NON CAPIAMO

(Roba del Pabuda…)

ce ne stiamo imbacuccati               

di primo mattino,

sulla panchetta grigia

d’ardesia dura

in fondo al giardino

col caffè che si raffredda

nella tazza

sospesa a mezz’aria

e il sedere

che ghiaccia sull’ardesia:

tra un sorso e l’altro

ascoltiamo

l’insistente gracchiare

d’una cornacchia:

ci scappa senza pensarlo

un risolino:

di quel verso d’uccello

facciamo automatica

una traduzione comica,

carnevalesca, umanoide:

non capiamo

se nella lingua sua

di cornacchia

nel mattino umido

quel verso

di cornacchia umida

e mattiniera

sia forse

un bellicoso segnale

per ribadire l’arrogante pretesa

di dominio territoriale,

un richiamo allarmatissimo

e disperato

alla figliolanza scomparsa dal nido

o uno straziato lamento

per il bisogno quasi doloroso

d’un impellente,

irrimandabile, accoppiamento.

noi, come marionette:

ridiamo: meccanicamente

a sentir ripetere

quel gracchiare intraducibile:

neanche facciamo ipotesi:

non capiamo niente.

 

 

Pabuda
Pabuda è Paolo Buffoni Damiani quando scrive versi compulsivi o storie brevi, quando ritaglia colori e compone collage o quando legge le sue cose accompagnato dalla musica de Les Enfants du Voudou. Si è solo inventato un acronimo tanto per distinguersi dal suo sosia. Quello che “fa cose turpi”… per campare. Tutta la roba scritta o disegnata dal Pabuda tramite collage è, ovviamente, nel magazzino www.pabuda.net

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *