Diritti umani: Netanyahu non ha nemmeno chiamato per…

… per fare le congratulazioni a B’Tselem

di Gideon Levy (tratto da https://frammentivocalimo.blogspot.com)

Il premio 2018 per i diritti umani della Repubblica francese sarà assegnato a B’Tselem. Ciò che è nuovo e degno di nota è che un’organizzazione israeliana riceva un premio per essere perseguitata nel proprio paese.

Il primo ministro non ha chiamato per fare le congratulazioni. Questa non è stata una vittoria dell’Eurovision Song Contest e nemmeno una medaglia nel judo dall’Azerbaijan. Il premio 2018 per i diritti umani della Repubblica francese sarà assegnato questa settimana al gruppo per i diritti umani B’Tselem. Orgoglio israeliano, onore e gloria.

E così è arrivata la notizia in Israele: “Questo non è un premio, è un marchio di vergogna. B’Tselem è un’organizzazione il cui lavoro dovrebbe essere fermato”- il viceministro nell’ufficio del Primo Ministro Michael Oren; “Vergogna e abbandono morale … il premio per i diritti degli oppositori del ritorno a Sion” – editore della pagina editoriale del quotidiano Israel Hayom, Dror Eydar; “Convoca l’ambasciatore francese per un rimprovero” – il gruppo dei riservisti dell’esercito israeliano My Truth.

Il premio quest’anno andrà alle organizzazioni sottoposte a pressioni nei loro paesi d’origine. Insieme a B’Tselem, il gruppo palestinese Al-Haq ha vinto, insieme a gruppi per i diritti umani provenienti da Cina, Colombia, Nigeria e Bielorussia.

Se qualcuno ha bisogno di prove sul perché B’Tselem meriti il premio, non solo per il suo lavoro importante e lodevole, ma anche come organizzazione sottoposta a pressioni e persecuzioni nel suo paese d’origine, le risposte fornite in Israele lo hanno evidenziato . In Cina, Nigeria, Colombia e Bielorussia le risposte sono state certamente simili. Anche lì, come in Israele, non amano i diritti umani. Israele è in compagnia delle tirannie del mondo.

Non c’è bisogno di dire altro sul ruolo di B’Tselem e sull’onore che porta allo stato, più di quello di qualsiasi judoka o cantante. Non c’è nemmeno bisogno di notare che Regev, Oren e il loro gruppo saranno presto gettati nella spazzatura della storia, mentre B’Tselem e altri come loro saranno ricordati come gli ultimi custodi della torcia. Ciò che è nuovo e degno di nota qui è che un’organizzazione israeliana riceva un premio per essere perseguitata nel proprio paese. Non è mai successo prima.

Le organizzazioni e gli individui in Israele hanno vinto numerosi premi internazionali per il loro lavoro nella salvaguardia dei diritti umani in condizioni di occupazione. Ora sono considerati anche perseguitati. Da qui le risposte isteriche al premio dato a un’organizzazione che fornisce informazioni, la cui professionalità e credibilità sono inattaccabili e la cui ricerca viene sfruttata anche dall’esercito israeliano. I suoi critici lo sanno e quindi gridano così forte.

B’Tselem è l’ultimo a tenere uno specchio della società israeliana, uno specchio che non ha mai voluto esaminare. B’Tselem mostra Israele oggi e così Israele Hayom (“Israele oggi”) non può sopportarlo. Quasi tutti i rapporti di B’Tselem avrebbero dovuto essere pubblicati sui media israeliani, e quasi tutti sono stati gettati nella spazzatura dalla maggior parte dei media.

I panorami visti nello specchio di B’Tselem sono brutti e così Israele copre i suoi occhi. Ma fino ad ora B’Tselem non era stato perseguitato e il suo popolo, gli ebrei tra loro, lavorava liberamente. Persino l’allora primo ministro Yitzhak Rabin voleva un paese senza B’Tselem (e senza l’Alta Corte di Giustizia), ma non ha mai agito per eliminarlo. L’Israele di oggi non vuole solo un paese senza B’Tselem, sta lavorando per eliminarlo. L’ex ministro della Difesa Avigdor Lieberman ha chiamato i comandanti delle Forze di Difesa israeliane, che è un esercito brutale di occupazione, “Peace Now”. Chiaramente avrebbe licenziato la maggior parte di loro se avesse potuto. Se il governo di destra ha un altro termine, saranno presi provvedimenti.

Il ministro degli Interni sta già lavorando per squalificare il vice sindaco di Haifa, legittimamente eletto, solo per le sue opinioni. Il ministro della sicurezza pubblica trova il suo unico conforto, alla luce della sua imbarazzante serie di fallimenti, nella persecuzione degli attivisti per i diritti umani. La polizia stradale revoca la patente di guida di un attivista di sinistra solo per le sue opinioni, come stabilito dal tribunale nel caso di Guy Hirschfeld; L’aeroporto internazionale di Ben Gurion espelle i turisti solo per le loro opinioni. Senza che la rana se ne accorga, l’acqua che sta cuocendo sta diventando gradualmente più calda e il suo destino è noto.

da qui

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *