Il freddo, l’umido e le strategie consigliabili (di Pabuda)

l’altra mattina, svignandomela dall’alberghetto,

dalla cuccia, da sotto il tetto, da dentro al letto

mi son ritrovato, prevedibilmente,

fuori da tutto.

cercando d’ambientarmi

in quello spazio buio mattutino

e padano

annusavo un po’ la nuova situazione:

notavo che, in effetti, faceva freddo

ma non poi freddissimo.

tra un bar e l’altro,

visitati a zig-zag nel nebbione

annotavo:  è tutta una questione d’umidità,

per un verso.

dall’altro: di garbo, d’astuzia, di fantasia e d’umiltà:

dipende da come la si prende,

da come ci si predispone:

se si assume un atteggiamento ostile,

l’umidità se n’accorge, se la prende, s’incazza

e ti entra nelle ossa, facendoti rabbrividire.

se la si asseconda, prendendo l’umido atmosferico

un po’ come viene,  con saggio fatalismo, allora…

ci si può far cullare dal nebbione come un tempo

ci s’impigriva beatamente nel liquido amniotico (ricordi?).

così tutto diventa più tiepidino e accogliente

e te ne vai sorridente verso l’ufficio: lì t’aspetta

la tua bella scrivania  ben piantata

su una splendida spiaggia dei Caraibi, dove l’unico problema

è quella cazzo di sabbiolina dorata e finissima

che s’infila sempre tra le scartoffie.

è solo una questione d’adeguata disposizione d’animo.

certo, un cicchetto abbondante aiuta. perché negarlo?

 

Pabuda
Pabuda è Paolo Buffoni Damiani quando scrive versi compulsivi o storie brevi, quando ritaglia colori e compone collage o quando legge le sue cose accompagnato dalla musica de Les Enfants du Voudou. Si è solo inventato un acronimo tanto per distinguersi dal suo sosia. Quello che “fa cose turpi”… per campare. Tutta la roba scritta o disegnata dal Pabuda tramite collage è, ovviamente, nel magazzino www.pabuda.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *