Palestina: oltre 450 organizzazioni in tutto il mondo chiedono…

… all’Onu un’inchiesta sull’apartheid israeliana

Risposta globale all’apartheid israeliana: un appello all’Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA) da parte delle organizzazioni della società civile palestinesi e internazionali

L’apartheid è un crimine contro l’umanità, che comporta una responsabilità penale individuale e la responsabilità per uno Stato di porre fine alla situazione illegale. Nel maggio 2020, un gran numero di organizzazioni della società civile palestinese ha fatto appello a tutti gli Stati affinché adottassero “contromisure efficaci, comprese le sanzioni, per porre fine all’acquisizione illegale da parte di Israele del territorio palestinese mediante l’uso della forza, al suo regime di apartheid e alla sua negazione del nostro diritto inalienabile all’autodeterminazione “.

Nel giugno 2020, 47 esperti di diritti umani indipendenti all’interno delle Nazioni Unite (ONU) hanno dichiarato che il piano del governo israeliano di annettere illegalmente gran parte della Cisgiordania occupata costituirebbe “una visione di un apartheid del 21° secolo. “Sempre a giugno, 114 organizzazioni della società civile palestinesi, regionali e internazionali hanno inviato un forte messaggio agli Stati membri delle Nazioni Unite affermando che è arrivato il momento di riconoscere e affrontare l’istituzione e il mantenimento di un regime di apartheid da parte di Israele nei confronti del popolo palestinese nel suo insieme, compresi i palestinesi su entrambi i lati della Linea Verde, i profughi palestinesi e gli esiliati all’estero.

Ricordiamo inoltre che, nel dicembre 2019, il Comitato delle Nazioni Unite per l’Eliminazione della Discriminazione Razziale (CERD) ha sollecitato Israele ad attuare pienamente l’articolo 3 della Convenzione internazionale per l’eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale, che riguarda la prevenzione, la proibizione e l’eliminazione di tutte le politiche e le pratiche di segregazione e apartheid, su entrambi i lati della Linea verde. Come recentemente evidenziato dal Sudafrica al Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, “Il CERD ha ritenuto … che la strategia di frammentazione del popolo palestinese faceva parte di una politica e pratica di segregazione e apartheid. L’annessione sarebbe un altro esempio di totale impunità che deride questo Consiglio e violerebbe gravemente il diritto internazionale”.

Considerato che vi è un  crescente riconoscimento del fatto che Israele sta mantenendo il popolo palestinese in un regime di apartheid, che potrà essere solo rafforzato dall’annessione, noi, le sottoscritte organizzazioni della società civile palestinesi, regionali e internazionali, sollecitiamo l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a intraprendere azioni urgenti ed efficaci per affrontare le cause profonde dell’oppressione palestinese e per porre fine all’occupazione israeliana, al blocco illegale di Gaza, all’acquisizione illegale del territorio palestinese con la forza, al suo regime di apartheid sul popolo palestinese nel suo insieme e alla prolungata negazione dei diritti inalienabili del popolo palestinese, compresa l’autodeterminazione e il diritto dei profughi palestinesi e degli sfollati di tornare alle loro case, terre e proprietà.

Alla luce di quanto sopra, chiediamo a tutti gli Stati membri dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite di:

  • Avviare indagini internazionali sul regime di apartheid di Israele nei confronti dell’intero popolo palestinese, nonché sulla responsabilità penale individuale e statale associata, anche ricostituendo il Comitato speciale delle Nazioni Unite contro l’Apartheid e il Centro Contro l’Apartheid delle Nazioni Unite per porre fine all’apartheid nel 21° secolo.
  • Mettere al bando il commercio di armi e la cooperazione nel settore militare e della sicurezza con Israele.
  • Proibire qualsiasi commercio con le colonie illegali israeliane e assicurare che le aziende evitino / cessino attività commerciali con il sistema delle colonie illegali di Israele.

segue la lista delle organizzazioni…

da qui

La Bottega del Barbieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *