Feti, corpi, luci e buio

La rubrica settimanale (con brevi testi e fotomontaggi) di Chief Joseph: 111esimo appuntamento

 

Un cimitero di croci bianche di legno, ognuna con il suo cartellino: nome e cognome della donna “responsabile” (interruzione volontaria di gravidanza o aborto terapeutico). La raccapricciante scoperta è di una donna romana che ha trovato al cimitero Flaminio “la tomba” del suo feto seppellito a sua insaputa. Sulla vicenda è intervenuto il garante della Privacy, che ha deciso di aprire un’istruttoria.

«Non giudicate e non sarete giudicati». Vangelo di Luca 6: 37-38. «Non giudicate, per non essere giudicati». Vangelo di Matteo 7: 1-5.

 

Hanno dai 18 ai 30 anni – originari di Nord Africa, Est Europa ma anche italiani – i ragazzi di vita che quotidianamente, appena gli uffici del Centro direzionale di Napoli si svuotano per la fine della giornata di lavoro, compaiono fra i viali bui dei garage sotterranei della city e vendono per pochi euro l’unica cosa che posseggono: il proprio corpo. Racconta Mohammed: «Da noi vengono uomini di tutti i tipi: in maggioranza sono sposati e hanno un buon lavoro». Aggiunge Gina, la sua compagna: «Da qualche mese il nostro telefono suona solo quando qualcuno vuole il corpo del mio fidanzato per una decina di minuti, massimo mezz’ora». (Fonte e foto: La Stampa, 4 ottobre 2020).

L’AUTORE 

Chief Joseph – o se preferite Capo Giuseppe – è stato una guida (militare e spirituale) dei Nasi Forati, un popolo nativo americano. Si chiamava in realtà Hinmaton Yalaktit, che in lingua niimiipuutímt significa Tuono che rotola dalla montagna. Da tempo riceviamo molti contributi alla “bottega” firmati Chief Joseph. Sono fotomontaggi per dialoghi immaginari (spesso volutamente anacronistici) a commentare una notizia o un breve testo. Ci piacciono per l’estrema sintesi e la contrapposizione fra mondi diversi. Così la “bottega” ha chiesto a Chief Joseph di prendersi uno spazio fisso (come hanno da tempo le vignette di Energu) e lui ha accettato: faremo il mercoledì mattina. [db]

 

La Bottega del Barbieri

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *