America latina: 2021 anno della lotta sociale

Il coordinatore del Movimento dos Trabalhadores Rurais Sem Terra (MST) João Pedro Stedile scommette sul cambiamento nel rapporto di forza nel continente latino-americano per il 2021. “I venti favorevoli delle Ande hanno già cominciato a soffiare”, ha detto il leader di formazione economista in un’intervista esclusiva a Brasil de Fato.

Intervista di Caroline Oliveira

Foto: Rovena Rosa/Agência Brasil

 

Quest’anno c’è stato lo sgombero a Quilombo Campo Grande, l’aiuto d’emergenza negato ai lavoratori rurali e l’aumento della violenza nei campi, secondo il CPT. Come analizza il 2020 di fronte a queste regressioni, soprattutto in relazione alle questioni legate all’agricoltura?

Più che un nuovo rapporto di forza avverso nello Stato brasiliano, sono state adottate una serie di misure contro la riforma agraria e l’agricoltura familiare.

Nel campo della riforma agraria, si sono semplicemente paralizzati. Non ci sono più espropri. Hanno distrutto il Dipartimento per l’acquisizione dei terreni, il Programma Nazionale di Educazione alla Riforma Agraria (Pronera), il Programma di Assistenza Tecnica, Sociale e Ambientale alla Riforma Agraria (ATES), il Programma Nazionale per l’Abitazione Rurale. Hanno anche depauperato l’acquisto anticipato di cibo da parte della Società nazionale di approvvigionamento (Conab).

Si trattava un programma molto generoso, perché garantiva l’acquisto di qualsiasi cibo dai contadini. Hanno anche praticamente terminato il controllo sul Programma Nazionale di Alimentazione Scolastica (PNAE), che stabilisce che il 30% di tutte le risorse alimentari scolastiche deve essere acquistato con generi alimentari prodotti dall’agricoltura familiare.

Ciò è legato non solo ad una politica governativa, ma anche ad una politica strutturale del Paese, che è la questione dell’esportazione di materie prime a scapito dello sviluppo interno. Vorrei che parlasse un po’ della posizione del Brasile nel mondo come esportatore di materie prime e di come il governo di Bolsonaro stia intensificando questo processo.

C’è stata una disputa permanente in Brasile negli ultimi tre decenni tra tre modelli di dominazione agricola. Uno è il latifondo arretrato che vuole solo appropriarsi dei terreni pubblici e non produce nulla. Si accumula solo appropriandosi dei beni della natura, da cui il nome “arretrato”, perché è un riferimento all’accumulazione primitiva del capitale.

Il secondo è l’agroalimentare, che produce solo materie prime per l’esportazione, utilizzando un modello di produzione che danneggia l’ambiente, con l’uso di semi transgenici e agrochimici, ed espellendo la forza lavoro con la meccanizzazione, oltre a non pagare tasse. E il terzo modello è il nostro modello di agricoltura familiare contadina, in cui ci dedichiamo alla produzione di alimenti per il mercato interno.

Questi tre modelli si confrontano quotidianamente perché sono in contrato. Ora, nell’attuale governo neofascista del “capitano”, il modello del latifondo, rappresentato nel governo da Ricardo Salles e Nabhan Garcia, ha acquisito maggiore forza nello Stato brasiliano.

Il modello agroalimentare è nella natura del capitalismo ed è per questo che è presente in America Latina, Africa e Asia, indipendentemente dal governo. Nel caso brasiliano, viene da Fernando Henrique Cardoso, quando è emerso il settore agroalimentare.

Lo Stato brasiliano ha creato ancora più condizioni per lo sviluppo dell’agroalimentare. A differenza dell’Argentina, ad esempio, l’agroalimentare non paga la tassa sulle esportazioni attraverso la legge Kandir. Si tratta quindi di un modello che produce molta ricchezza, ma che viene accumulata solo da pochi proprietari terrieri. Così, in realtà, il governo di Bolsonaro non ha fatto altro che continuare ad incoraggiarlo, consegnando il Ministero dell’Agricoltura all’agroalimentare.

Ma l’agroalimentare attraversa delle contraddizioni all’interno del governo Bolsonaro quando entra in conflitto con la Cina, uno dei maggiori importatori di materie prime brasiliane, giusto?

Questo stesso agroalimentare sta cominciando ad affrontare le contraddizioni all’interno dello stesso governo di Bolsonaro. Prima negli attacchi ideologici che il governo di Bolsonaro ha compiuto contro la Cina. Ora, la Cina acquista circa il 60% delle materie prime agricole brasiliane. É stupido combattere una lotta contro la Cina. Così il ministro Tereza Cristina continua a spegnere gli incendi di questa contraddizione interna.

La seconda contraddizione è con l’Europa, che sta sempre più limitando l’uso di agrotossine e ponendo più vincoli, soprattutto per i nostri frutti esportati che hanno molti veleni. Verranno posti anche vincoli legati alla distruzione dell’Amazzonia, del nostro Pantanal. Tutto questo influenzerà il mercato esterno dell’agroalimentare, quindi hanno molti problemi da dover affrontare.

Di fronte a questo scenario, la riforma agraria, l’agroecologia e l’agricoltura sono una soluzione?

Una soluzione sul terreno, ma che non risolve tutti i problemi nazionali. In primo luogo, i nostri territori devono essere usati fondamentalmente per produrre cibo per la nostra gente, non per il mercato esterno. E non qualsiasi cibo, deve essere cibo sano, senza agro-tossine. Il modo per produrre questi alimenti è l’agro-ecologia.

Molti dicono che il mercato interno in Brasile è piccolo. È piccolo perché la gente non ha lavoro, non ha reddito. Se c’è un reddito per le persone che mangiano formaggio e yogurt, non ci saranno mucche.

Dovremmo fare un grande programma agroindustriale, nella forma cooperativa dei contadini. Ogni comune dovrebbe avere diverse agroindustrie a beneficio del latte, della frutta e del cibo in generale. Nella forma cooperativa, quel valore aggiunto non va a Nestlè, non va alle multinazionali, ma va alle persone che ci vivono e la cooperativa genera più posti di lavoro.

Oltre alla protezione della biodiversità, dell’acqua e dell’ambiente, integrerebbe poi questo programma agrario con un ampio programma educativo per raggiungere l’intera popolazione che vive nelle zone rurali.

Abbiamo milioni di adulti analfabeti, lavoratori, cittadini che non hanno il diritto di leggere e scrivere. Dobbiamo creare meccanismi che permettano ai nostri giovani di entrare all’università. Ognuno ha le sue vocazioni e ha diritto all’istruzione superiore.

Di fronte a questo scenario di rapporto di forza che lei definisce “avverso” all’interno del governo di Bolsonaro e di un programma di sviluppo nazionale opposto a quello attualmente in corso, quali sono le sfide sul tavolo per la sinistra?

In primo luogo, il capitalismo è agonizzante; non può più risolvere i problemi dell’umanità. Al contrario, genera sempre più disuguaglianze sociali. Qual è lo scenario che stiamo affrontando? Avere questa lettura più strutturata e storica che ci troviamo in una fase di profonda crisi del capitalismo, del modo di produzione, è una crisi sistemica. E, quindi, sarà prolungata, non si concluderà con il vaccino.

Al contrario, tende ad aggravarsi nella sua natura economica, nelle disuguaglianze sociali, nei crimini ambientali commessi dalle imprese, nella crisi politica che è legata alla natura dello Stato borghese e persino nei valori che il capitalismo predica, che sono il consumismo e l’individualismo.

Questa crisi che sto descrivendo fa il giro del mondo. Qui in Brasile abbiamo l’aggravante di avere un governo neofascista, ma che ha i giorni contati, perché non ha un progetto di Paese, non ha una base sociale sufficiente e non ha creato un’egemonia nella società. L’egemonia si crea con idee e proposte.

Le stesse elezioni comunali hanno rivelato come questo governo non abbia più alcuna risonanza nelle sue proposte. L’ideologia necessaria è un cambiamento di governo. Tuttavia, per avere il ritiro del governo, dovremmo avere un ampio sostegno da parte di settori della borghesia che vogliono ancora localizzarsi con le politiche pubbliche di Paulo Guedes.

Infine, abbiamo sfide organizzative come sinistra, in senso lato. In primo luogo, lottare perché il vaccino arrivi presto, via SUS, e con questo si creano le condizioni perché la classe operaia ritorni a una lotta di massa in difesa dei propri diritti.

Seconda sfida: costruire un’ampia alleanza sociale con un’agenda comune, che inizia con il vaccino ora, ma anche con la lotta per l’occupazione e la ricomposizione degli aiuti d’emergenza, perché queste sono le due condizioni che garantiscono la vita.

Terzo, il diritto al cibo. Una parte della nostra popolazione si nutre al di sotto del fabbisogno nutrizionale, quindi dobbiamo lottare per il diritto a un’alimentazione sana. Questo possiamo ottenerlo con programmi di sostegno all’agricoltura familiare, cesti alimentari di base, orti urbani, ecc.

La quarta necessità che abbiamo è quella di tassare i ricchi, i patrimoni, l’eredità, le transazioni finanziarie. Non so perché la sinistra abbia smesso di parlarne. E infine, dobbiamo lottare contro le privatizzazioni che il governo ha già messo all’ordine del giorno: la privatizzazione di Eletrobras, delle Poste e della Caixa.

Lei ha commentato le elezioni comunali. Le elezioni comunali sarebbero un preludio al 2022?

Le elezioni comunali sono sempre importanti, ma sono segnate, come dicono i messicani, da un’idiosincrasia locale. Non c’è in gioco nessuna ideologia, ci sono in gioco scenari molto locali, che sono influenzati dai personaggi che sono candidati, dalla precedente amministrazione. Quindi il risultato delle elezioni nei comuni restano nei comuni.

Non possiamo prendere trarne lezioni a livello nazionale. Se volete una prova della storia del Brasile, negli anni ‘80, il Partido do Movimento Democrático Brasileiro (PMDB) controllava praticamente tutti i governatori dello Stato e l’80% dei municipi. Ha lanciato Ulysses Guimarães come candidato alla presidenza e ha ottenuto il 3% dei voti.

Naturalmente, in alcune capitali, c’è stata anche una lotta ideologica di parte. Ma in tutte queste, il grande perdente è stato il “bolsonarismo”. E ci sono lezioni da imparare da questo. Dobbiamo avere un dialogo immediato con i sindaci e i consiglieri che entreranno in carica il 1° gennaio, per vedere come nel territorio di una Prefettura possiamo fare politiche pubbliche che contribuiscano a migliorare le condizioni di vita della popolazione.

Penso che sia importante utilizzare lo spazio eccezionale del municipio per organizzare la gente, per avere una maggiore partecipazione popolare nella politica municipale e per raggiungere una resistenza attiva di massa.

Dobbiamo prepararci alla lotta di massa, formare gli attivisti e discutere un nuovo programma popolare per il Brasile, in modo che le elezioni del 2022 non siano solo un dibattito sulle sigle dei partiti. Ma che sia soprattutto un dibattito su quale sia il progetto di cui abbiamo bisogno per il Brasile.

Cosa possiamo aspettarci dal 2021, sia a livello nazionale che in America Latina, pensando al rapporto di forza e alla pandemia?

Insomma, il 2021 sarà l’anno dei vaccini, di lotta sociale e di cambiamenti. Potete scriverlo. Ora, in quale scenario si verificherà tutto questo?

A partire dall’America Latina, i venti favorevoli delle Ande hanno già cominciato a soffiare. Le elezioni in Argentina e Bolivia e l’aggravarsi della crisi in Cile, Perù, Ecuador e Colombia stanno già rivelando che ci saranno cambiamenti nel cammino della sinistra.

A febbraio ci saranno le elezioni in Ecuador, poi in Perù e poi in Cile. Le forze progressiste vinceranno queste tre elezioni e questo cambierà il rapporto di forza in America Latina. Praticamente solo il Brasile rimarrà come governo di destra, insieme alla Colombia, che deve affrontare molti problemi sociali.

Credo anche che il governo statunitense di Biden non sia lo stesso di Trump, anche se rappresenta gli interessi del capitale. Ma Biden avrà un’altra politica. Non è che sia a nostro favore, è per una maggiore convivenza e democrazia. Non possono trattare l’America Latina come Trump e il Signor Pompeo.

Qui in Brasile, il rapporto di forza cambia con la lotta di classe. Il nostro obbligo è quello di organizzare la classe operaia, di stimolare la lotta di massa, in modo che questo rapporto cambi anche qui in Brasile.

Sono fiducioso che non appena otterremo l’accesso universale al vaccino, questo ci darà la capacità e lo spazio per mobilitarci, per fare la lotta di massa, per cambiare il rapporto di forza e per aprire una strada che rappresenti un nuovo progetto per il nostro Paese.

*******************

Leggi anche: Intervento di João Pedro Stédile all’Assemblea Nazionale Amigos MST online

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *