La strage di Parigi? Un avvertimento ai Rothschild

di Pietro Ratto

IDF

A chi appartiene il Bataclan? La proprietà è del magnate, editore e finanziere Arnaud Lagardère, alla guida del gigantesco Gruppo omonimo (il cui principale azionista è nientemeno che l’Emiro del Qatar), che comprende marchi editoriali come Hachette o Larousse. Lagardère – uomo dei Rothschild(1) è stato anche Amministratore delegato di France Telecom e di Louis Vitton (di proprietà dei Lazard, alleati-parenti dei potenti banchieri), oltre che uno dei nomi di spicco del C.d.A di Le Monde. Il famoso barone Edmond de Rothschild fu, dal 1989, presidente onorario di Hachette proprio al fianco del padre di Arnaud, Jean-Luc Lagardère, che alla propria morte (avvenuta nel 2003), lasciò al figlio il suo gigantesco impero finanziario, e che, tra l’altro, fu socio di Berlusconi nella proprietà di La Cinq, di cui poi i Lagardère hanno acquisito l’intero controllo.

Ebbene, Arnaud Lagardère risulta uno dei principali finanziatori dell’IDF, la famigerata Forza di Difesa Israeliana che di fatto esercita il controllo militare dei Territori occupati in Israele. Proprio uno dei vertici dell’IDF è stato, per oltre trent’anni, il generale Daniel (Danny) Rothschild, importante rampollo della potente famiglia di banchieri ebrei, ex braccio destro di Moshe Levy ed attuale Direttore dell’IPS, l’Institute of Policy and Strategy del Ministero della Difesa israeliano.

L’attentato di venerdì, insomma, sarebbe in realtà un “avvertimento” ai Rothschild, ed al loro appoggio finanziario a quelle violenze perpetrate da Israele nei confronti dei palestinesi da più di un secolo. Altro che Siria!

A quanto scrive il Times of Israel, per giunta, da mesi la Comunità ebraica di Parigi risultava già avvisata del forte rischio di una strage(2).

———————————

(1) Per maggiori approfondimenti, cfr. P. Ratto, I Rothschild e gli Altri, Arianna edizioni, 2015

(2) Cfr. Times of Israel, 14 novembre 2015

Pietro Ratto è su Facebook e su Twitter. Qui, tutti i suoi scritti “in Bottega” ed una sua biografia

Pietro Ratto
Nato nel 1965, si è laureato in Filosofia ed Informatica nel 1990 con una tesi in Intelligenza Artificiale. Dal 1995 è iscritto all'Albo dei Giornalisti. Professore di Filosofia, Psicologia e Storia, ha vinto diversi Premi letterari di Narrativa e di Giornalismo. Collabora saltuariamente con il quotidiano La Stampa e gestisce i siti "BoscoCeduo" (www.boscoceduo.it) e "IN-CONTRO/STORIA" (www.incontrostoria.it).
Le sue pagine Facebook e Twitter intitolate "BoscoCeduo" sono quotidianamente frequentate da centinaia di docenti ed alunni italiani.

I suoi libri:
- P. Ratto, "Le pagine strappate", Elmi's World, 2014
- P. Ratto, "La Passeggiata al Tramonto. Vita e scritti di Immanuel Kant", Leucotea, 2014
- P. Ratto, "Il Gioco dell'Oca", Prospettiva editrice, 2015
- P. Ratto, "I Rothschild e gli altri", Arianna editrice, 2015

Pietro Ratto è anche musicista. E' stato infatti fondatore e leader del gruppo di rock progressivo ATON'S (vedi http://www.atons.it oppure, su Wikipedia, http://it.wikipedia.org/wiki/Aton's), uno dei riferimenti più importanti del neo-progressive italiano a livello internazionale, dal 1977 al 1999, con una decina di album all'attivo.

Rispondi