Cose facili: far morire e dire stronzate

La rubrica settimanale (con brevi testi e fotomontaggi) di Chief Joseph: 116esimo appuntamento

 

Il  27 maggio l’allora commissario alla Sanità dell’Asp di Cosenza, Giuseppe Zuccatelli, ricevendo nel proprio ufficio una delegazione del collettivo Femin – Cosentine in lotta, che protestavano per chiedere la riapertura in sicurezza di ambulatori e consultori, ha dichiarato: «Le mascherine non servono a un cazzo, ve lo dico in inglese stretto. Sapete cosa serve? La distanza. Perché per beccarti il virus, se io fossi positivo, dovresti baciarmi per 15 minuti con la lingua in bocca, altrimenti non te lo prendi il virus».

Nella foto, accanto al capo indiano, Giuseppe Zuccatelli.

 

Contea di Bucks in Pennsylvania: Glenn Schloeffel (membro del Consiglio Scolastico, eletto in una lista di orientamento repubblicano) ha duramente criticato l’insegnamento degli effetti del cambiamento climatico ai bambini. Secondo lui aumenta il tasso di depressione: «A questi bimbi viene insegnato che ogni volta che salgono in macchina stanno uccidendo un orso polare. Quando educhiamo i bambini su certi argomenti, e non diamo loro una versione completa dei fatti, mettiamo su di loro un enorme peso, e non credo sia giusto».

Nella foto, accanto al capo indiano, Glenn Schloeffel.

 

L’AUTORE 

Chief Joseph – o se preferite Capo Giuseppe – è stato una guida (militare e spirituale) dei Nasi Forati, un popolo nativo americano. Si chiamava in realtà Hinmaton Yalaktit, che in lingua niimiipuutímt significa Tuono che rotola dalla montagna. Da tempo riceviamo molti contributi alla “bottega” firmati Chief Joseph. Sono fotomontaggi per dialoghi immaginari (spesso volutamente anacronistici) a commentare una notizia o un breve testo. Ci piacciono per l’estrema sintesi e la contrapposizione fra mondi diversi. Così la “bottega” ha chiesto a Chief Joseph di prendersi uno spazio fisso (come hanno da tempo le vignette di Energu) e lui ha accettato: faremo il mercoledì mattina. [db]

 

La Bottega del Barbieri

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *