La bellezza di ogni vita

Breve dialogo fra db e Tiziana a proposito del libro «Considerare. Migranti, forme di vita»

Tiziana

«Hai guardato “Considerare” di Marielle Macé?».

db

«Sì, è molto interessante ma forse…»

Tiziana

«Forse?»

db

«… troppa bellezza per un argomento così tragico».

Tiziana (ci pensa qualche attimo e poi)

«Bisogna restituire a ogni vita il diritto alla bellezza, sempre. Vederla, odorarla, rivendicarla. Altrimenti lo spazio che ci rimarrà sarà solo quello situato nel limbo violento tra le frontiere e i confini, non quello dell’abitare insieme».

Db (ci pensa più di un attimo e poi)

«Hai ragione. Grazie a te e al libro che finirò di leggere… con uno sguardo nuovo».

«Considerare. Migranti, forme di vita» di Marielle Macé è pubblicato da Metauro

Daniele Barbieri
Un piede nel mondo cosiddetto reale (dove ha fatto il giornalista, vive a Imola con Tiziana, ha un figlio di nome Jan) e un altro piede in quella che di solito si chiama fantascienza (ne ha scritto con Riccardo Mancini e Raffaele Mantegazza). Con il terzo e il quarto piede salta dal reale al fantastico: laboratori, giochi, letture sceniche. Potete trovarlo su pkdick@fastmail.it oppure a casa, allo 0542 29945; non usa il cellulare perché il suo guru, il suo psicologo, il suo estetista (e l’ornitorinco che sonnecchia in lui) hanno deciso che poteva nuocergli. Ha un simpatico omonimo che vive a Bologna. Spesso i due vengono confusi, è divertente per entrambi. Per entrambi funziona l’anagramma “ride bene a librai” (ma anche “erba, nidi e alberi” non è malaccio).

Un commento

Rispondi a Maria Franca Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *