I poteri forti di Cesena -11

IL COLOSSO FRUTTADORO/OROGEL – IL LEGAME INDISSOLUBILE DI POTERE E DI SCAMBIO DI FAVORI FRA IL SINDACO PD PAOLO LUCCHI E IL PRESIDENTE DI OROGEL E FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO BRUNO PIRACCINI – “LA GRANDE FAMIGLIA”: IL FIGLIO DI BRUNO PIRACCINI (FABIO) E’ NELLA SOCIETA’ CHE ERA PRESIEDUTA DA TOMMASO DIONIGI, DIVENTATO POI ASSESSORE – LA MOGLIE DI FABIO PIRACCINI E’ NELLO STAFF DEL SINDACO LUCCHI – I POTENZIALI CONFLITTI DI INTERESSE DELL’ASSESSORE TOMMASO DIONIGI.

di Davide Fabbri (*)

Oggi i miei “25 lettori” non rimarranno delusi: puntata esplosiva sui “poteri forti” di Cesena e sul sistema affaristico di gestione del potere da parte del Pd. Chissà quante redazioni giornalistiche locali riprenderanno questa preziosa notizia… poco importa: la rete internet, il mio profilo e pagina facebook, il blog del giornalista Daniele Barbieri hanno la forza e la potenza di scavalcare eventuali censure o mancate pubblicazioni di notizie importanti da parte della stampa locale.
Fino a ora brilla in solitudine «Il resto del Carlino» di Cesena con il professionista Emanuele Chesi, che ha avuto il “coraggio” – a dir la verità ha fatto semplicemente il suo dovere di cronista – di pubblicare alcuni stralci di queste mie puntate sui “poteri forti” della città.
Queste puntate sono “pillole” informative, sintetiche anticipazioni di un mio libro-bianco di approfondimento: vera e propria inchiesta di contro-informazione fatta da un non giornalista – che supplisce alle carenze di molti giornalisti professionisti – necessaria e indispensabile in questa città/palude, che sto faticosamente (ma con grande entusiasmo e passione civile, per amore di libertà, giustizia e democrazia) scrivendo nel mio tempo libero (assieme a tanti miei collaboratori) sugli intrecci fra politica e affari nel nostro territorio.
Ho deciso da tempo di fare responsabilmente questo tipo di attività d’inchiesta, consapevole dei rischi e delle conseguenze. Decido di espormi, di essere soggetto a critiche, di essere nel mirino. Questa è la mia natura. Non posso fare diversamente.
Tutto questo accade in assenza di opposizione intransigente, seria, determinata, documentata, rigorosa: l’opposizione di centro-destra è spesso consociativa e sgangherata con il sistema di occupazione egemonico a ragnatela del Pd.
Con questa undicesima puntata, la mia capacità di indignazione punta su una sconcertante e imbarazzante “Grande Famiglia” che si è creata fra il padre padrone del Pd, “l’uomo solo al comando” nonché sindaco Paolo Lucchi e il presidente di Fruttadoro-Orogel-Fondazione Cassa di Rispamio di Cesena Bruno Piraccini.
Nel descrivere puntualmente questo intreccio di potere fra politica e affari, fra poteri politici e poteri bancari-imprenditoriali, cercherò di limitare i commenti. Lascerò a voi frequentatori di facebook e del blog commentare questa sistemica ed egemonica ragnatela del Pd locale.
Ultima considerazione di premessa e poi partiamo: per scongiurare prevedibili accuse – da parte di innumerevoli nemici e avversari – di cosiddetto complottismo e di “astrattismo” politico nei confronti del blocco di potere del Pd e del sistema consolidato da tanti anni fra affari e politica a Cesena, sto scrivendo appunto un libro-inchiesta con una marea di collaboratori che non si vogliono esporre in prima persona, che non ci “vogliono mettere la faccia” per timore di rappresaglie e intimidazioni. Su questo sconcertante aspetto credo che sia importante fare un’analisi impietosa della società in cui viviamo (ci tornerò).
Un’inchiesta pertanto con fatti accertati, analisi e valutazioni circostanziate, punti di vista inoppugnabili. Non chiacchiere da bar. Non accuse generiche campate per aria.

Partiamo… scusandomi della lunghezza della premessa.

LA GRANDE FAMIGLIA: lo staff del sindaco Paolo Lucchi del Pd e la famiglia di Bruno Piraccini.
Bruno Piraccini è presidente del Consorzio Fruttadoro – Orogel, nonché presidente da tre anni del cda della Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena (faremo ovviamente una puntata a parte sul “potere forte” della Fondazione e della Banca Cassa di Risparmio di Cesena).
Orogel è una società di produzione, di vendita e di distribuzione dei prodotti surgelati. Nel 1995 il Consorzio Fruttadoro (all’interno del quale è presente appunto Orogel) assume la veste di grande holding di ben 15 società del gruppo e Bruno Piraccini ne diventa il presidente.
Nello stesso tempo viene chiamato ad assumere la carica di Ad (amministratore delegato) di Orogel Soc. Coop. e di Orogel S.p.A.
Orogel è socio della Compagnia del Sacro Cuore srl, in mano a Comunione e Liberazione.
Orogel è parte integrante del progetto del gruppo Pubblisole, che controlla l’informazione e la comunicazione locale di Teleromagna. Nel gruppo Pubblisole sono presenti, oltre a Orogel, il gruppo Amadori, Technogym, Baruzzi, Conad, Trevi.
Uno dei tre figli di Bruno Piraccini è Fabio, amministratore delegato di Onit Group srl, società di produzione, installazione e vendita di prodotti informatici; il 20% della società è in mano a Orogel.
Fabio Piraccini è anche consigliere delegato per le tecnologie informatiche di Unindustria di Forlì-Cesena.
Coincidenza vuole che la moglie di Fabio Piraccini (la dipendente comunale in pianta organica al Ced Valentina Moriani) è finita nello staff del sindaco Paolo Lucchi, su nomina fiduciaria diretta del sindaco, dopo aver fatto una splendida campagna elettorale a favore del candidato rieletto sindaco Paolo Lucchi.
Ovviamente vanno premiate le persone che lavorano con efficienza. Valentina Moriani è anche la nuova segretaria dell’assessore Tommaso Dionigi, ex componente dello staff del sindaco da settembre 2009 a maggio 2014.
L’assessore Tommaso Dionigi ha svolto un ruolo molto importante in società ora in mano a Fabio Piraccini.
Fabio Piraccini è vicepresidente di KEISNA srl, società partecipata dal Comune di Cesena, di sviluppo di sistemi informatici (società che vede fra i soci – oltre al Comune di Cesena, Provincia e Università – anche Onit Group dello stesso Fabio Piraccini). KEISNA srl è stata presieduta da aprile 2013 a maggio 2014 da Tommaso Dionigi, ex componente dello staff del sindaco Lucchi, da maggio 2014 nuovo assessore “pesante” all’innovazione e sviluppo, lavoro, occupazione, economia del territorio.
CESENA LAB è una società partecipata dal Comune di Cesena, assieme alla onnipresente Fondazione della Cassa di Risparmio (del presidente Bruno Piraccini) e all’Università di Bologna. Cesena Lab è un cosiddetto “incubatore e un acceleratore d’impresa in ambito digital, web e new media”. Nel Comitato scientifico di CESENA LAB è presente l’assessore Tommaso Dionigi.

Giudicate voi questa mia narrazione odierna sui meccanismi del potere e giudicate – spero senza indulgenza – questi comportamenti e queste azioni del sindaco “pigliatutto” Paolo Lucchi.

Queste dinamiche minano e corrodono lo scheletro e il midollo della democrazia della nostra città.

Questa è la Cesena che la maggioranza dei votanti ha espresso. Cambiamola al più presto questa città.
Per evitare che gli attuali politicanti facciano troppi danni. (Cesena, mercoledì 3 settembre 2014)

Cesena11--tommasodionigiCesena11-piraccinilucchi

 

 

 

 

 

 

 

 

Cesena11-lucchipiraccini2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cesena11-fabiopiraccini

(*) UNA NOTA DI DAVIDE FABBRI.

Dal 15 agosto scorso – sia sul mio profilo che nella mia pagina facebook – trovate ogni giorno (o quasi) una puntata, poi ripresa su questo blog, dedicata ai cosiddetti “poteri forti” di Cesena, ovvero quei centri di potere esterni alle istituzioni che condizionano pesantemente le scelte politiche della nostra città o che promuovono – in forma consociativa – le scelte della politica in cambio di favori.
Queste puntate sono anticipazioni di un “libro-bianco”: una vera e propria inchiesta di contro-informazione che sto faticosamente (ma con grande entusiasmo e passione) scrivendo nel mio tempo libero (assieme a tanti miei collaboratori) sugli intrecci fra politica e affari a Cesena nell’assenza di opposizione intransigente, seria, determinata, rigorosa.

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *