LA PESCA

(Roba del Pabuda…)

 

scrivo le mie robette                            

soltanto

quand’è impellente:

non capita ogni giorno

e, comunque:

decido quasi niente:

quando va fatto, va fatto.

scrivere a comando:

non ci provo manco.

per il resto, soprattutto,

getto ami

nel mare confuso

di ricordi, spionaggi e desideri:

una volta su un milione:

abboccano.

oppure abbocco io stesso

(suppongo: il mio me nascosto)

all’esca più fresca.

ben strana passione la pesca!

 

.-.

(nell’immagine: un collage del Pabuda del 2019 intitolato “Il tasto è premuto”)

Pabuda
Pabuda è Paolo Buffoni Damiani quando scrive versi compulsivi o storie brevi, quando ritaglia colori e compone collage o quando legge le sue cose accompagnato dalla musica de Les Enfants du Voudou. Si è solo inventato un acronimo tanto per distinguersi dal suo sosia. Quello che “fa cose turpi”… per campare. Tutta la roba scritta o disegnata dal Pabuda tramite collage è, ovviamente, nel magazzino www.pabuda.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *