Merda buona e merda Orban

La rubrica settimanale (con brevi testi e fotomontaggi) di Chief Joseph: 84esimo appuntamento

 

Gli escrementi di mucca, per i molti allevamenti sparsi per il mondo, sono un notevole problema ambientale. Allora, a cominciare dal 2017, Jalila Essaïdi, una designer di Eindhoven, ha deciso di fare vestiti utilizzando questo tipo di feci dalle quali si possono ricavare sia la base del materiale che i componenti chimici per trattarlo. La base del nuovo materiale chiamato Mestic (dall’olandese mest, letame) è la cellulosa che arriva dai vegetali mangiati e digeriti dalle mucche. Vengono poi estratti anche gli acidi per creare una sorta di plastica liquida naturale. I vestiti non puzzano e sono igienici.

* La frase è tratta da «Via del Campo» di Fabrizio De André.

Nella foto, accanto al capo indiano, la designer Jalila Essaïdi

 

 

Per combattere il Coronavirus (mah) il 30 marzo il Parlamento ungherese ha attribuito pieni poteri per un tempo illimitato a Viktor Orban. In pratica, un colpo di stato. Matteo Salvini: «Saluto con rispetto la libera scelta del Parlamento ungherese eletto democraticamente dai cittadini. Buon lavoro all’amico Orban». E Giorgia Meloni ha dichiarato: «Se qualcuno non se n’è accorto, in Italia, il governo ha dichiarato lo stato di emergenza, ha sospeso le elezioni e sono stati rinviati il referendum e le elezioni regionali e locali».

La redazione della “bottega” si offre per regalare alla Meloni un breve corso (a debita distanza) su «Trova la differenza», il vecchio gioco de «La settimana enigmistica».

 

L’AUTORE 

Chief Joseph – o se preferite Capo Giuseppe – è stato una guida (militare e spirituale) dei Nasi Forati, un popolo nativo americano. Si chiamava in realtà Hinmaton Yalaktit, che in lingua niimiipuutímt significa Tuono che rotola dalla montagna. Da tempo riceviamo molti contributi alla “bottega” firmati Chief Joseph. Sono fotomontaggi per dialoghi immaginari (spesso volutamente anacronistici) a commentare una notizia o un breve testo. Ci piacciono per l’estrema sintesi e la contrapposizione fra mondi diversi. Così la “bottega” ha chiesto a Chief Joseph di prendersi uno spazio fisso (come hanno da tempo le vignette di Energu) e lui ha accettato: faremo il mercoledì mattina. [db]

 

 

La Bottega del Barbieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *