Il ricordo di Alex Langer…

… nel momento in cui si afferma lo «ius soli»: domani un digiuno nella sua memoria

di Vito Totire

Il mondo in cui viviamo è agli antipodi di quello in cui avrebbe sperato e per il quale ha lottato tutti i giorni Alex. Ma vogliamo rimanere coerenti con la sua esortazione «continuate in quello che era giusto». LO «IUS SOLI» E’ GIUSTO e Alex Langer – che rinunciò alla dichiarazione di “appartenenza linguistica” – oggi sarebbe in prima fila nel sostegno a una norma che è di “civiltà dovuta”.

Lo «ius soli» non è un atto di generosità nei confronti degli immigrati: è una misura giuridica che aumenta la coesione sociale, riduce la conflittualità insita nella dinamica ingroup/outgroup. E’ una misura che aumenta la speranza di salute e abbassa il rischio di criminalità, a vantaggio di tutti , immigrati e autoctoni. Solo squallidi ed effimeri calcoli “politici” possono suggerire il contrario.

Le guerre in atto (quasi in ogni angolo del pianeta) non sono indipendenti dalla nostra realtà quotidiana; le economie “forti” sono responsabili dello squilibrio nord-sud, della devastazione e della fame, di eventi catastrofici che inducono le attuali drammatiche migrazioni di massa delle quali molti si accorgono solo quando paiono disturbare la loro apparente quiete borghese; le produzioni di armi e di prodotti nocivi non si sono mai fermate e vedono come protagonisti anche l’Italia e l’Europa.

Al di là delle dichiarazioni propagandistiche (rifiuto della guerra, economia circolare, accordi di Parigi) il pianeta va verso lo sfascio: le spese militari in Italia crescono progressivamente con investimenti continui in sistemi d’arma sempre più sofisticati e distruttivi.

Alex ci è venuto a mancare 22 anni fa. Lo vogliamo ricordare … egoisticamente: perché il suo ricordo ci sostiene nella lotta a resistere; ci sostiene nel respingere le assurde menzogne contro le ong diffuse da chi condannerebbe a morte anche il “buon samaritano” come terrorista o quantomeno come fiancheggiatore;

ci sostiene nella resistenza per salvare il pianeta dalla distruzione capitalistica e consumistica; ci sostiene nell’idea inequivocabile che tutta l’umanità ha un solo futuro.

Per questo digiuneremo domani 3 luglio in memoria di Alex: non per generosità o per nostalgia ma per realismo.

Chi passa a Bologna, alla rotonda a lui dedicata, gli rivolga un pensiero e se può vi collochi un fiore.

Grazie Alex, continueremo sempre “in quello che era giusto”.

2.7.2017

(*) Vito Totire a nome del Circolo “Chico” Mendes e del Centro per l’alternativa alla medicina e alla psichiatria “F. Lorusso”

 

IN “BOTTEGA” abbiamo ricordato Alex Lager con un post (ricco di link) di Francesco Masala: “Lentius, profundius, suavius”, dice Alex Langer

 

MA COSA SONO LE «SCOR-DATE»? NOTA PER CHI CAPITASSE QUI SOLTANTO ADESSO.

Per «scor-data» qui in “bottega” si intende il rimando a una persona o a un evento che il pensiero dominante e l’ignoranza che l’accompagna deformano, rammentano “a rovescio” o cancellano; a volte i temi possono essere più leggeri ché ogni tanto sorridere non fa male, anzi. Ovviamente assai diversi gli stili e le scelte per raccontare; a volte post brevi e magari solo un titolo, una citazione, una foto, un disegno. Comunque un gran lavoro. E si può fare meglio, specie se il nostro “collettivo di lavoro” si allargherà. Vi sentite chiamate/i “in causa”? Proprio così, questo è un bando di arruolamento nel nostro disarmato esercituccio. Grazie in anticipo a chi collaborerà, commenterà, linkerà, correggerà i nostri errori sempre possibili, segnalerà qualcun/qualcosa … o anche solo ci leggerà.

La redazione – abbastanza ballerina – della bottega

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

4 commenti

Rispondi