Quel 25 aprile e oggi – 12

Cagliari: due diverse gioventù e un acrostico

di Daniela Pia (*)  

Ho visto, lo scorso anno, a Cagliari, due gioventù diverse, nella ricorrenza della Liberazione dal nazifascismo: ragazzi insieme ad anziani e adulti per ricordare il sacrificio di chi si è speso per liberare il proprio Paese dall’orrore della dittatura e, di contro, una manifestazione intollerabile, autorizzata dal prefetto, una sfida, una provocazione per glorificare i fascisti che difesero la dittatura. Lo ricordo con questo acrostico: ancora è necessari, oggi, ribadire la necessità di liberarci. E non aggiungo altro.   

L’anno scorso li ho visti, i pronipoti degli antifascisti

Intonavano «una mattina mi son svegliato, o bella ciao»

Bandiere partigiane imbracciate da nonni e bisnonni

Erano forse gli ultimi rimasti e sfilavano al loro fianco

Rosso era il colore, a ricordare il sangue versato

Impari lotta del tempo passato a liberare il Paese

Accerchiato. Nella piazza di fronte un nero corteo,

Militare la posa, onorava i camerati perduti

Ordine, disciplina, e capelli rasati, autorizzati

Capi di truppe fantoccio in un 25 aprile oltraggiato

Infangato dal nero di un passato ignorato

 

(*) Oggi un blog speciale con 24 post, uno ogni ora, su Liberazione e sulla resistenza – sia minuscola che maiuscola – al nazifascismo. Nella piccola redazione (un po’ allargata per l’occasione) abbiamo discusso l’idea, partita da David, di scegliere 24 testi o immagini che raccontassero quel giorno e l’oggi; che mostrassero qualcosa (o qualcuna/o) importante da ricordare; che attualizzassero e/o problematizzassero la Liberazione e la Resistenza. Alcuni post sono firmati, gli altri sono nati – come già è successo – nel lavoro comune che possiamo chiamare Qbea cioè Questo Blog E’ Antifascista.

 

Daniela Pia
Sarda sono, fatta di pagine e di penna. Insegno e imparo. Cammino all' alba, in campagna, in compagnia di cani randagi. Ho superato le cinquanta primavere. Veglio e ora, come diceva Pavese :"In sostanza chiedo un letargo, un anestetico, la certezza di essere ben nascosto. Non chiedo la pace nel mondo, chiedo la mia".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.