«Covid : anatomie d’une crise sanitaire» di Jean-Dominique Michel

Recensione di Laurent Mucchielli (*)

Esagerazioni permanenti, panico e decisioni sbagliate

In alcuni paesi, e in particolare in Francia, la comunicazione del governo si concentra sulla costante esagerazione del pericolo. In diverse occasioni, questa è anche la strategia adottata dall’OMS, che fa avanzare i tassi di mortalità dei casi dal Coronavirus quindici volte superiori alla realtà (pagina 9). Infatti, il 98% delle persone infette guarisce spontaneamente, essendo il loro sistema immunitario sufficientemente robusto. Come ha dimostrato la ricerca internazionale, il tasso di mortalità è probabilmente intorno allo 0,2%, che è paragonabile a una forte influenza (pag. 10). Le principali specificità del Coronavirus sono apparentemente la forza della sua contagiosità e la velocità con cui genera complicanze respiratorie potenzialmente fatali nelle persone più fragili: anziani, obesi e persone già affette da altre malattie con gravi danneggiato le loro difese (malattie autoimmuni, malattie respiratorie, malattie cardiovascolari, tumori, diabete di tipo 2, ecc.). Questo è noto da metà marzo. E questo non giustificava il tipo di “psicosi” che ha attanagliato molti paesi.
Eppure a quel tempo, piuttosto che ascoltare i più riconosciuti epidemiologi, infettivologi e virologi, governi come quello francese preferivano imitare la Cina e prendere sul serio i “pazzi modellisti” (p. 17) come l’epidemiologo inglese Neil Ferguson (che ha ripetutamente fatto previsioni del tutto errate nella sua carriera e che, sul Coronavirus, è stato rapidamente rinnegato da molti altri ricercatori), che li ha portati a “aggravare un problema di salute di entità perfettamente controllabile” (p. 11). Hanno deciso di confinare l’intera popolazione, cosa che non ha mai fatto parte delle raccomandazioni dell’OMS. Altri governi europei, come quelli di Germania, Svezia, Paesi Bassi o anche Danimarca, hanno sentito da veri esperti (come il virologo tedesco Christian Drosten o il danese Peter Gotzsche) e hanno improvvisamente fatto scelta molto più equilibrata e giudiziosa. Anche altri paesi asiatici.
Il motivo avrebbe voluto che la strategia consistesse piuttosto in 1) rafforzare il sistema immunitario in tutti (vitamine, zinco, magnesio, ecc.), 2) produrre in modo massiccio test di screening per identificare e isolare le persone infette, 3) ridurre il carica virale e contagiosità delle persone “a rischio” infettate (o sospettate) coi farmaci disponibili (comprese azitromicina e idrossiclorochina), 4) fornire a tutti gli strumenti protettivi necessari per il personale infermieristico (maschere guanti, ecc.) in modo che non siano infetti e non diffondano il virus ad altri, 5) rispettare le regole di protezione (come il lavaggio sistematico delle mani e l’allontanamento sociale) durante il periodo di picco dell’epidemia, 6) sviluppare la capacità ospedaliera in terapia intensiva, 7) istituire comitati di esperti veramente competenti e privi di conflitti di interesse con le industrie farmaceutiche, 8) adottare una modalità di comunicazione statale onesta e trasparente (p. 12-16). Se questi ragionevoli princìpi, basati sull’esperienza accumulata in precedenti epidemie, fossero stati applicati, l’epidemia di Coronavirus non avrebbe causato più vittime dell’influenza invernale che si ripresenta ogni anno (p. 43). Tuttavia “Niente di tutto questo è stato messo in atto dai nostri leader. Proprio quelli che ancora cercano di farci credere di aver fatto la cosa giusta e dicono che se avessero preso altre decisioni le cose sarebbero andate molto peggio “(p. 17). L’intera strategia del governo francese è davvero lì.

La messa in discussione scientifica del contenimento

Jean-Dominique Michel è stato uno dei primissimi ricercatori francofoni a contestare la necessità del confinamento generale per sottolineare in cambio i meccanismi di acquisizione dell’immunità di gruppo, richiamando il classico meccanismo di attenuazione della virulenza dei virus di questo tipo quando invadono una nuova specie, indicano anche che, salvo eccezioni patologiche, i bambini sono risparmiati dal virus. Ricorda anche che il contenimento generale non è mai stato una raccomandazione dell’OMS agli stati. Si ispira a grandi epidemiologi come lo svedese Johan Giesecke o gli americani John Ioannidis e Knut Wittkomwski (o il Premio Nobel per la biochimica Michael Lewitt) che, a partire dalla metà di marzo, “hanno messo in guardia contro il rischio di prolungare l’epidemia da contenimento, mentre, dicono, sarebbe destinata a passare rapidamente se ci concentrassimo invece sulla quarantena dei pazienti e sulla protezione delle persone a rischio, che permetterebbe la diffusione del virus tra gli under 60 anni, senza fattori di rischio, per i quali la malattia è benigna, favorendo così l’emergere della famosa immunità di gruppo” (p. 57).
È anche uno degli esperti che ha capito molto rapidamente “la famosa curva a campana con una rapida discesa, [che] è esattamente la stessa tra i paesi, indipendentemente dalle misure prese o meno – l’unica differenza è nel numero delle vittime, quasi troppo visibilmente correlato alla gravità del confinamento” (p. 58). Ancora più politicamente scorretto, J.-D. Michel cita anche questo studio delle università di Zurigo e Basilea sull’efficienza delle misure sanitarie di fronte a Covid, dimostrando che il contenimento totale è il meno efficace di tutti (vedi anche questa pre-stampa di un team di Oxford, in linea fine luglio:
https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2020.04.16.20062141v3). E se si prendono in considerazione le prevedibili conseguenze umane e sociali della reclusione generale, si arriva inevitabilmente alla conclusione: “questa reclusione venduta come riparo in assenza del necessario (test di screening, monitoraggio di catene di contaminazione, maschere), se dobbiamo credere a questi primi studi, saranno anche tossici” (p. 59).
Ahimè, questi primi studi avevano ragione. Il lavoro svolto da Denis Rancourt (Università di Ottawa) – al quale ritorneremo senza dubbio in un prossimo episodio – mostra che il picco di mortalità naturale dell’epidemia (il vertice della curva a campana) ha, in alcuni paesi ( e, negli Stati Uniti, in alcuni stati), è stato seguito da un picco ancora più breve e intenso che, da parte sua, non è legato alla storia naturale della malattia di Covid ma alla decisione del confinamento generale avente di fatto ha sacrificato le persone più fragili (vedi lo studio iniziale qui:
https://www.researchgate.net/publication/341832637_All-cause_mortality_during_COVID-19_No_plague_and_a_likely_signature_of_mass_homicide_by_government_response ; e la sua traduzione francese : https://lesakerfrancophone.fr/mortalite-toutes-causes-confondues-pendant-la-covid-19).

Sul rifiuto della proposta terapeutica di Didier Raoult

Se i reparti di emergenza degli ospedali sono stati saturati e persino sopraffatti in alcune regioni (in Francia, nel Grand Est e nella regione di Parigi in particolare), non è solo a causa delle successive riforme dell’ospedale pubblico che, in Francia, come in molti altri paesi occidentali, hanno portato ad una continua riduzione del numero di posti letto. J.-D. Michel ricorda bene questo motivo (pagine 64-66). Ma ne ricorda anche un altro: il rifiuto della proposta terapeutica da parte dell’équipe del professor Didier Raoult dell’Institut Hospitalo-Universitaire de Marseille. Combinando un antivirale (idrossiclorochina) e un antibiotico (azitromicina), riescono comunque ad abbassare significativamente la carica virale nei primi giorni successivi all’infezione, riducendo così la durata media della potenziale contaminazione da parte del paziente, riducendo così sia il rischio che la malattia degeneri nel paziente sia il rischio che infetti altre persone (si veda il loro studio finale su 3.737 pazienti trattati in IHU: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1477893920302817).

E questo è tanto più importante dal momento che uno studio cinese ha indicato su Lancet a metà marzo che la durata del trasporto virale era in media di 20 giorni nel caso di Covid (https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(20)30566-3/fulltext).
Ancora una volta, J.-D. Michel ricorda con calma fatti consolidati: D. Raoult è uno specialista riconosciuto in materia, il suo team usa abitualmente questi farmaci e quindi li conosce perfettamente, la clorochina è di uso antico e comune, ha già dimostrato in vitro un’efficacia contro coronavirus più vecchi, inclusa la SARS. Forte quindi la mancanza di comprensione di fronte alla reazione delle autorità politiche e sanitarie francesi: “la sua dichiarazione pubblica è stata accolta con scetticismo e perfino ostilità dalla comunità scientifica. I giornalisti di
Le Monde qualificano la sua comunicazione come fake news, accusa ripetuta poche ore sul sito del ministero della Salute prima di essere ritirata” (p. 72). “Invece di accoglierlo con gioia, le autorità e gli scienziati competono nelle critiche. Focalizzano le loro critiche sul fatto che non si possono trarre conclusioni definitive sulla base di studi clinici” (p. 75). Per J.-D. Michel (che a nostro avviso sottovaluta la dimensione politica dell’anti-raoultismo), si tratta di un “fondamentalismo procedurale” che “eticamente indifendibile quando si ha a che fare con una delle droghe più comuni. meglio conosciuto e meglio padroneggiato (…) e mentre sono in gioco vite” (p. 75). Questo fondamentalismo non è davvero sorprendente, tuttavia, quando misuriamo il posto che i metodologi sono riusciti a prendere nel mondo della ricerca medica, e dietro di loro il posto che i produttori di farmaci sono riusciti a prendere.

Perché la medicina non sarà mai una scienza esatta

La medicina basata sull’evidenza (EBM) “è diventata l’ideologia dominante nella ricerca medica” ma “soffre di una serie di limitazioni” (p. 89). Sviluppato inizialmente per malattie croniche e complesse dove la statistica era un prezioso aiuto, è poco adatto alle malattie infettive dove il problema posto è “molto più semplice” ed “empirico”: “o un rimedio è efficace, o non lo è. ‘non è. Se è anche su tre e poi trenta primi pazienti, allora sarà (con eccezioni senza dubbio statisticamente piccole) oltre i successivi tremila “(p. 90). Jean-Dominique Michel ricorda qui l’esperienza dell’AIDS: non è stata l’EBM a far scoprire la cura (tripla terapia) nel 1996, è stata la medicina empirica. Dobbiamo quindi rimettere al suo posto l’EBM: esso “può venire in supporto e fornire certamente informazioni rilevanti, ma non sostituire la clinica” (p. 93).
Il sogno di trasformare la medicina in una scienza esatta è l’infantilismo, l’espressione “certezza scientifica” è un ossimoro, la concezione della randomizzazione come prova ultima è una credenza dogmatica. J.-D. Michel ha parole molto dure ma molto giuste contro “i fondamentalisti” dell’EBM (p. 100). L’EBM non ha sostanzialmente migliorato la qualità delle cure mediche e “partecipa inconsapevolmente alla sua disumanizzazione della pratica medica” (p. 103). “Troppe medicine, troppo poche cure” ha affermato alcuni anni fa il professor Claude Béraud (Università di Bordeaux:
https://www.nutrivi.fr/livres-sante-publique/trop-de-medecine-trop-peu-de-soins-claude-beraud-397). L’esperienza nella cura del cancro infantile ha portato anche la dottoressa Nicole Delepine a denunciare i cosiddetti protocolli scientifici che portano alla standardizzazione dei trattamenti e ad aprire la strada alle industrie farmaceutiche (http://docteur.nicoledelepine.fr/). In un libro pubblicato all’inizio di quest’anno 2020 (Francia, malata di medicine : https://www.editions-observatoire.com/content/La_France_malade_du_m%C3%A9dicament), il professore di farmacologia Bernard Bégaud (Università di Bordeaux) stima che “la metà delle centinaia di migliaia di effetti avversi che si verificano in Francia, alcuni di gravi estremi, sono indotti da farmaci la cui assunzione non era giustificata o non più”. In generale, come J.-D. Michel lo ricorderà più tardi, “la cattiva medicina è diventata, negli Stati Uniti, la terza causa di morte subito dopo le malattie cardiovascolari e il cancro” (p. 129: https://www.bmj.com/content/353/bmj.i2139).
Nulla sostituisce l’esperienza empirica della cura dei malati, motivo per cui è spaventoso che il governo francese abbia respinto la proposta terapeutica dell’IHU di Marsiglia e che abbia messo da parte i medici cittadini nella lotta. contro l’epidemia (pp. 94-95). Alla fine, è impegnata la responsabilità morale di tutti questi adoratori dell’EBM: “la postura dei politici francesi e dei guardiani del tempio” scientifico “è stata quella di rischiare di far morire i pazienti per non prescrivere una sostanza perché non eravamo “assolutamente certi” della sua efficacia. Il che pone un problema etico” (p. 99).

Corruzione nella ricerca medica

L’ultimo problema con l’EBM è quello rivelato dall’affaire Lancet (https://blogs.mediapart.fr/laurent-mucchielli/blog/260520/fin-de-partie-pour-l-hydroxychloroquine-une-escroquerie-intellectuelle). Jean-Dominique Michel aveva già terminato il suo libro quando si è svolta questa vicenda, ma ciò conferma solo in modo spettacolare quello che spiega molto bene: “L’EBM ha altri usi rispetto a quello per cui è stato destinato. in atto e massicciamente adottato dal mondo della ricerca medica: fornisce possibilità inesauribili di manipolazione e frode. Le aziende farmaceutiche in particolare ne fanno un grande uso per facilitare varie operazioni redditizie nonostante la mancanza di prove reali. Con le malattie croniche, l’industria farmaceutica ha fornito risultati falsi attraverso superpetroliere che immettono sul mercato prodotti costosi, non necessari e spesso pericolosi. Il tutto ricoperto da una patina di rispettabilità scientifica che purtroppo è ancora un’illusione “(p. 105).
La terribile ingenuità dei “metodologi” consiste nel confondere il fine con i mezzi. Le statistiche sono solo un mezzo, che può essere utilizzato per servire qualsiasi fine. L’EBM viene quindi regolarmente utilizzato dai produttori per “provare” l’assenza di un legame tra un problema di salute e un prodotto: “è ovviamente l’industria del tabacco che ha dato il via al lancio, seguita da altre come agroalimentare, industria petrolifera e petrolchimica (in particolare il settore dei pesticidi). Ne è un esempio recente il famoso “Monsanto Papers”, grazie al quale la multinazionale ha falsamente contestato l’evidente tossicità dei suoi prodotti attraverso documenti pseudoscientifici” (p. 106).
E la stessa cosa funziona con il Covid: “abbiamo così potuto osservare che i più virulenti oppositori del Protocollo di Marsiglia erano beneficiari della generosità di Gilead, una società che sperava di commercializzare il suo antivirale Remdesivir ad un prezzo compreso tra 900 e 1.000 dollari al paziente. Questi stessi esperti ricevono finanziamenti anche da altri grandi gruppi come Merck, Sharp & Dohme, Roche, Boehringer, Johnson & Johnson, Sanofi, GSK, Abbvie, Pfizer, Novartis o anche Astrazeneca” (p. 107). A proposito, J.-D. Michel ricorda anche che questo riguarda la maggior parte dei medici che fanno parte del “Consiglio Scientifico” e del “Comitato di Analisi e Competenze (Care)” istituito dal Presidente della Repubblica in Francia (p. 108).
Il problema è generale e J.-D. Michel lo mette in tutta la sua crudezza: “
la ricerca medica è in crisi da almeno quindici anni. Una crisi sistemica. Minata dalla corruzione diffusa che fa affidamento su un piccolo numero di persone corrotte e una maggioranza di attori coinvolti nell’ignoranza dei fatti” (p. 109). Una “corruzione sistemica” affligge quindi la ricerca medica contemporanea: “il sistema è marcio nel suo insieme, in un modo che costringe ogni attore a farvi i conti, ma senza dovervi parteciparvi attivamente” (p. 111). Ciò è già stato denunciato più volte dagli editori di importanti riviste mediche come il New England Journal of Medicine, il British Journal of Medicine e il Lancet (anche questo è stato evidenziato qui). J.-D. Michel ricorda anche che tutto questo è noto a tutti dal famoso articolo del professor John Ionnadis (Stanford University), pubblicato nel 2005, intitolato “Perché la maggior parte dei risultati della ricerca scientifica pubblicata sono falsi” (p. 112: https://journals.plos.org/plosmedicine/article?id=10.1371/journal.pmed.0020124). L’industria farmaceutica, infatti, non solo ha imposto un metodo (EBM), soggetti e ipotesi, ma controlla in parte anche formazione, ricerca, editoria e media (pp. 115-118).
Non possiamo ripetere qui gli argomenti e la bibliografia fornita da J.-D. Michel, ma tutto questo è fondamentale. Tuttavia, per concludere questo punto, insisteremo sulle pagine dedicate dall’autore alla crisi del virus H1N1 (“influenza A”) del 2009, poiché il confronto con la crisi attuale è affascinante (ricorderemo a tal proposito l’ottimo documentario ARTE che tutti possono guardare su Internet:
https://www.youtube.com/watch?v=8MWTmercdEg). Undici anni fa, l’industria farmaceutica aveva già ottenuto un enorme “colpo” creando il panico attorno a un virus presentato come un pericolo per l’intera umanità anche quando alla fine non ha ucciso più di influenza stagionale. Ma grazie a questo panico, l’industria (in particolare il laboratorio svizzero Roche) è riuscita a convincere gli States ad acquistare centinaia di milioni di scatole di un antivirale – Tamiflu – che successivamente si è rivelato inefficace (pagg. 128- 129). E dopo il farmaco ovviamente è arrivato il vaccino, comprato anche lì da centinaia di milioni. La Francia, ricordiamo, batterà i record con l’acquisto di 95 milioni di dosi da parte del Ministero della Salute guidato allora da una certa Roselyne Bachelot. In questa occasione rileggeremo la relazione dell’allora Commissione d’inchiesta del Senato, dedicata al “ruolo delle aziende farmaceutiche nella gestione del governo dell’influenza A (H1N1)” (http://www.senat.fr/rap/r09-685-1/r09-685-1.html).

La vera salute pubblica è altrove

L’undicesimo e penultimo capitolo del libro di J.-D. All’inizio Michel potrebbe apparire fuori tema, soprattutto perché alcuni passaggi del libro lo sono. Ma non è. Il Coronavirus è pericoloso solo per le persone più indebolite dall’età (il 93% di coloro che sono morti aveva più di 65 anni) e dalle malattie croniche (ipertensione, diabete, disturbi cardiovascolari, cancro, ecc.). Da qui la proposizione tratta: “dobbiamo osare dirlo, non è il virus che uccide, sono le malattie croniche che rendono potenzialmente fatale un’infezione da Sars-CoV-2 ad alcuni pazienti già gravemente colpiti dai disturbi” (p. 187). Oltre al naturale invecchiamento, ci sono molti fattori socio-economici che facilitano lo sviluppo di malattie croniche che a loro volta indeboliscono il sistema immunitario contro i virus. E J.-D. Michel ricorda opportunamente i sette fattori principali che sono: 1) cibo spazzatura (troppo salato, troppo grasso, troppo dolce) che porta all’obesità, 2) inquinamento atmosferico, 3) sostanze chimiche presenti nelle case e nell’ambiente, 4) farmaci non necessari o scarsamente prescritti, 5) pesticidi, 6) stress sul lavoro, 7) stile di vita sedentario (pagg. 188-190). Ma se ne dimentica altre tre: il fumo, l’alcolismo e soprattutto l’allevamento intensivo di animali che sono una delle principali fonti di tutte queste zoonosi (malattie trasmesse all’uomo dagli animali) di cui il Coronavirus è probabilmente solo l’ennesimo episodio (vedi anche libro «Resistenze ai disastri sanitari-ambientali ed economici in Mediterraneo», 2018, che denuncia le insicurezze ignorate mentre si sparla e si spendono milioni per le false insicurezze).

Le parole di J.-D. Michel sono graffianti: “La verità è che negli ultimi decenni non è stato fatto quasi nulla per proteggere le persone da questi fattori di rischio, nonostante i mostruosi danni alla salute (le insicurezze ignorate). Ed è proprio questa popolazione, già colpita dalla salute, quella che è stata più colpita dalla pandemia Covid-19. Il vero problema è che abbiamo concesso in licenza a grandi complessi industriali (agroalimentare, petrolchimico, trasporti, farmacie) di prosperare inondando il mercato con prodotti che molti di loro danneggiano o distruggono la salute delle persone. A scapito del bene comune e della salute della popolazione. (…) I consorzi che oggi controllano la produzione agricola, alimentare, chimica, energetica, dei trasporti, dei media, della pubblicità e dei farmaci sono il fondamento dei nostri tumori, dei nostri infarti, dei nostri ictus, dei nostri diabete, il nostro morbo di Alzheimer, Parkinson, la depressione e altre sclerosi multiple (…). In effetti, non abbiamo un sistema sanitario, ma un’industria delle malattie” (pagg. 191-192).
Anche se qui tende ad eufemizzare i fenomeni propriamente naturali (invecchiamento, fattori genetici), questo ragionamento sociologico che caratterizza globalmente il soggetto di Jean-Dominique Michel è di grande interesse per il suo libro.
Jean-Dominique Michel, Covid: anatomie d’une crise sanitaire, Parigi, Scienze Umane, 2020: 224 pagine, 17 euro.

(*) ripreso da blogs.mediapart.fr/laurent-mucchielli/blog

La “bottega” segnala che in un paio di punti questa traduzione italiana è frettolosa, dunque consigliamo chi sa il francese di andare sull’originale.

 

La Bottega del Barbieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *