Il nuovo «F&SF», Vernor Vinge, Lucca Comics…

e due cosucce scovate su «Internazionale»

VernorVinge

1 – Venne, vide, Vinge

Grande inizio poi si adagia un po’ sulla solita storia stile Ave (avventurosa, esotica, stellare). Protagonista del romanzo di Vernor Vinge è in qualche modo la collezione della rivista «Fantasie» – il cui motto è «Le cose non sono quello che sembrano» – la quale da 700 anni “guida” un mondo verso la scienza attraverso la fantasia, proprio come da noi – pianeta Terra – ha fatto, fa e farà la migliore fantascienza. «Il mondo di Grimm» è del 1969, poi ampliato nel 1987: in edicola Urania porta la nuova versione nella traduzione di Annarita Guarnieri (236 pagine per 6,50 euri). Piacevole senza troppe genialità; Vinge ha fatto di meglio. Tre frasi simbolo: «quella notte 20 anni di fantasy cozzavano con la realtà»; «Questo mondo è un luogo di naufragio dove la gente ha perso la memoria e la mente» e «Forse golem non è la parola più adatta […] mi servirò della parola per indicare una macchina pensante». Le ultimissime righe sono piene di dolore e pazzia, del resto poco prima Vinge ci aveva ricordato che la vita è «uno snello ramo d’albero» che può spezzarsi, lasciando solo «uno spuntone morto».

2 – Catastrofi planetarie e interiori

Come ho spesso spiegato in “bottega” l’edizione italiana della rivista «Fantasy & Science Fiction» – ogni mese in edicola… in teoria, ma di recente il ritmo si è fatto più balzelloni – può accedere a un archivio immenso. Facile dunque fare un buon numero, zigzagando fra gli anni ’50 e i giorni nostri. Questo numero 13 (anno III: 160 pagine per 5,90 euri) non si smentisce: sul vago filo dell’esilio mette insieme 11 racconti. Nessuno delude, o forse uno sì, ma curiosamente a far miglior figura non sono i “grandi vecchi” (Wilson Tucker, Henry Kuttner, Thomas Disch, Jack Finney, l’ultimo Robert Sheckley e volendo Arthur Porges) ma la “nuova ondata” ovvero in questo specifico caso Elizabet Hand, Paul Di Filippo (da solo nella sua rubrica e anche scrivendo a 4 mani con Claudio Chillemi), Carol Emshwiller e Ken Altabef. Il mio favorito è «Chiunque io sia», sospeso in un bellissimo “vuoto che si espande”; forse questa espressione vi fa sorridere ma, come spiegò anche Margherita Hack, è una serissima questione scientifica. Qualche accenno senza troppo svelare? Due racconti sui topi; una storia struggente per postine/i, grafomani e iper-romantic*; muri che non servono solo a dividere; un inquietante esempio di Conglang cioè «Construed Languages» (sui linguaggi costruiti auspico che un prossimo Marte-dì intervenga l’astroglottologo Fabrizio Melodia); infine se proprio non riusciamo a capire (nonostante Sciascia) dove sia finito Ettore Majorana possiamo però giocare a una bella ucronia fra musica, fisica, simil-versi di Ungaretti e forse amore.

3 – A Lucca atterrano solo fumetti e giochi?

Incollo questo comunicato di Rill.

Care amiche, cari amici, «Lucca Comics & Games» (29 ottobre – 1 novembre) è ormai imminente… e iniziamo a svelare le novità che RiLL porterà al festival.
In primis: la cerimonia di premiazione del XXI Trofeo RiLL e di SFIDA 2015 sarà venerdì 30 ottobre, dalle 16 alle 17, nella Sala Incontri “Giovanni Ingellis” di Lucca Games (padiglioni di viale Carducci). VI ASPETTIAMO!!!

Poi: RiLL Europe diventa RiLL World Tour; Lucca Educational 2015; «SFIDA 2015»: i vincitori
RiLL Europe diventa RiLL World Tour
L’antologia “Mondi Incantati” ospiterà quest’anno anche i racconti vincitori del Nova Short Story Competition (Sud Africa) e dell’AHWA Flash & Short Fiction Competition (Australia). RiLL Europe, il progetto di collaborazione con concorsi letterari di altri paesi (e che ci permette di proporre anche in Irlanda e Spagna i racconti vincitori del Trofeo RiLL), diventa per il 2015 RiLL World Tour, rendendo ancor più internazionale e senza confini il viaggio nell’immaginario fantastico dell’annuale “Mondi Incantati”.
http://www.rill.it/?q=node/683
La nostra antologia annuale sarà presentata a Lucca Comics & Games, e sarà disponibile da novembre anche su RiLL.it, oltre che su Amazon.it e Delos Store.
Il volume conterrà i migliori racconti del XXI Trofeo RiLL e di «SFIDA 2015» e poi i racconti premiati all’Aeon Award Contest (Irlanda), al James White Award (Regno Unito), nel concorso Visiones (Spagna) e nei concorsi extra-europei succitati… non perdetelo!!
Lucca Educational 2015

Da alcuni anni Lucca Games propone Lucca Educational: una serie di seminari tenuti dagli ospiti del festival, per un pubblico più selezionato di quello degli incontri in Sala “Giovanni Ingellis”. Fra i protagonisti del 2015 anche Andrea Angiolino e Beniamino Sidoti, da sempre giurati del Trofeo RiLL, quest’anno ospiti di RiLL e del festival. Il seminario di Andrea Angiolino e Beniamino Sidoti si intitola «Scrivere Giochi, Scrivere di Giochi» (venerdì 30 ottobre, 13.30-15.30): un seminario pratico, per autori di giochi, giornalisti, insegnanti, bibliotecari, blogger, per affrontare il tema della comunicazione rispetto al mondo del Gioco. Un tema da intendere nel duplice senso: come presentare un gioco ai giocatori e ai media, come scrivere di giochi da giornalisti, più o meno specializzati. I seminari di Lucca Educational sono gratuiti (i partecipanti devono però avere un biglietto del festival) e per partecipare è necessario prenotarsi (gli incontri sono a numero chiuso). Per prenotarsi: educational@luccacomicsandgames.com. Il programma di Lucca Educational è vastissimo, spaziando da Gioco a Letteratura, dal Fumetto al Cinema. Sul sito di RiLL è on line una panoramica degli incontri in programma:
http://www.rill.it/?q=node/682

«SFIDA 2015»: i vincitori
Sono cinque i racconti vincitori di SFIDA, il concorso gratuito che RiLL riserva agli autori giunti una o più volte in finale al Trofeo RiLL, e che mette in palio la pubblicazione su «Mondi Incantati». La SFIDA consiste nello scrivere un racconto fantastico che rispetti uno (o più) vincoli indicati da RiLL, e che cambiano di anno in anno. Per il 2015, tutti i racconti partecipanti dovevano contenere/ elaborare lo stesso evento-chiave: “una perfetta esecuzione”. Una traccia volutamente ambigua e interpretabile…
http://www.rill.it/?q=node/681. Durante la premiazione del XXI Trofeo RiLL, Lucca Comics & Games assegnerà un premio speciale a uno dei cinque racconti vincitori: un riconoscimento con cui il festival sottolinea il proprio interesse per le iniziative di RiLL, oltre che un modo per scegliere il “vincitore assoluto” del concorso. Prima di concludere, vi ricordiamo che le antologie di RiLL sono acquistabili su Amazon e sul Delos Store. Sono disponibili sia le antologie «Mondi Incantati» sia le personali della serie «Memorie dal Futuro».
http://www.rill.it/?q=node/664
Le nostre antologie sono inoltre acquistabili dal sito di RiLL:
http://www.rill.it/?q=node/28 (in particolare, le antologie «Mondi Incantati» sono in offerta a 8 euro l’una, spese postali incluse). A settembre infine RiLL ha realizzato cinque nuovi e-book con i racconti degli autori del Trofeo RiLL. Si tratta sia di antologie personali sia di antologie con racconti di più autori, ora tutte disponibili sul Kindle Store di Amazon.it.
Per «ASPETTANDO MONDI INCANTATI 2015»:
http://www.rill.it/?q=node/678
Per le antologie personali «Memorie dal Futuro»:
http://www.rill.it/?q=node/676
…e questo è tutto, gente!

4 – Sbirciando «Internazionale»

Sul nuovo numero del settimanale «Internazionale» si parla (a pagina 87) del nuovo romanzo di Ahmed Saadawi «Frankenstein a Baghdad» e poi, fra un finto oroscopo e l’altro, il genialpazzoide Brezsny fa un cenno (a pag 113) sulla «biblioteca del futuro», un progetto di Katie Paterson… Sembrano due cibi allettanti; qualche assaggiatore della bottega vi sarà sapere un prossimo Marte-dì se adatti ai palati delle larghe masse umane, umanoidi e disumane.

 

Daniele Barbieri
Un piede nel mondo cosiddetto reale (dove ha fatto il giornalista, vive a Imola con Tiziana, ha un figlio di nome Jan) e un altro piede in quella che di solito si chiama fantascienza (ne ha scritto con Riccardo Mancini e Raffaele Mantegazza). Con il terzo e il quarto piede salta dal reale al fantastico: laboratori, giochi, letture sceniche. Potete trovarlo su pkdick@fastmail.it oppure a casa, allo 0542 29945; non usa il cellulare perché il suo guru, il suo psicologo, il suo estetista (e l’ornitorinco che sonnecchia in lui) hanno deciso che poteva nuocergli. Ha un simpatico omonimo che vive a Bologna. Spesso i due vengono confusi, è divertente per entrambi. Per entrambi funziona l’anagramma “ride bene a librai” (ma anche “erba, nidi e alberi” non è malaccio).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *