Metafore e legnate

La rubrica settimanale (con brevi testi e fotomontaggi) di Chief Joseph: 112esimo appuntamento

 

Alberto Gagliardo è un insegnante di liceo che attualmente lavora presso gli Istituti per la Storia della Resistenza di Forlì-Cesena e Rimini. Ha scritto il libro “Storia sociale di Rita Pavone – Biografia del Paese che siamo stati e che siamo diventati” dove cerca di dimostrare che la vita di Rita Pavone ha accompagnato la storia del nostro Paese, disegnandone, come un sismografo fedele, il profilo delle evoluzioni politiche, sociali, di costume: la guerra, la ricostruzione, l’emigrazione, il boom, le nuove culture giovanili, la società di massa, la neotelevisione… Rita Pavone come metafora o, se si preferisce, come una sorta di biografia della nazione.

Nella foto, accanto al capo indiano, Rita Pavone.

 

In Europa 719 milioni di tonnellate di CO2 (anidride carbonica) sono assorbite dalle foreste (dati dal 2005 al 2015). Le immagini satellitari raccolte in Europa dal Global Forest Change dimostrano che c’è stato un aumento del 49% della deforestazione tra il 2016 e il 2018 rispetto ai cinque anni precedenti (soprattutto in Svezia e in Finlandia). Rispetto al 2000 la crescita del mercato del legno in Europa è aumentata del 21%. Un albero adulto e ben curato produce ossigeno per dieci persone e assorbe 20-50 chili di CO2 e, in ambiente urbano, fra i 10.20 chili. Secondo i dati di Global Forest Watch 317mila ettari di bosco sono stati tagliati negli ultimi anni in Romania, pari 330 mila campi di calcio. 

 

L’AUTORE 

Chief Joseph – o se preferite Capo Giuseppe – è stato una guida (militare e spirituale) dei Nasi Forati, un popolo nativo americano. Si chiamava in realtà Hinmaton Yalaktit, che in lingua niimiipuutímt significa Tuono che rotola dalla montagna. Da tempo riceviamo molti contributi alla “bottega” firmati Chief Joseph. Sono fotomontaggi per dialoghi immaginari (spesso volutamente anacronistici) a commentare una notizia o un breve testo. Ci piacciono per l’estrema sintesi e la contrapposizione fra mondi diversi. Così la “bottega” ha chiesto a Chief Joseph di prendersi uno spazio fisso (come hanno da tempo le vignette di Energu) e lui ha accettato: faremo il mercoledì mattina. [db]

La Bottega del Barbieri

Un commento

  • Corrado Seletti

    Avrei preferito l’Orietta nazionale (Berti x intenderci); sicuramente molto amata da “quelli di una certa età”!
    Riguardo la deforestazione (selvaggia – dico io) il problema è serio, globale e sottovalutato; diverso è prendersi cura del bosco ( vedi ad esempio faggete) per farlo rinascere dopo la raggiunta maturazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *