su pkdick@fastmail.it oppure a casa, allo 0542 29945; non usa il cellulare perché il suo guru, il suo psicologo, il suo estetista (e l’ornitorinco che sonnecchia in lui) hanno deciso che poteva nuocergli. Ha un simpatico omonimo che vive a Bologna. Spesso i due vengono confusi, è divertente per entrambi. Per entrambi funziona l’anagramma “ride bene a librai” (ma anche “erba, nidi e alberi” non è malaccio).

3 commenti

  • Valentina Vallesi

    MANDATECI #FOTO E #VIDEO PER SOSTENERE I COMPAGNI DI #GRUPYORUM!
    ▪️Il 20 maggio si terrà il processo per Sultan Gökçek e Bergün Varan ad Istanbul.
    ▪️Il 6 giugno sarà la volta di Ali Aracı, sempre ad Istanbul.
    Lo stato vuole accusarli di “terrorismo” perché suonano e cantano con Grup Yorum.
    L’ultima richiesta di Ibrahim è stato un appello a tutto il mondo per chiedere la scarcerazione dei membri e la realizzazione dei concerti di Grup Yorum.
    Oggi vi chiediamo di mandarci video e foto in solidarietà con i membri ancora in carcere #FreeGrupYorum
    Potete mandarli tramite WhatsApp al numero +49.163.445.2918 o tramite email a freegrupyorum@gmail.com

  • Valentina Vallesi

    I nostri avvocati non ci difendono solo in tribunale, ma in ogni campo. Non solo difendono ma hanno iniziato l’attacco. Oggi il nome di questa offensiva è il death fast (sciopero della fame fino a quando le loro richieste non verranno accettate)
    Ebru Timtic 134 gironi!
    Aytaç Ünsal 103 giorni!

  • Daniele Barbieri

    MERCOLEDI’ 20 MAGGIO dalle 10 alle 13
    Facciamo nostro l’appello di GIURISTI DEMOCRATICI, in collaborazione con UIKI ONLUS- MEDITERRANEA SAVING HUMANS,
    per l’immediata scarcerazione di Ebru Timtik e Aytaç Ünsal , in sciopero della fame totale, di tutti i difensori detenuti nelle carceri turche, dei prigionieri politici
    Tweet : – Solidarity to Aytaç and Ebrü, lawyers in hunger strike. Freedom NOW for Lawyers detained in Turkey Da inviare a : – @adalet_bakanlik (Ministero della Giustizia turco) – @RTErdogan – @EUDelegationTur (Delegazione Ue in Turchia) – @chdenelmerkez (People’s Law office) – @ohdgenelmerkez (Association Lawyers for Freedom) – @luigidimaio – @GiuseppeConteIT

    GIURISTI DEMOCRATICI in collaborazione con UIKI ONLUS- MEDITERRANEA SAVING HUMANS
    con l’adesione di Comitato Solidale Grup Yorum
    per contatti: Comitatosolidalegrupyorum@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *