La piovra islamista e chi non vuole vedere

articoli di Printemps Republicain e di Cinzia Sciuto

da printempsrepublicain.fr

 

Subito fuorilegge la piovra islamista

di Printemps Republicain

Prima è stata la volta dei soldati e dei bambini ebrei. Poi di caricaturisti, poliziotti e ancora ebrei. Poi ancora poliziotti, preti, e francesi usciti ad ammirare i fuochi d’artificio, bere un bicchiere o assistere a un concerto. Ieri è stato un insegnante a essere ucciso: non un insegnante qualunque, scelto a caso come tante altre vittime prima di lui. Samuel Paty è stato ucciso perché, come ogni anno, ha organizzato un corso di educazione morale e civica sulla libertà d’espressione. Ha mostrato le caricature di Maometto. Per gli islamisti è troppo. Pressioni, denunce, intimidazioni. E, alla fine, decapitazione. Nell’Algeria degli anni Novanta, gli intellettuali che resistevano, le giovani ragazze che non volevano mettere il velo venivano sgozzati. Nella Francia del 2020, si rischia la pelle quando si fa il proprio lavoro, semplicemente il proprio lavoro.

L’omicidio di Samuel Paty non è dovuto al caso. Paty è stato oggetto per diversi giorni di una campagna denigratoria. Il suo nome e il suo indirizzo sono stati diffusi sui social network. Gli istigatori di questa campagna non sono genitori indignati: sono propagandisti dell’islam politico. Uno è il fondatore del collettivo Cheikh Yassine, un’organizzazione pro-palestinese antisemita e cospirazionista, che imperversa da anni. Un altro è un educatore senza macchia. Una figura di così grande ispirazione da essere stato preso come modello per il personaggio interpretato da Reda Kateb nel film Hors normes. Brave persone…

Oggi ne abbiamo abbastanza. Ne abbiamo abbastanza di piangere i nostri morti. Ne abbiamo abbastanza del fatto che si prendano di mira le prime linee della Repubblica. Ne abbiamo abbastanza di questa piovra islamista che prospera, che ostenta, che minaccia. Ne abbiamo abbastanza di vedere amici e colleghi insultati, minacciati, obbligati da anni a vivere sotto scorta, nell’indifferenza quasi generale. Ne abbiamo abbastanza del fatto che persone coraggiose – Jean-Pierre Obin, Zineb El Rhazoui, Mohamed Sifaoui, Caroline Fourest e tanti altri – siano attaccate senza sosta, e così poco difese.

Soprattutto ne abbiamo abbastanza dei vari «non facciamo di tutta l’erba un fascio», dei «si può essere Charlie come non esserlo». Ne abbiamo abbastanza di quei signori troppo tranquilli che, dai ministeri o dagli spalti, «osservano» che non c’è alcun problema con la laicità. Ne abbiamo abbastanza dell’ipocrisia e della confusione intellettuale che regnano in queste organizzazioni di sinistra incapaci di prendere le parti di Mila. Ne abbiamo abbastanza di vedere gli opportunisti del coesistenzialismo aggirarsi come avvoltoi intorno al denaro pubblico e favorire l’infiltrazione dei Fratelli musulmani in nome del dialogo interconfessionale.

Ne abbiamo abbastanza, soprattutto, delle mezze misure, dei piccoli compromessi e delle grandi viltà. Non lasciatevi ingannare: gli islamisti non piangono, ridono. Sono riusciti nel loro obiettivo: diffondono il terrore senza neppure sporcarsi le mani. Denunciare pubblicamente gli è bastato: l’obiettivo è raggiunto, la paura è generale e il terrore regna. E i loro utili idioti si gettano già ai loro piedi per denunciare «l’islamofobia».

Ne abbiamo abbastanza, infine, di questa guerra sempre in ritardo. Di dover mobilitare tante energie per mettere in guardia e convincere, per combattere lo scetticismo e per rispondere agli attacchi.

È finita. Dobbiamo riprendere il controllo. Cambiare marcia! Non è più il momento di descrivere l’islamismo, criticarlo, denunciarlo: è venuto il momento di smantellarlo. Distruggerlo. Liquidarlo. Mettere fuori legge le organizzazioni che rivendicano o si ispirano all’islam radicale, quello dei salafiti e dei Fratelli musulmani in particolare. Bisogna sciogliere queste associazioni, sequestrarne i beni e assicurare i responsabili alla giustizia. Non se ne uscirà in altro modo. E bisogna farlo subito.

Inoltre è necessario rivedere completamente i dispositivi pubblici di formazione e accompagnamento alla cittadinanza e ai valori della Repubblica. Se la laicità, la libertà d’espressione, i diritti delle persone LGBT, la lotta contro l’antisemitismo sono così di sovente messi in discussione, significa che sono difesi troppo debolmente. L’azione deve cominciare fin dalle scuole primarie.

Apprendere i valori della Repubblica non è cosa superflua: è essenziale tanto quanto imparare la matematica e il francese. La Repubblica non deve mai avere vergogna dei propri valori: è necessario che la vergogna cambi campo. È un lavoro che prenderà degli anni. Fino a oggi non è stato che timidamente intrapreso.

Dobbiamo infine abbattere i ghetti in cui l’islamismo, ma anche la violenza gratuita e la miseria morale e materiale prosperano. È un lavoro che impegnerà una generazione.

Bisogna dunque agire nel breve, medio e lungo termine. L’urgenza è quella di proteggere le nostre prime linee, i nostri coraggiosi, respingendo definitivamente la piovra. In caso contrario, nessun lavoro più in profondità sarà possibile.
Non possiamo più attendere. Oggi è tardi. Domani sarà troppo tardi.

Noi, cittadini della Primavera repubblicana, siamo pronti a fare la nostra parte.
traduzione di Ingrid Colanicchia – 19 ottobre 2020

(*) ripreso da micromega.net

PROFESSORE DECAPITATO IN FRANCIA DA UN ESTREMISTA ISLAMICO: NON POSSIAMO PIÙ PERMETTERCI IL LUSSO DELL’INDIFFERENZA

di Cinzia Sciuto (**)

Venerdì scorso un professore francese è stato decapitato per aver mostrato alcune vignette su Maometto in classe.

Un professore. Decapitato. Per delle vignette.

L’orribile esecuzione di Samuel Paty – assassinato in pieno giorno da Abdullakh Anzorov, un ragazzo russo ceceno di 18 anni, che dopo l’assassinio è stato a sua volta ucciso dalla polizia – non è un fulmine a ciel sereno, un fatto isolato privo di qualsivoglia collegamento, il gesto di un esaltato che viene dal nulla. Quello che è accaduto venerdì a Conflans – una cittadina dell’ Île-de-France, oggi addolorata e sbigottita – è l’ultimo anello di una catena di eventi che si sono succeduti nei giorni precedenti, a loro volta da iscrivere in una cornice ancora più ampia. E sono questi eventi e questa cornice ad essere dal punto di vista politico e sociale molto più allarmanti del singolo, finale gesto omicida.

Samuel Paty era un docente di storia e geografia. Negli scorsi giorni, in concomitanza con l’inizio del processo per l’attentato a Charlie Hebdo il professore, che insegnava anche educazione civica, ha voluto dedicare una lezione a uno dei valori fondanti della Repubblica francese, la libertà di espressione, e per farlo ha anche mostrato alcune delle vignette pubblicate dal giornale satirico francese che ritraevano Maometto. D’altro canto come fai a raccontare la vicenda di Charlie Hebdo senza spiegare cos’è che ha provocato il massacro della redazione nel gennaio del 2015? In classe ci sono anche degli studenti musulmani, il prof. Paty naturalmente lo sa e per questo avvisa che sta per mostrare quelle immagini, dando la possibilità a chi volesse di uscire dall’aula, ma non intende rinunciare alla sua lezione. E perché dovrebbe, d’altronde? La libertà di espressione è un valore che dovrebbe stare a cuore a tutti i cittadini francesi a prescindere dalla loro fede, no? E infatti diversi degli studenti musulmani ascoltano e apprezzano la lezione del prof., molto amato a scuola, esattamente come i loro compagni.

A non apprezzare per nulla invece è il padre di una delle studentesse che nei giorni immediatamente successivi alla lezione di Paty pubblica sui social nome e cognome del docente, insieme all’indirizzo della scuola, invocando alla mobilitazione per bloccarne le lezioni. Il genitore ha addirittura denunciato il professore per diffusione di materiale pornografico e si è recato personalmente alla dirigenza della scuola per chiedere l’allontanamento dell’insegnante. Ad accompagnarlo in questa occasione è Abdelhakim Sefrioui, un esponente dell’islam più radicale, già noto per le sue posizioni antisemite e fondamentaliste.

Sia Sefrioui sia il padre dell’alunna sono stati arrestati, insieme ad alcuni familiari dell’assassino. Ad oggi sono 11 le persone poste in arresto per l’uccisione di Paty. Naturalmente sarà da chiarire il ruolo di ciascuno nella dinamica dei fatti, quello che invece è straordinariamente chiaro è che Paty era da giorni (se non da mesi) al centro di una martellante campagna di delegittimazione da parte di alcune famiglie musulmane estremiste e che né la scuola, né la polizia (a cui Paty negli ultimi giorni si era rivolto perché spaventato dalle minacce ricevute) né il resto della comunità musulmana sono riusciti a proteggerlo.

A ogni attentato di matrice islamica si rinnova il solito, trito e francamente ormai insopportabile copione: la condanna del fatto e la presa di distanza dall’assassino da parte delle organizzazioni islamiche. “Quello che è accaduto non ha niente a che fare con l’islam” e “Non si può accusare un’intera comunità del gesto di uno solo” sono il ritornello intonato non solo dai musulmani, ma anche da tanta parte della sinistra europea. Che le responsabilità penali siano individuali è lapalissiano e in tribunale si accerteranno quelle che hanno portato all’uccisione di Paty. Ma quello che interessa è capire quali e di chi siano le responsabilità di tutto quello che è accaduto prima.  Dissociarsi da chi uccide è ovvio, ma è anche fin troppo facile.

Meno facile, ma doveroso, sarebbe dissociarsi da tutte quelle famiglie che fanno pressioni sugli insegnanti per modificare le loro lezioni, che vietano alle figlie di partecipare a determinate lezioni (così facendo violando il loro diritto allo studio), che impongono (non necessariamente con la violenza, che è sempre e solo l’ultimo gradino della piramide della coercizione) alle bambine il velo, che pretendono leggi speciali, per esempio una deroga su quella che in Francia vieta qualunque simbolo religioso negli spazi pubblici (e che la retorica multiculturalista spaccia per “legge contro il velo”: una disonesta misitificazione della realtà).

Meno facile, ma doveroso, sarebbe stato non cavillare sull’opportunità o meno per un giornale di pubblicare vignette che taluni possono ritenere offensive e rivendicare invece la libertà che qualcun altro pubblichi persino quello che mi offende, invece di avventurarsi in gimkane argomentative a cui si è volentieri unito persino papa Francesco. Se per aver pubblicato delle vignette dei giornalisti sono stati massacrati, vuol dire che non possiamo permetterci il lusso di discutere del contenuto di quelle vignette.

Meno facile, ma doveroso,  sarebbe stato reagire immediatamente ai post di quel genitore, manifestando in maniera pubblica e ad alta voce la propria solidarietà a quel docente, marcando il terreno, occupando sia fisicamente sia ideologicamente lo spazio pubblico, magari indossando magliette con le vignette di Maometto, che Allah è troppo grande per offendersi per dei disegni.

E invece lo spazio pubblico viene sistematicamente disertato con una semplice alzata di spalle (“io non c’entro nulla, non devo giustificarmi di nulla”) e dunque inevitabilmente lasciato alla mercé dei fondamentalisti. Nel giugno del 2017, in seguito all’attentato sul London Bridge che provocò 8 morti e 48 feriti, la sociologa tedesca Lamya Kaddor, apprezzata studiosa di islam e fondatrice dell’Alleanza dei musulmani liberali in Germania, aveva promosso a Colonia una manifestazione il cui motto era #NichtMitUns – Muslime und Freunde gegen Gewalt und Terror [#nonconnoi – Musulmani e amici contro la violenza e il terrore]. La manifestazione è stata un vero e proprio flop (una delle maggiori organizzazioni islamiche tedesche aveva invitato a disertarla) e molti musulmani intervistati hanno spiegato la loro assenza proprio con l’argomento “non ho bisogno di giustificarmi in quanto musulmano”. Ma manifestare pubblicamente il proprio posizionamento rispetto a un problema che ci riguarda da vicino, anche se non ne siamo i diretti responsabili, è un segnale innanzitutto nei confronti di coloro che del nostro silenzio approfittano, in questo caso i fondamentalisti islamici. Da siciliana, conosco bene questo meccanismo: “io non sono mafiosa, dunque la mafia non è un mio problema” è stato per anni la cornice perfetta che ha fatto prosperare la mafia. Solo quando un gran numero di siciliani si è reso conto che la mafia ci riguarda anche se non siamo mafiosi e che è nostra responsabilità agire quotidianamente denunciando e non mettendo la testa sotto la sabbia che la lotta alla mafia anche da parte delle forze dell’ordine ha potuto avere una qualche efficacia.

E dunque sì, i musulmani hanno una precisa responsabilità nell’impedire che la narrazione fondamentalista prenda sempre più piede. Oggi sarebbe urgente che i musulmani di Francia raccogliessero l’invito che ha loro rivolto Macrón in un recente, importante discorso, diventando i primi, orgogliosi alleati nella difesa dei valori della République.

(**) ripreso da www.animabella.it

La Bottega del Barbieri

2 commenti

  • Dimenticate un ultimo fatto: il “certificato di verginità” e tutto il dibattito che si sta facendo invece di chiudere la questione semplicemente proibendolo e radiando dall’albo dei medici hi lo fa…….

  • Daniele Barbieri

    Oggi l’agenzia Anbamed pubblica questo editoriale di Farid Adly.
    “il caso del professore francese decapitato e il dialogo cristiano-islamico”
    EDITORIALE
    Imperversano nei Paesi islamici le manifestazioni contro la Francia e gli inviti al boicottaggio delle merci francesi, in seguito alle prese di posizioni del presidente Macron sull’assassinio del professore Samuel Paty da parte di un diciottenne di origine cecena. Manifestazioni che si tengono con la parola d’ordine: “Il profeta Muhammad non si tocca!”. In questo contesto si inseriscono le dichiarazioni provocatorie del presidente turco Erdogan, che nel suo sogno di riprendere in mano l’egemonia sul mondo islamico sunnita, per far rinascere il califfato Ottomano, sta cavalcando l’onda. Oltre a questa palese strumentalizzazione di Erdogan, si registrano tutta una serie di dichiarazioni che si ergono in difesa del profeta Muhammad, senza inquadrare la vicenda centrale, quella della decapitazione di un essere umano con il metodo dello sgozzamento, azione operata da un giovane di fede musulmana accecato dalla propaganda jihadista. Dall’Imam di Al-Azhar, Ahmed Tayyeb (lo stesso che un anno e mezzo fa, nel febbraio 2019, ha firmato, ad Abu Dhabi, insieme al Papa Francesco la dichiarazione della “Fratellanza Umana per la Pace mondiale e la convivenza comune”), a Hezbollah libanese, dall’Iran all’Arabia Saudita, si ergono a difensori del profeta, con parole altisonanti sulla convivenza e sul rispetto delle altre fedi.
    È un gioco pericoloso, che nasconde sotto il tappeto le magagne di società governate da poteri dittatoriali e leggi oscurantiste. Ed è un gioco che presta il fianco alle deviazioni jihadiste, che non hanno – secondo il nostro parere – nulla a che fare con l’Islam.
    In questa vigilia del dialogo cristiano-islamico (27 Ottobre) si deve fare chiarezza sull’incontro tra civiltà e si deve stare in allerta da quelle campagne organizzate ad arte per mestare nel torbido: sono – volenti o nolenti – il brodo di coltura per la propaganda jihadista e il conseguente proselitismo nelle file dei movimenti terroristici.
    Chi vuole difendere le società islamiche devastate dalle guerre dovrebbe invitare al boicottaggio delle armi francesi e delle altre nazioni industrializzate. I centri di potere a Riad, il Cairo, Ankara e Teheran sono alla rincorsa per ottenere contratti di acquisto per miliardi di euro di armi, che serviranno soltanto a reprimere i loro popoli, impoverirli e negare un futuro prospero alle future generazioni.
    Il caso del romanzo “Versetti Satanici”, negli anni Ottanta, si sta ripetendo oggi con le vignette di Charlie Hebdo. Non siamo simpatizzanti né dell’uno, né delle altre, ma sosteniamo il diritto di tutti gli esseri umani alla vita ed alla libertà d’espressione.
    Coloro che non vedono la mano assassina che usa il coltello per uccidere, chi alza un polverone contro intellettuali che usano la penna o la matita per esprimere una opinione (anche se fosse sbagliata), non possono ottenere il nostro silenzio.
    Non dobbiamo permettere che l’Islam e il suo profeta Muhammad vengano strumentalizzati per nuove guerre di religione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *