Indonesia: stupri e abusi nelle coltivazioni di olio di palma…

… legati ai maggiori marchi di prodotti di bellezza.

di Margie Mason e Robin Mcdowell (*)

(AP Photo/Binsar Bakkara, ripresa da https://apnews.com/article/palm-oil-abuse-investigation-cosmetics-2a209d60c42bf0e8fcc6f8ea6daa11c7 utm_medium=AP&utm_source=Twitter&utm_campaign)

 

Con la mano stretta sulla  bocca, non poteva urlare, ricorda la ragazza di 16 anni – e comunque nessuno poteva sentirla. Descrive come il suo capo l’ha violentata tra gli alberi ad alto fusto di una piantagione di olio di palma indonesiana che alimenta alcuni dei marchi di cosmetici più famosi al mondo. Poi le ha messo un’ascia alla gola e l’ha avvertita: non dirlo a nessuno.

In un’altra piantagione, una donna di nome Ola si lamenta di febbre, tosse e sangue dal naso dopo anni passati a spruzzare pericolosi pesticidi senza equipaggiamento protettivo. Guadagnando solo $ 2 al giorno, senza benefici per la salute, non può permettersi di vedere un medico.

A centinaia di chilometri di distanza, Ita, una giovane moglie, piange i due bambini che ha perso nel terzo trimestre. Trascinava regolarmente carichi diverse volte il suo peso durante entrambe le gravidanze, temendo che sarebbe stata licenziata se non lo avesse fatto.

Queste sono le donne invisibili dell’industria dell’olio di palma, tra i milioni di figlie, madri e nonne che lavorano in vaste piantagioni in tutta l’Indonesia e nella vicina Malesia, che insieme producono l’85% dell’olio vegetale più versatile del mondo.

L’olio di palma si trova in qualsiasi cosa, dalle patatine e pillole al cibo per animali domestici, e finisce anche nelle catene di fornitura di alcuni dei più grandi nomi nel settore della bellezza da 530 miliardi di dollari, tra cui L’Oréal, Unilever, Procter & Gamble, Avon e Johnson. & Johnson, aiutando le donne di tutto il mondo a sentirsi coccolate e belle.

L’Associated Press ha condotto la prima indagine completa concentrandosi sul trattamento brutale delle donne nella produzione di olio di palma, compreso il flagello nascosto degli abusi sessuali, che vanno dalle molestie verbali e le minacce allo stupro. Fa parte di uno sguardo più approfondito all’industria che ha messo in luce abusi diffusi nei due paesi, tra cui la tratta di esseri umani, il lavoro minorile e la schiavitù totale.

Le donne sono gravate da alcuni dei lavori più difficili e pericolosi del settore, trascorrono ore fino alla cintola in acque contaminate dal deflusso chimico e trasportano carichi così pesanti che, nel tempo, il loro utero può collassare e sporgere. Molte vengono assunte da subappaltatori quotidianamente senza garanzie, e svolgono gli stessi lavori per le stesse aziende per anni, anche decenni. Spesso lavorano gratuitamente per aiutare i mariti a soddisfare quote giornaliere di lavoro altrimenti impossibili.

“Quasi tutte le piantagioni hanno problemi legati al lavoro”, ha detto Hotler Parsaoran del gruppo non profit indonesiano Sawit Watch, che ha condotto ampie indagini sugli abusi nel settore dell’olio di palma. “Ma le condizioni delle lavoratrici sono di gran lunga peggiori degli uomini”.

Parsaoran ha affermato che è responsabilità dei governi, dei coltivatori, dei grandi acquirenti multinazionali e delle banche che aiutano a finanziare l’espansione delle piantagioni per affrontare le questioni legate all’olio di palma, che è elencato tra gli ingredienti di più di 200 tipi di prodotti  e contenuto in quasi tre su quattro prodotti per la cura personale – di tutto, dal mascara e bagnoschiuma alle creme antirughe.

L’AP ha intervistato più di tre dozzine di donne e ragazze di almeno 12 aziende in Indonesia e Malesia. Poiché i rapporti precedenti hanno provocato ritorsioni contro i lavoratori, questi vengono identificati solo con nomi o soprannomi parziali. Le reporter AP si sono incontrate segretamente con le  donne nelle loro caserme o in hotel, bar o chiese, a volte a tarda notte, di solito senza uomini presenti in modo da poter parlare apertamente.

Il governo malese ha affermato di non aver ricevuto segnalazioni di stupri nelle piantagioni, ma l’Indonesia ha riconosciuto che gli abusi fisici e sessuali sembrano essere un problema crescente, con la maggior parte delle vittime che hanno paura di parlare. Tuttavia, l’AP è stata in grado di ricostruire una serie di storie delle donne esaminando i rapporti della polizia, i documenti legali, le denunce presentate ai rappresentanti sindacali e i resoconti dei media locali.

I giornalisti hanno anche intervistato circa 200 altri lavoratori, attivisti, funzionari governativi e avvocati, compresi alcuni che hanno aiutato le ragazze e le donne intrappolate a fuggire, che hanno confermato che si verificano regolarmente abusi.

L’Indonesia è il più grande produttore mondiale di olio di palma, con circa 7,6 milioni di donne che lavorano nei suoi campi, circa la metà della forza lavoro totale, secondo il ministero dell’emancipazione femminile. Nella Malesia, che è molto più piccola, le cifre sono più difficili da definire a causa del gran numero di migranti stranieri che lavorano in nero.

In entrambi i paesi, l’AP ha trovato generazioni di donne delle stesse famiglie che hanno servito come parte della spina dorsale del settore. Alcuni hanno iniziato a lavorare da bambini insieme ai genitori, raccogliendo noccioli sciolti e ripulendo gli alberi con i machete, senza mai imparare a leggere o scrivere.

E altri, come una donna che ha dato il nome Indra, hanno abbandonato la scuola da adolescenti. Ha accettato un lavoro presso le piantagioni di Sime Darby in Malesia, una delle più grandi compagnie di olio di palma del mondo. Anni dopo, racconta che il suo capo ha iniziato a molestarla, dicendo cose come “Vieni a dormire con me. Ti darò un bambino. ” L’avrebbe seguita di nascosto nei campi, anche quando lei andava in bagno.

Ora 27enne, Indra sogna di andarsene, ma è difficile costruire un’altra vita senza istruzione e senza altre abilità. Le donne della sua famiglia hanno lavorato nella stessa piantagione malese da quando la sua bisnonna lasciò l’India da bambina all’inizio del 1900. Come molti lavoratori in entrambi i paesi, non possono permettersi di rinunciare agli alloggi messi a disposizione dall’azienda, che spesso consistono in file di baracche fatiscenti senza acqua corrente.

Ciò garantisce la durata del ciclo generazionale, mantenendo una forza lavoro integrata a basso costo.

“Sento che è  normale”, ha detto Indra. “Dalla nascita fino ad ora, sono ancora in una piantagione.”

Lontano dalla vista, nascoste da un mare di palme, le donne hanno lavorato nelle piantagioni da quando i colonizzatori europei hanno portato i primi alberi dall’Africa occidentale più di un secolo fa. Come punizione in Indonesia allora, alcune cosiddette “coolies” femminili venivano legate  fuori dalla casa del capo con del peperoncino macinato finemente strofinato nelle loro vagine.

Con il passare dei decenni, l’olio di palma è diventato un ingrediente essenziale per l’industria alimentare, che lo vedeva come un sostituto dei malsani grassi trans. E le aziende cosmetiche, che stavano abbandonando gli ingredienti a base di petrolio o di origine animale, sono rimaste affascinate dalle sue proprietà miracolose: schiume in dentifricio e gel da barba, idratanti nei saponi e schiuma nello shampoo.

I nuovi lavoratori sono costantemente necessari per soddisfare la domanda inarrestabile, che è quadruplicata solo negli ultimi 20 anni. Le donne in Indonesia sono spesso lavoratrici “occasionali”, assunte quotidianamente, con il lavoro e la paga non garantiti. Gli uomini ricoprono quasi tutti gli incarichi a tempo indeterminato e a tempo pieno, raccogliendo i grappoli di frutta pesanti e appuntiti e lavorando nelle industrie  di lavorazione.

In quasi tutte le piantagioni, anche gli uomini sono i supervisori, il che facilita le molestie e gli abusi sessuali.

La ragazza di 16 anni che ha descritto di essere stata violentata dal suo capo – un uomo abbastanza vecchio da essere suo nonno – ha iniziato a lavorare nella piantagione all’età di 6 anni per aiutare la sua famiglia a sbarcare il lunario.

Il giorno in cui è stata attaccata nel 2017, ha detto che il capo l’ha portata in una parte remota della tenuta, dove il suo lavoro era quello di traghettare carriole cariche di frutti di olio di palma arancione brillante che ha strappato dagli alberi. All’improvviso, ha detto, lui le ha afferrato il braccio e ha iniziato a toccarle i seni, gettandola sul pavimento della giungla. In seguito, ha detto, le ha tenuto l’ascia alla gola.

“Ha minacciato di uccidermi”, dice dolcemente. “Ha minacciato di uccidere tutta la mia famiglia.”

Poi, disse, si è alzato e le ha sputato addosso.

Nove mesi dopo, dopo averla violentata altre quattro volte, si è trovata accanto a un bambino di 2 settimane rugoso. Non fece alcuno sforzo per confortarlo quando piangeva, non riusciva nemmeno a guardarlo in faccia.

La famiglia ha presentato una denuncia alla polizia, ma la denuncia è stata rifiutata, adducendo la mancanza di prove.

“Voglio che sia punito”, dice la ragazza dopo un lungo silenzio. “Voglio che venga arrestato e punito perché non gli importa del bambino … non si assume alcuna responsabilità.”

L’AP ha sentito di incidenti simili in piantagioni grandi e piccole in entrambi i paesi. Rappresentanti sindacali, operatori sanitari, funzionari governativi e avvocati hanno affermato che alcuni dei peggiori esempi che hanno incontrato riguardavano stupri di gruppo e bambini di 12 anni portati nei campi e aggrediti sessualmente dai capisquadra delle piantagioni.

Un esempio riguardava un’adolescente indonesiana che è stata trafficata in Malesia come schiava del sesso, dove è stata scambiata tra lavoratori ubriachi di olio di palma che vivevano sotto teloni di plastica nella giungla, fuggendo alla fine devastata dalla clamidia. E in un raro caso di alto profilo che ha suscitato indignazione lo scorso anno, una predicatrice che lavorava in una chiesa cristiana all’interno di una tenuta indonesiana è stata legata tra gli alberi, aggredita sessualmente da due operai e poi strangolata. Gli uomini sono stati condannati all’ergastolo.

Anche se l’Indonesia ha leggi in atto per proteggere le donne da abusi e discriminazioni, Rafail Walangitan del Ministero per l’emancipazione femminile e la protezione dell’infanzia ha affermato di essere a conoscenza di molti problemi identificati dall’AP sulle piantagioni di olio di palma, compreso il lavoro minorile e le molestie sessuali.

“Dobbiamo lavorare sodo su questo”, ha detto, sottolineando che il governo ha ancora molta strada da fare.

Il ministero delle Donne, della famiglia e dello sviluppo comunitario della Malesia ha affermato di non aver ricevuto denunce sul trattamento delle lavoratrici, quindi non ha commentato. E Nageeb Wahab, capo della Malaysian Palm Oil Association, ha detto che i lavoratori sono coperti dalle leggi sul lavoro del paese, e hanno la possibilità di presentare reclami.

Chi ha familiarità con le complessità della vita nelle piantagioni afferma che il tema dell’abuso sessuale non ha mai attirato molta attenzione e che le lavoratrici spesso credono che si possa fare poco al riguardo.

“Pensano che succeda ovunque, quindi non c’è nulla di cui lamentarsi”, ha detto Saurlin Siagan, attivista e ricercatore indonesiano.

Molte famiglie che vivono nelle piantagioni lottano per guadagnare abbastanza da coprire i costi di base, come l’elettricità e il riso. Le donne disperate a volte sono costrette a usare il proprio corpo per rimborsare i prestiti dei supervisori o di altri lavoratori. E le donne più giovani, specialmente quelle considerate attraenti, occasionalmente ricevono lavori meno impegnativi come pulire la casa del capo, con il sesso previsto in cambio.

Nei pochi casi in cui le vittime si esprimono, le aziende spesso non prendono provvedimenti o le accuse di polizia vengono ritirate o non depositate perché di solito si tratta della parola dell’accusatore contro quella dell’uomo.

“La posizione delle piantagioni di olio di palma le rende una scena del crimine ideale per lo stupro”, ha detto Aini Fitri, un funzionario indonesiano dell’ufficio delle donne e dei bambini del governo nella provincia del Kalimantan occidentale. “Potrebbe essere pericoloso per le persone, dopo il tramonto, soprattutto per le donne, ma anche perché è così tranquillo e remoto. Quindi, anche a metà giornata, il crimine può accadere!”

Molte aziende di bellezza e beni personali sono rimaste in gran parte in silenzio quando si tratta della difficile situazione delle lavoratrici, ma non è per mancanza di conoscenza.

Un potente gruppo industriale globale, il Consumer Goods Forum, ha pubblicato un rapporto del 2018 che avverte i 400 amministratori delegati della rete che le donne nelle piantagioni sono state esposte a sostanze chimiche pericolose e “soggette alle peggiori condizioni tra tutti i lavoratori dell’olio di palma”. Ha anche osservato che alcuni gruppi locali hanno citato esempi di donne costrette a fornire sesso per assicurarsi o mantenere un lavoro, ma ha affermato che pochi lavoratori erano disposti a discutere questa delicata questione.

Anche così, quasi tutta la pressione rivolta alle compagnie che estraggono l’olio di palma si è concentrata sull’accaparramento di terre, la distruzione delle foreste pluviali e l’uccisione di specie in via di estinzione come gli oranghi.

Queste preoccupazioni hanno portato alla formazione nel 2004 della Roundtable on Sustainable Palm Oil, un’associazione che promuove e certifica la produzione etica, in cui sono comprese disposizioni a tutela dei lavoratori. I suoi membri includono coltivatori, acquirenti, commercianti e cani da guardia ambientale. Ma dei quasi 100 reclami presentati in Indonesia e Malesia nell’ultimo decennio, la maggior parte non si è concentrata sul lavoro fino a tempi recenti. E le donne non vengono quasi mai menzionate.

L’AP ha contattato i rappresentanti affiliati a tutti i produttori di cosmetici e beni personali menzionati in questa storia. Alcuni non hanno commentato, ma la maggior parte ha difeso il proprio uso di olio di palma e dei suoi derivati, con molti che tentano di dimostrare quanto ne usano poco rispetto ai circa 80 milioni di tonnellate prodotte ogni anno in tutto il mondo. Altri hanno affermato di lavorare con organizzazioni non profit locali, hanno indicato promesse sui loro siti web in merito a impegni per la sostenibilità e i diritti umani, o hanno fatto notare i loro sforzi per essere trasparenti sugli stabilimenti di trasformazione nelle loro catene di approvvigionamento.

Ma l’AP ha scoperto che gli abusi sul lavoro si verificano regolarmente in tutto il settore, anche da fabbriche che si riforniscono da piantagioni con il marchio di palma verde della RSPO.

Ciò include aziende indonesiane come London Sumatra, che si è ritirata dalla RSPO l’anno scorso dopo che l’associazione l’ha citata per una serie di abusi sul lavoro. London Sumatra ha dichiarato all’AP che aderisce alle leggi sul lavoro e prende “la salute dei nostri lavoratori molto sul serio”.

In alcuni casi, le donne che lavorano in varie società di olio di palma hanno dichiarato di essersi nascoste nella giungla quando sono arrivati ​​i revisori della sostenibilità, mentre ad altre è stato detto di sorridere se incontravano visitatori.

L’AP ha utilizzato i registri doganali degli Stati Uniti, gli elenchi degli ingredienti dei prodotti e i dati pubblicati più di recente da produttori, commercianti e acquirenti per collegare l’olio di palma dei lavoratori e i suoi derivati ​​dai mulini che lo elaborano alle catene di approvvigionamento dei marchi occidentali, inclusi alcuni di tale fonte da mulini alimentati da piantagioni dove le donne dicevano di essere state violentate e le ragazze lavoravano nei campi.

Gli abusi erano anche collegati a linee di prodotti ricercate da consumatori coscienziosi come Tom’s of Maine e Kiehl’s, attraverso le catene di fornitura delle loro gigantesche società madri Colgate-Palmolive e L’Oréal. E Bath & Body Works era collegato tramite il suo principale fornitore, Cargill, uno dei maggiori commercianti di olio di palma al mondo.

Coty Inc., che possiede prodotti di base globali come CoverGirl e sta attingendo a partnership con i nuovi arrivati ​​della Gen Z come Kylie Cosmetics, non ha risposto alle  numerose chiamate ed e-mail AP. Ed Estée Lauder Companies Inc., proprietaria di Clinique e Aveda, ha ammesso di aver lottato con problemi di tracciabilità nel suo deposito RSPO. Alla domanda di AP se prodotti specifici usassero olio di palma o suoi derivati, non c’è stata risposta.

Entrambe le società, insieme a Shiseido e Clorox, proprietaria di Burt’s Bees Inc., mantengono segreti i nomi dei loro stabilimenti e fornitori. Clorox ha detto che avrebbe sporto denunce di abusi con i suoi fornitori, definendo i risultati di AP “incredibilmente inquietanti”.

Johnson & Johnson ha reso pubblica la sua lista dei produttori, ma si è rifiutata di dire se la sua iconica lozione per bambini contiene derivati ​​dell’olio di palma.

Un caso scoperto dall’AP ha coinvolto una vedova di nome Maria che ha detto che il suo supervisore ha iniziato a molestarla sessualmente quando ha iniziato a lavorare per una società di proprietà malese in Indonesia. Ha detto di aver respinto con successo le sue avance fino a quando non è tornata a casa una notte per trovarlo dentro, ad aspettarla.

“Ho cercato di ricordargli di sua moglie e dei suoi figli nel villaggio, ma lui mi ha abbracciato più forte mentre mi tirava giù i pantaloni. Poi mi ha violentata ”, ha detto. “Dopo di che, mi ha lasciato. Ma quasi due ore dopo, è tornato e mi ha violentata una seconda volta. “

Ha detto che all’inizio è rimasta tranquilla perché lui ha minacciato la sua vita e il suo lavoro. Ma gli attacchi sono continuati, ha detto, anche una volta quando lui l’ha assalita mentre stava lavorando sul campo “schiacciandomi in modo che non potessi muovermi”.

Quella volta, ha detto, ha conservato un fazzoletto pieno di sperma come prova. In seguito ha affrontato l’uomo e sua moglie e si è anche lamentata con i funzionari dell’azienda e del sindacato. Ha tentato di presentare una denuncia alla polizia, ma invece è stata indotta a chiedere un risarcimento direttamente all’uomo, ha detto un rappresentante sindacale. Non è mai stata pagata e ha finito per trasferirsi in un’altra piantagione per allontanarsi dal capo.

Rosita Nengsih, direttrice dell’Istituto di assistenza legale per donne, bambini e famiglie nella provincia indonesiana del Kalimantan occidentale, ha affermato che la maggior parte delle vittime è riluttante a denunciare gli stupri alle autorità, aggiungendo che è tipico risolvere le denunce attraverso le cosiddette “soluzioni di pace” in cui la famiglia della vittima può essere pagata. A volte i genitori costringono la figlia a sposare il suo stupratore per diminuire la vergogna, spesso dopo che si è verificata la gravidanza.

La provincia in cui lavora Nengsih confina con la Malesia nell’isola del Borneo, che è condivisa dai due paesi. È un corridoio poroso per i lavoratori indonesiani, comprese donne e ragazze che sperano di guadagnare abbastanza nel paese vicino più ricco per uscire dalla povertà. Molti vi si recano illegalmente, a volte falsificando documenti o mentendo sulla loro età, rendendoli vulnerabili allo sfruttamento.

Nengsih ha ricordato un caso che ha coinvolto due ragazze indonesiane di 13 anni che stavano lavorando in una piantagione malese con i loro genitori che hanno detto di essere state ripetutamente violentate dallo stesso supervisore fino a quando entrambe sono rimaste incinte a quattro mesi di distanza.

“Non è successo niente al caposquadra”, ha detto. “È ancora libero.”

Le condizioni che questi lavoratori sopportano sono in netto contrasto con i messaggi di emancipazione femminile promossi da leader del settore come L’Oréal, una delle principali aziende cosmetiche del mondo, e Unilever, uno dei maggiori acquirenti di olio di palma per i beni di consumo, che si rifornisce da oltre 1.500 stabilimenti.

Come proclama il famoso marchio di saponi di Unilever: ” “Dove” crede che la bellezza sia per tutti”. E L’Oréal dice che sta lavorando per eliminare le molestie sessuali “perché ne vale la pena”.

In un settore globale che dovrebbe raggiungere gli 800 miliardi di dollari entro i prossimi cinque anni, i marchi di cosmetici tradizionali – insieme a celebrità in rapida crescita e startup di nicchia – pubblicizzano con orgoglio creme antirughe o ombretti scintillanti da 300 dollari come sostenibili e privi di abusi sul lavoro, con poche o nessuna prova.

In risposta, L’Oréal ha affermato di “aver posto particolare enfasi sul sostegno e l’emancipazione delle donne, che sono le prime vittime di molte delle sfide sociali e ambientali che il nostro mondo deve affrontare”. Unilever ha affermato che i progressi devono essere compiuti più rapidamente, ma che “la sicurezza delle donne nelle catene di approvvigionamento agricole globali … anche nell’industria dell’olio di palma, rimane una preoccupazione fondamentale”.

Le donne nelle piantagioni aspre e umide del sud-est asiatico sono un mondo lontano. Alcuni trasportano cisterne di sostanze chimiche tossiche sulla schiena che pesano più di 13 chilogrammi (30 libbre), erogando 80 galloni al giorno, sufficienti per riempire una vasca da bagno.

“Le nostre vite sono così dure”, ha detto Ola, che è stata impiegata come lavoratrice a giornata in Indonesia per 10 anni e si sveglia ogni giorno dolorante per il sollevamento ripetuto di carichi pesanti. “Dopo la spruzzatura, il mio naso sanguina occasionalmente. Penso che sia collegato al pesticida. “

Non indossa una maschera perché fa troppo caldo per respirare. Ha detto che l’azienda non fornisce cure mediche ai lavoratori occasionali e non ha soldi per un medico.

Il paraquat, una delle sostanze chimiche spruzzate da Ola e altri, è stato vietato dall’Unione europea e da molti altri paesi per possibili collegamenti con un’ampia gamma di problemi di salute, inclusa una maggiore possibilità di sviluppare il morbo di Parkinson.

Anche il glifosato, l’ingrediente attivo del popolare Weedkiller Roundup, è comunemente usato. La società madre di Roundup, Bayer, ha accettato all’inizio di quest’anno di pagare più di 10 miliardi di dollari per porre fine a decine di migliaia di cause legali intentate negli Stati Uniti in cui si sostiene che la sostanza chimica abbia causato gravi malattie, incluso il cancro.

Alcuni lavoratori dell’olio di palma che usano quotidianamente prodotti agrochimici hanno mostrato lesioni tra le dita delle mani e dei piedi, insieme a unghie distrutte. Altri avevano occhi lattiginosi o rossi e si lamentavano di vertigini, difficoltà respiratorie e visione offuscata. Gli attivisti hanno riferito che alcuni hanno perso completamente la vista.

Gli operai hanno detto che i pesticidi regolarmente tornano sui loro volti, schizzano sulla schiena e penetrano nella pelle sudata del loro stomaco.

“Se il liquido si agita e fuoriesce, scorre anche nelle mie parti intime. Quasi tutte le donne soffrono dello stesso prurito e bruciore “, ha detto Marodot, i cui cinque figli lavorano anche per aiutare il padre a raggiungere il suo obiettivo quotidiano. “Devo andare avanti fino a quando non ho finito di lavorare, quindi pulirlo con acqua. Ci sono troppi uomini in giro. “

Ha detto che ha problemi a vedere e il suo viso è scuro e screpolato per gli anni sotto il sole.

Quando un giornalista ha consegnato un rossetto da $ 20, a una lavoratrice di nome Defrida è stato detto che conteneva olio di palma. Ha svitato il cappuccio argentato e fissato il luccicante bastone rosa, prima con curiosità, poi con disgusto.

Notando che avrebbe dovuto spruzzare pesticidi su 30 acri di terreno accidentato della giungla solo per permettersi un singolo tubo, ha supplicato le donne che acquistano prodotti contenenti olio di palma: “Oh, mio Dio!” lei disse. “Per favore, presta attenzione alle nostre vite.”

Lei, insieme a quasi tutte le donne intervistate, ha lamentato dolore pelvico e ha spiegato come viene influenzata quasi ogni fase della loro salute riproduttiva.

Alcune donne sono costrette a sottoporsi a controlli umilianti per dimostrare che stanno sanguinando per poter prendere un congedo durante il ciclo.

Altri che soffrono di prolasso uterino causato dall’indebolimento del pavimento pelvico dovuto a ripetuto accovacciarsi e trasportare carichi pesantissimi, creano bretelle improvvisate avvolgendo strettamente sciarpe o vecchi tubi di pneumatici per motociclette attorno alla vita. Alcuni lavoratori hanno descritto di aver provato un dolore così acuto da poter essere attenuato solo sdraiandosi sulla schiena con le gambe in aria.

Nonostante un programma sanitario nazionale lanciato dal governo indonesiano, molti lavoratori dell’olio di palma non hanno ancora accesso ai servizi medici e, anche quando sono disponibili cure di base, in genere non sono estese alle lavoratrici diurne. Le cliniche più vicine possono essere più di un giorno di guida in moto, quindi la maggior parte dei lavoratori usa solo aspirina, balsami o rimedi casalinghi quando è malata.

Tuttavia, stanno meglio in molti modi rispetto alle donne migranti che lavorano senza documenti in Malesia, principalmente negli stati confinanti di Sarawak e Sabah, sull’isola del Borneo.

L’AP ha confermato una storia orribile che coinvolge una donna indonesiana incinta che è sfuggita alla prigionia in una tenuta malese di proprietà della Felda, una delle più grandi compagnie produttrici di olio di palma del mondo. Ha partorito nella giungla e ha cercato cibo prima di essere finalmente salvata. A settembre, la US Customs and Border Protection ha vietato tutte le importazioni di olio di palma da FGV Holdings Berhad, che è strettamente affiliata a Felda, dopo aver trovato indicazioni di lavoro minorile e forzato e altri abusi nelle sue piantagioni.

Anche se quotidianamente in Malesia, le donne migranti temono l’arresto e la deportazione, molte lasciano raramente le loro piantagioni, anche per partorire, a volte rischiando la propria vita e i propri bambini. E coloro che si avventurano in casi di emergenza possono essere trattenuti per settimane in ospedale fino a quando i membri della famiglia non riescono a raccogliere abbastanza soldi per pagare tariffe esorbitanti.

In una struttura governativa in una città di confine, un menu con i prezzi del reparto maternità è stato affisso su una bacheca blu. Un parto naturale costa ai migranti stranieri circa $ 630, molte volte di più di quanto costerebbe a un cittadino malese, una cifra che potrebbe richiedere ad alcune donne almeno un anno per essere rimborsata.

E questo se sono in grado di concepire e portare a termine i loro bambini.

Gruppi di donne intervistate dall’AP in Indonesia si sono chieste se il loro arduo lavoro, combinato con le sostanze chimiche che manipolano e respirano, abbia causato la loro infertilità, gli aborti spontanei e i nati morti.

Ita era tra coloro che affermavano che il suo lavoro influiva sulla sua capacità di partorire bambini sani. Ha detto di aver nascosto due gravidanze al suo capo, sapendo che probabilmente non sarebbe stata chiamata per il lavoro quotidiano altrimenti. Con due bambini già a casa da sfamare, non aveva altra scelta che continuare a lavorare per 5 dollari al giorno. Al contrario, una lavoratrice a tempo pieno permanente ha diritto a tre mesi di congedo di maternità retribuito.

Ogni giorno, mentre la sua pancia cresceva, Ita diceva che continuava a trasportare carichi da spaccare la schiena su acri di campi, spargendo 400 chilogrammi di fertilizzante – quasi mezza tonnellata – nel corso di una giornata. Ha perso entrambi i bambini nel terzo trimestre e, senza assicurazione sanitaria, è rimasta con le spese mediche che non poteva pagare.

“La prima volta che ho abortito e il dottore ha dovuto tirare fuori il bambino”, ha detto Ita, che ha lavorato nella piantagione insieme a sua madre dall’età di 15 anni. “La seconda volta, ho partorito a sette mesi ed è stato in condizioni critiche e lo hanno messo in un’incubatrice. È morto dopo 30 ore.

“Ho continuato a lavorare”, ha detto. “Non mi sono mai fermata dopo la morte del bambino.”

Questa storia è stata finanziata in parte dal McGraw Center for Business Journalism presso la Newmark Graduate School of Journalism di CUNY

(*) Articolo originale: https://apnews.com/article/palm-oil-abuse-investigation-cosmetics-2a209d60c42bf0e8fcc6f8ea6daa11c7?utm_medium=AP&utm_source=Twitter&utm_campaign

Ripreso da https://pungolorosso.wordpress.com/

La Bottega del Barbieri

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *