Morire di lavoro a 26 anni

Quel che subito si dovrebbe fare per creare un argine contro la strage silenziosa e l’omertà degli appalti

di Vito Totire (*)

La morte di Christian Vernocchi a Cervia – ucciso da una pala meccanica nella “stazione di trasferenza” di Hera Ambiente – lascia allibiti. Molti fattori spingono alla assuefazione e alla rassegnazione ma ogni evento luttuoso di questo genere riapre ferite mai rimarginate. In particolare se si verificano in contesti territoriali come la Romagna con precedenti stragi di operai (dalla Mecnavi all’amianto dell’Enichem e di altri siti produttivi).

In un momento storico in cui certe procure della repubblica parlano di epidemia come di “evento ineluttabile” c’è il rischio che il mito – sempre infondato – della inevitabilità si proietti anche sulla “ordinaria” e quotidiana strage sul lavoro.

Non è solo una critica, è anche una autocritica in quanto alla fine anche “noi” arriviamo il giorno dopo.

Ma bisogna agire; dietro ogni evento infortunistico e dietro ogni malattia professionale c’è un segno premonitore che va ricercato nelle lacune del documento di valutazione del rischio. A volte, pur essendo corretta la valutazione, i rapporti di forza fra lavoratori e padroni impediscono di mettere in pratica le misure di prevenzione, pur magari facili da attuare. Insistiamo sulla nostra proposta di istituire – sul modello del Renam per i mesoteliomi – i registri degli infortuni mortali integrati dai dati sui “quasi infortuni” , quegli eventi a rischio che non hanno avuto esiti infortunistici ma per ragioni fortuite e dai quali occorre trarre indicazioni per la prevenzione futura.

Che il rischio si trasmetta lungo la catena di appalti e subappalti è cosa nota. Sono francamente irritanti le frequenti sortite di Hera (certe pagine di certi quotidiani sono poco lette ma comunque…) di sapore auto-propagandistico: Hera si vanta di essere ai vertici mondiali delle classifiche di “top employement” compilate da agenzie private vittime di ipnosi. Queste agenzie – supponiamo a pagamento – si concentrano su alcuni particolari evitando di analizzare il contesto; è facile giungere in vetta a queste “classifiche” quando i lavori più a rischio (tipo gli interventi sule condutture del cemento-amianto) sono quasi completamente esternalizzati e affidati ad aziende che andrebbero seguite dagli organi di vigilanza.

Per la morte di Christian Vernocchi non possiamo che esprimere il nostro cordoglio, ma diamo la disponibilità a sostenere percorsi di costituzione di parte civile. Un passo che ci auguriamo venga fatto anche dal sindaco del Comune nel cui territorio si è verificato l’evento mortale e da quello del Comune di residenza del ragazzo .

Il processo, se ci sarà un processo, riguarda tutta la comunità.

(*) Vito Totire, medico del lavoro, portavoce Rete per l’ecologia sociale

La Bottega del Barbieri

Un commento

  • tutte le grandi aziende pubbliche e para-pubbliche si nutrono di subappalto che è la summa du tutto: alto rischio, neo-schiavitù, corruzione ecc. (vedi storia Fincantieri) la questione è anche che in Italia gli ispettorati del lavoro, gli ispettorati asp, gli RSLS e RSLT sono inesistenti o corrotti … e i governi di “sinistra” (da D’Alema in poi) hanno spianato la strada …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *