Frane sul Savio: accertare le responsabilità…

sarebbe importante ma 4 anni dopo tutto tace

di Davide Fabbri

Riprendo una mia vecchia inchiesta del 14 aprile 2016. Lo faccio poiché nessun ente “competente” da allora si è degnato di rispondere alle problematiche di dissesto idrogeologico sollevate quattro anni fa. La mia inchiesta riguardava diverse frane dell’argine del fiume Savio nel tratto da Bagnile (Comune di Cesena) a Mensa Matellica (Comune di Ravenna) e a Cannuzzo (Comune di Cervia). Su sollecitazione di diversi imprenditori agricoli del territorio ricadenti nel tratto compreso da Mensa Matellica a Cannuzzo – che hanno proprietà dei terreni agricoli adiacenti al corso del fiume Savio nel tratto sopraindicato – feci diversi sopralluoghi in loco. I problemi segnalati erano molto gravi, riguardavano rischi di natura idrogeologica e di esondazione del fiume. Le istituzioni pubbliche competenti – in primis il Servizio Tecnico di Bacino della Romagna della Regione e i sindaci del territorio – vennero interpellate al fine di intervenire per risolvere tale situazione e per accertare le responsabilità di tale disastro.

Lanciai anche una ipotesi sulle responsabilità degli eventi. Pare che il tutto sia avvenuto in seguito all’innalzamento del livello dell’acqua dovuta alla chiusa della centrale idroelettrica di Mensa Matellica (autorizzata dalla Provincia di Ravenna nell’aprile 2013). E’ franata una grossa fetta dell’argine-banchina del Savio, coinvolgendo terreni di proprietà di diverse aziende agricole ed aree di transito delle opere di presa per l’attingimento dell’acqua dal fiume. Non solo: dai miei sopralluoghi si verificò la presenza di diversi alberi franati all’interno dell’alveo del fiume e crepe profonde nel terreno che avrebbero potuto, in caso di piene, creare altri fenomeni franosi e ulteriori rischi per l’incolumità dei residenti.

QUI SOTTO allego alcune foto scattate il 31 marzo 2016 e gli articoli pubblicati sulla stampa locale il 15 aprile 2016.

Cesena, 5 maggio 2020

Davide Fabbri, blogger indipendente

La Bottega del Barbieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *