Milano: due appuntamenti con «Qcif» e l’evoluzione

(se di db non ne potete più non leggete questo post)  

PRIMO INCONTRO: 10 FEBBRAIO

Presentazione di «Quando c’era il futuro: tracce pedagogiche nella fantascienza» di Daniele Barbieri e Raffaele Mantegazza (Franco Angeli 2013)

ALLE 20,45 NELLA BIBLIOTECA DERGANO-BOVISA

via Baldinucci, 76 – 20158 Milano

Intervengono: Daniele Barbieri e Raffaele Taddeo (presidente del Centro culturale multietnico La Tenda)

Ingresso libero

A cura del Centro culturale multietnico La tenda

INFO: 02.88465807, c.bibliodergano@comune.milano.it

La fantascienza inventa mondi, crea forme di vita, mette in scena futuri possibili. Come la fantascienza ma in modi diversi anche l’educazione è un’attività che crea futuro per gli esseri umani. Porre a contatto questi due campi del sapere può essere una sfida interessante. Pensando l’educazione come sfida utopica per mettere al mondo esseri umani che provino a cambiare il mondo, questo testo interroga il genere letterario di Asimov, Dick, Le Guin, Simak e tanti altri proprio nelle sue declinazioni più prossime alla politica e all’utopia.

 

SECONDO INCONTRO: 12 FEBBRAIO

Darwin e fantascienza: strana, bella coppia

«Narrare i futuri: fantascienza legata all’evoluzione». Con questo titolo la Società Umanitaria di Milano annuncia un incontro alle 18 del 12 febbraio che, per chi non lo sapesse, è il Darwin Day. Se ne ragionerà con Daniele Barbieri (se non è un omonimo o un clone dovrei essere io) e con Mari Cultrera. L’appuntamento è all’Auditorium in via San Barnaba 48.

Ecco il comunicato dell’Umanitaria.

DARWIN DAY 2014

Racconti di fantascienza legati all’evoluzione.

Narrare i futuri”

Incontro con Daniele Barbieri e con Mari Cultrera

Ore 18

Via S. Barnaba 48 – Milano

Società Umanitaria

Sala Bauer

In occasione del Darwin Day 2014 si terrà un dialogo aperto con il giornalista Daniele Barbieri che presenterà alcuni racconti di fantascienza sottolineando come la buona fantascienza abbia più volte incrociato le trasformazioni dell’Homo Sapiens e i sentieri dell’evoluzione.

Daniele Barbieri , autore con Raffaele Mantegazza di «Quando c’era il futuro: tracce pedagogiche nella fantascienza», uscito a novembre 2013, racconta tre storie e suggerisce alcune riflessioni. La prima lettura è di Clifford Simak, guarda lontano nel tempo e pone il quesito: chi erediterà la Terra?

La seconda narrazione di Robert Sawyer, immagina che fra due mondi paralleli si apra una porta: Neanderthal e Cromagnon si reincontrano. Il terzo racconto è ancora di Sawyer e immagina un eventuale prossimo incontro fra umani e una entità intelligente che cresce nella Rete. I presenti saranno coinvolti in un approfondimento su due altre questioni: l’evoluzione fra «super-eroi» e mutanti; le connessioni (non troppo lontane nel mondo cosiddetto reale) fra il cervello e il computer.

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Rispondi a DB Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *