COS’È RIMASTO

(Roba del Pabuda…)

 

cos’è rimasto di te?                     

una minuscola e informe

macchiolina

d’un verdolino più chiaro

di quello

della crema di piselli:

al terzo rigo

di pagina seicento settanta tre

tra la preposizione semplice «di»

e l’articolo indeterminativo «un»,

poco prima

dell’importante sostantivo

«principio».

non abbiamo nessuna informazione

sui tuoi antenati

né sulla tua discendenza,

nulla si sa della tua vita,

prima del fatale incidente,

delle tue imprese,

delle tue speranze,

dei rimpianti e delle delusioni.

niente riguardo ai tuoi amori,

alle tue miserie o alle tue virtù,

ai tuoi gusti, alle manie,

alle fissazioni, ai timori.

anche la tua dipartita

non si può dire davvero memorabile:

è bastato un colpo di sonno

dello stanco lettore,

quando s’è arreso, ieri sera

e ha chiuso con un «flap»

il grosso volume,

senza accertarsi se ci fosse

ancora dentro qualcuno,

ritardatario o troppo arzillo.

ti sono crollate addosso

seicento settanta due pagine:

tutte assieme

in un colpo che t’ha spiaccicato

per sempre.

era proprio così inebriante,

talmente irresistibile

quella luce, quel calore?

insettino, a conti fatti,

n’è valsa la pena?

non dev’esser consolante

sapere

che così vuole la natura

né che le tue spoglie –

o almeno un’ombra –

rimarranno in un celebre testo

considerato

capolavoro della letteratura.

(nell’immagine: Rito funebre, collage di Pabuda 2020)

Pabuda
Pabuda è Paolo Buffoni Damiani quando scrive versi compulsivi o storie brevi, quando ritaglia colori e compone collage o quando legge le sue cose accompagnato dalla musica de Les Enfants du Voudou. Si è solo inventato un acronimo tanto per distinguersi dal suo sosia. Quello che “fa cose turpi”… per campare. Tutta la roba scritta o disegnata dal Pabuda tramite collage è, ovviamente, nel magazzino www.pabuda.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *