Perché il popolo svizzero può salvare Julian Assange

di Aymeric Monville  (ripreso da https://www.lacittafutura.it/)

Dal momento del suo rapimento all’ambasciata (11 aprile 2019), il silenzio intorno a Julian Assange è stato assordante: silenzio da parte dei governi, della stampa e anche del team legale.

L’estate del 2019, senza notizie, è sembrata interminabile. Per esempio, l’associazione per i diritti umani Wikijustice, di cui sono entrato a far parte in quel momento, dovette pubblicamente rivelare il numero di matricola da carcerato affinché le lettere finalmente arrivassero a destinazione. Io stesso mostrerò in diretta TV su RT France il numero di matricola [1]. Nel frattempo, abbiamo ricevuto un SOS in codice Morse sul retro di una lettera che non solo ci incoraggia, ma ci obbliga legalmente a continuare a fornire assistenza a una persona in pericolo [2].

Poi è scoppiata la negligenza della difesa. A settembre, con stupore di tutti, il giudice Baraitser si è addirittura preso gioco del fatto che l’avvocato di Assange non avesse presentato una richiesta di rilascio: “Quindi ho dato al suo avvocato l’opportunità di presentare una richiesta di cauzione a suo nome e lei si è rifiutata di farlo. Forse non è una sorpresa, visti i suoi precedenti di elusione della giustizia in questi procedimenti” [3].

Da parte sua, già nell’ottobre del 2019, il sindacato svizzero Adetra (Associazione per la difesa dei lavoratori), anch’esso molto coinvolto nella difesa di Assange, ha espresso forti dubbi sulla signora Jennifer Robinson, l’avvocato più importante del detenuto australiano. Non ha esitato, quindi, a lodare sulla stampa l’avvocato Amal Clooney [4], che aveva già rappresentato Assange in passato ma che da allora è entrata a far parte dell’establishment del Partito democratico, e soprattutto non ha esitato a sottomettersi, qualche mese prima, alla seguente mascherata: l’organizzazione, nel luglio 2019, di una “Conferenza mondiale sulla libertà dei media” organizzata dai governi britannico e canadese a pochi chilometri dalla prigione di Belmarsh! [5] Non dimentichiamo che il Partito Democratico, di cui la signora Clooney e suo marito sono tra i generosi donatori, è stato, all’interno dell’apparato statale, il principale accusatore di Assange per più di un decennio! [6].

Un decennio in cui l’indagine preliminare svedese è stata utilizzata senza sosta per calunniare Julian Assange, al fine di screditarlo pubblicamente e di togliergli il suo sostegno. Mentre Assange non è mai stato accusato di stupro o accusato di alcun crimine, l’indagine ha fornito il pretesto pseudo-giudiziale per negargli ogni possibilità di riabilitazione.

Poi è arrivato lo scandalo dei conflitti di interesse all’interno degli studi legali coinvolti nel caso Assange, riportato dalla giornalista investigativa statunitense Lucy Komisar [7] e in francese dall’investigatore che si firma “basicblog” [8]: si tratta di avvocati coinvolti in casi di estradizione per conto degli Stati Uniti, uno di loro, Alan Dershowitz, avendo addirittura sostenuto la legalizzazione della tortura nel contesto della guerra contro il terrorismo.

Potrei richiamare molti altri eventi burleschi, come il signor Juan Branco che si presenta in Francia ad un detenuto come nientemeno che l’avvocato del signor Assange quando non aveva ancora prestato giuramento [9]. Questo fatto è ovviamente molto più aneddotico, ma non fa che aumentare la confusione.

Obbligo di inventario o dichiarazione di fallimento?

Siamo nel giugno 2020 e, al momento della valutazione, come dimostrano gli scambi procedurali [10], non sono stati fatti passi avanti da parte del team legale per chiedere la libertà vigilata del giornalista australiano, tranne uno, a causa di Covid-19, che è stato immediatamente respinto. Ci si chiede se sia opportuno basare questa tanto attesa richiesta solo sul motivo del virus, dato che le autorità britanniche potrebbero benissimo rispondere solo considerando i gravi motivi di salute.

Nessuna denuncia è stata presentata dal team legale per la tortura, nonostante il fatto che l’esperto (indipendente) delle procedure speciali del Consiglio per i diritti umani dell’ONU, Nils Melzer, avesse pubblicato un rapporto sulla tortura di Julian Assange nel maggio 2019. Opinione confermata dall’ex diplomatico britannico Craig Murray e Karen U. Kwiatkowski, ex tenente colonnello dell’aeronautica militare statunitense, ex membro della NSA ed ex analista del Pentagono, che ha persino parlato dell’uso di droghe BZ nella prigione di Belmarsh. [11] Questa sostanza tossicologica non letale, ufficialmente vietata a livello internazionale dalla Convenzione sulle armi chimiche, potrebbe spiegare il preoccupante deterioramento dello stato di salute di Assange sei mesi dopo la sua prigionia.

Il 29 dicembre 2019, è stato ancora il relatore speciale dell’Onu sulla tortura a dover ribadire al governo britannico le gravi violazioni delle procedure, esprimendo preoccupazione per le condizioni di detenzione e la salute di Julian Assange e chiedendo il suo rapido rilascio [12].

Non è stata presentata alcuna denuncia alla Corte europea dei diritti dell’uomo, nonostante il 28 gennaio 2020 l’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa abbia invitato gli Stati membri a opporsi all’estradizione del fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, negli Stati Uniti, e a decidere il suo rapido rilascio [13].

Non è stata presentata alcuna denuncia per contestare il giudice Arbuthnot (per conflitto di interessi) e nemmeno il giudice Baraitser, nonostante le deplorevoli condizioni dell’udienza: l’imputato e i giornalisti impossibilitati a sentire le domande a causa dei microfoni chiusi, la comparsa dell’imputato in una gabbia di vetro, come i criminali di guerra, incapaci di avere riservatezza con i suoi avvocati [14].

Perché un tale fiasco?

Questo bassissimo livello di attività contrasta con la pletora di avvocati che ruotano intorno a Julian Assange. Secondo le nostre informazioni, gli avvocati sarebbero, anche se questa cifra lascia un po’ perplessi, un centinaio. Chi paga? Hanno tutti ricevuto un mandato dall’interessato principale? Dovremmo distinguere tra gli avvocati di Assange e quelli di Wikileaks.

Sembra che il finanziatore principale sia la Courage Foundation, la fondazione che raccoglie fondi per la difesa di Julian Assange e che chiede, molto curiosamente, di inviare i nostri assegni di sostegno direttamente al paese che ha giurato la sua vendetta ed è diventato un maestro nell’arte della polizia, come mi sono stupito pubblicamente dopo essere stato avvertito dall’attivista e storica Monika Karbowska [15]. La Fondazione Courage è senza dubbio il fornitore di avvocati. Secondo Adetra, “il rappresentante della Fondazione Courage in Svizzera ci ha anche informato che gli onorari degli avvocati provengono dalla Fondazione Courage. Tuttavia, non sappiamo se queste informazioni riguardano tutto o parte del team legale di Julian Assange” [16].

Fino al 2018, la Courage era diretta da una persona di cui non si hanno notizie dal dicembre 2016 e che non era altro che la compagna di Assange e la persona che ha assistito Snowden al suo arrivo all’aeroporto di Mosca.

In qualsiasi sistema democratico, un avvocato può sempre aprire le porte della prigione. Com’è possibile che non siano riusciti ad ottenere un maggiore accesso a Julian Assange, come si lamentano regolarmente?

Il sindacato Adetra, coinvolto in questo caso in Svizzera, è rimasto sorpreso da quella che può sembrare una strategia da parte degli avvocati: “A novembre e dicembre 2019, due membri di Adetra hanno chiesto al rappresentante della Fondazione Courage in Svizzera perché il team legale londinese di Julian Assange non ha chiesto il suo rilascio su cauzione. Ci è stato detto che se Julian Assange fosse stato rilasciato, avrebbe rischiato di essere rapito dai servizi americani! Questa risposta è stata confermata qualche mese dopo da un’altra fonte” [17].

Finalmente hanno una strategia?

Avremmo una spiegazione per l’inspiegabile: la nostra coorte di avvocati non vedrebbe altra scelta se non quella tra il carcere e la morte. Eppure, potremmo prendere alla lettera le dichiarazioni di Churchill: “Dovevate scegliere tra il disonore e la guerra. Avete scelto il disonore e avrete la guerra”. Per aver scelto il carcere per evitare la morte, potrebbe finire con la morte in carcere.

Questo è quanto ha messo nero su bianco Melzer, il relatore delle Nazioni Unite sulla tortura, quando ha descritto la natura mortale di questa incarcerazione il 5 novembre: “La salute del signor Assange è entrata in una spirale infernale di progressiva grave ansia, stress e impotenza, tipica delle persone esposte ad un prolungato isolamento e ad un regime di costante arbitrarietà… Mentre l’evoluzione precisa è difficile da prevedere con certezza, questa configurazione dei sintomi può rapidamente trasformarsi in una situazione potenzialmente fatale che comporta un’insufficienza cardiovascolare o un collasso nervoso” [18].

Si deve quindi ritenere che il Covid si sia indubbiamente rivelata una minaccia molto più credibile degli avvertimenti del rappresentante dell’ONU o anche delle apprensioni di fronte ai colpi contorti della CIA! Al punto da giustificare una richiesta di liberazione condizionale, l’unica finora presentata. Sacro Covid, che avrebbe avuto la virtù di confinare metà del globo, se non fosse stato per uno che avrebbe liberato!

L’unica soluzione: prendere la comunità internazionale come testimone.

Fin dal mio primo articolo su questo caso (agosto 2019), ho adottato una politica di internazionalizzazione del caso e per portarlo all’attenzione di tutti, con il sostegno delle Nazioni Unite. Al fine di ristabilire un minimo di controllo internazionale. Insisto e confermo.

Le Nazioni Unite possono aver preso e talvolta prendono decisioni controverse, ma i principi della Carta sono universali, derivanti dalla grande vittoria dell’umanità contro il fascismo.

La speranza è arrivata anche dalla Svizzera, più precisamente dal Cantone di Ginevra, poiché 57 parlamentari su 77 hanno votato a favore dell’ottenimento di un visto umanitario. Si può presumere che le autorità britanniche, chiamate ad arrestare Julian Assange sulla base di una richiesta di aiuto reciproco, non siano necessariamente contente dell’immagine che danno. La Svizzera offrirebbe così una via d’uscita onorevole.

Se la sicurezza di Assange non è garantita né all’interno (la tesi del relatore dell’ONU), né all’esterno della prigione (la presunta tesi degli avvocati), quale modo migliore di trovargli un rifugio? Santuario che potrebbe essere garantito dal popolo svizzero.

E che, per il momento, “gli permetterebbe di beneficiare di un trattamento presso gli ospedali universitari di Ginevra, specializzati nel trattamento della sindrome da stress post-traumatico”, come ha sottolineato Jean Rossiaud, il deputato che è alla base di questa iniziativa.

Lasciate che le pistole cedano il passo alla toga.

Quindi, per rispondere a questi presunti timori degli avvocati, la CIA è pronta ad assassinare Assange sul territorio svizzero, sotto il naso e la barba dei cittadini svizzeri che hanno dato mandato ai loro deputati di farlo curare e che sono dotati sul loro territorio del monopolio della violenza legittima conferita da uno Stato? Cosa c’è di più sicuro di uno Stato geloso delle sue tradizioni di indipendenza e neutralità? Ovviamente, tutto è tecnicamente possibile. Ma se gli Stati Uniti si permettono di farlo, è perché abbiamo fatto un passo avanti nel processo di fascistizzazione e, in questo quadro, l’insurrezione sarebbe il più sacro dei doveri.

Per il momento, manteniamo l’adagio ciceroniano: “Cedant arma togae“, lasciamo che le armi cedano il passo alla toga.

Intendiamo mettere in discussione il coraggioso diritto del popolo svizzero di accogliere il giornalista australiano? Si tratta dello stesso argomento che i Pétainisti hanno sostenuto durante la guerra: con i vostri atti di resistenza, state provocando le terribili rappresaglie dell’occupante. Con questo argomento, saremmo ancora sotto lo stivale nazista.

Tuttavia, questo approccio democratico è in concorrenza con una richiesta di asilo presentata in Svizzera, sempre da… indovinate chi? Secondo Adetra, ancora una volta, “due avvocati della Svizzera tedesca, Andreas Noll e Philip Stolkin, si oppongono attivamente al visto umanitario, anche se la proposta ginevrina di accogliere temporaneamente il signor Julian Assange negli ospedali universitari di Ginevra è l’unica possibilità effettiva di permettergli di lasciare il carcere per ricevere le cure” [19].

Questa domanda concorrente spiegherebbe in parte perché la Svizzera non ha ancora preso una decisione a livello federale? Non c’è alcuna volontà da parte mia di dubitare della buona fede di queste azioni. Ma vorrei chiarire la posta in gioco. In linea di principio, gli approcci non sono paragonabili.

Da un lato, avete l’espressione del popolo sovrano, il popolo del cantone di Ginevra, attraverso i suoi rappresentanti, e dall’altro, una nuova iniziativa della cosiddetta “società civile”. Dopo Hegel, sappiamo che lo Stato, il popolo e la società civile sono in un rapporto dialettico. Nessuno dice che le iniziative della società civile debbano essere disprezzate.

Ma una società civile che pretende di sostituirsi alla volontà popolare è inaccettabile. Poi ricadremmo nella “società aperta”, cara a George Soros, di cui vediamo l’influenza sull’entourage di Assange (vedi i miei articoli) – anche se non ha esitato a rivelare le azioni del cosiddetto “filantropo”. Vale a dire, la società aperta al finanziamento interessato dei più ricchi.

Inoltre, la richiesta di asilo, contrariamente alla richiesta di un visto umanitario presentata dal Parlamento del Cantone di Ginevra, non sarebbe nemmeno giuridicamente rilevante. In effetti, il visto umanitario è stato creato quando è stata abolita la possibilità di ottenere asilo dall’estero [20].

Per poter richiedere l’asilo è quindi indispensabile trovarsi in territorio svizzero o al confine svizzero. L’asilo può quindi costituire una seconda fase, poiché ai richiedenti, dopo aver ricevuto il visto umanitario, viene concesso l’asilo nel 100 per cento dei casi [21].

È la volontà del popolo e non questo o quell’areopago che deve prevalere in questo caso, perché Julian incarna i diritti democratici di tutti. La volontà del popolo si sta attualmente esprimendo in Francia sotto forma insurrezionale. È stato espresso anche a Ginevra, dove il popolo non ha dimenticato le sue tradizioni democratiche ancestrali e non si è sottomesso alle pressioni degli Stati Uniti. La volontà del popolo deve prevalere.

Aymeric Monville è l’autore di “Julian Assange en danger de mort”, éditions Delga, Parigi, 2019 (la cui terza edizione sarà pubblicata alla fine di giugno) ed è il responsabile esteri del Polo di Rinascita Comunista in Francia. I suoi interventi in difesa di Assange attraverso vari mezzi stampa sono ormai noti al pubblico francese.

L’autore di questo articolo desidera ringraziare Isabelle Muller, Pindaro Hugo Guarin e Ivar Petterson di ADETRA per le informazioni che sono stati così gentili da fornire.

Note:

[1] Sarà mostrato da John Shipton solo in ottobre. Il numero non era cambiato da una prima incarcerazione.

[2] «Nous avons reçu un SOS de Julian Assange écrit en morse», assure Aymeric Monville

[3] Une juge britannique condamne Assange à la prison indéfiniment, en dépit de la fin de sa peine de prison

[4] Press freedom under threat from national security law spree

[5] Le gouvernement britannique organise une conférence sur la «liberté des médias» alors qu’il retient Assange en prison

[6] La justice amériaine démasque la conspiration du Parti démocrate contre Assange et WikiLeaks

[7] Assange lawyers’ links to US govt & Bill Browder raises questions

[8] Avocats d’Assange Le scandale des conflits d’intérêts se répand jusqu’aux États-Unis

[9] [Exclusif] Quand Juan Branco écrivait à Salah Abdeslam et “C’est un exercice illégal” : quand il sollicite le terroriste Abdeslam, Juan Branco… n’est pas encore avocat

[10] Assange | Search Results

[11] Avec son procédé de traitement contre Julian Assange, l’Amérique creuse sa propre tombe

[12] Nils Melzer on Twitter: “(1/6) Just out: My letter to the #UK Govt of 29 Oct 2019, detailing serious due process violations, expressing alarm at #Assange’s detention conditions & health, reiterating my queries & calling for his prompt release. Direct link: https://t.co/mqDEFuYowZ (60 days & no response)… https://t.co/ISxI8G96Tx”

[13] APCE – Résolution 2317 (2020) – Menaces sur la liberté des médias et la sécurité des journalistes en Europe. Altre iniziative meritano di essere menzionate. Il 16 aprile 2019 il Parlamento europeo ha adottato a larga maggioranza una nuova direttiva per gli informatori. Il 7 gennaio 2020. La Federazione Internazionale per i Diritti Umani, che riunisce 192 organizzazioni nazionali per i diritti umani in 112 paesi, ha inviato, insieme alla Ligue des droits de l’Homme France, una lettera aperta all’attenzione dell’ambasciatore britannico in Francia.

[14] Le juge refuse qu’Assange s’assoit avec ses avocats pendant l’audience d’extradition

[15] Aymeric Monville, RT France, 29 gennaio 2020. Anche: Pour défendre Assange, envoyez vos dons… aux États-Unis

[16] Association de Défense des Travailleuses et Travailleurs – Soutien à Julian Assange et à Chelsea Manning

[17] Ibidem

[18] Le rapporteur de l’ONU, Nils Melzer, avertit: Julian Assange pourrait mourir dans une prison britannique

[19] Association de Défense des Travailleuses et Travailleurs – Soutien à Julian Assange et à Chelsea Manning

[20] A questo proposito si veda la risposta della consigliera federale Karin Keller-Sutter dell’11 giugno 2019 all’interrogazione parlamentare del 5 giugno 2019 del consigliere nazionale Carlo Sommaruga, che giustifica la procedura di visto umanitario: “Il rilascio di un permesso umanitario presuppone che un’autorità cantonale si sia precedentemente dichiarata disposta a concedere un permesso di soggiorno su questa base. Inoltre, a seguito della modifica della legge sull’asilo del 28 settembre 2012, non è più possibile presentare una domanda d’asilo all’estero. Tuttavia, qualsiasi persona la cui vita o integrità fisica sia direttamente, seriamente e concretamente minacciata può presentare una domanda di visto umanitario a una rappresentanza svizzera all’estero. La domanda viene esaminata in dettaglio alla luce delle norme sull’ingresso nel territorio nazionale e sulla concessione dei visti, che presuppongono una situazione di particolare disagio che richiede l’intervento delle autorità e giustifica la concessione di un visto d’ingresso in Svizzera. In generale, le autorità ritengono che una persona che si trova già in un paese terzo sicuro non sia direttamente minacciata. In questo caso, non vi è alcuna indicazione che la Gran Bretagna, il paese in cui Julian Assange vive attualmente, non stia rispettando i suoi obblighi legali. ” (Si noti che quest’ultima affermazione è contraddetta dal rapporto di Nils Melzer sulla tortura, n.d.a.). 19.5241 | Le Conseil fédéral envisage-t-il d’accorder l’asile politique à Julian Assange? | Bulletin officiel | Le Parlement suisse

[21] Questi aspetti del diritto ci sono stati confermati da ADETRA dopo gli erano stati assicurati da dei giuristi svizzeri.

20/06/2020 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.
Credits: https://www.marianne.net

da qui

La Bottega del Barbieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *