Quiz, gatti, Renzi/Da Vinci e Formez

Lettera aperta di Sergio Tanzarella a Dario Franceschini, ministro dei Beni e Attività Culturali e del Turismo

statuaLucioDalla

Signor ministro dei Beni e Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini, il Formez ha appena pubblicato (http://riqualificazione.formez.it/content/concorso-ripam-mibact-on-line-banche-dati-test) il questionario dell’onniscienza cui saranno sottoposti bibliotecari, archivisti, architetti, storici dell’arte che aspirano a lavorare presso il suo ministero. Voglio esprimerle i miei complimenti per l’eccezionale raccolta di migliaia di domande stupide e inutili che gli intellettuali del Formez sono riusciti a produrre. Un catalogo che difficilmente potrà essere superato dagli stessi quiz televisivi. Un’opera di alto ingegno per la quale lei, insigne scrittore, e questo concorso siete destinati a passare alla storia! Infatti è molto importante sapere quanti delegati ha la Valle d’Aosta per l’elezione del presidente della Repubblica (q. 555)! Ma soprattutto i quiz di Nozioni Generali sul Patrimonio Culturale italiano arrivano al risibile. Mettiamo da parte gli errori di ortografia e i grossolani svarioni con tre risposte tutte sbagliate frutto di un uso dissennato di Wikipedia copiato tal quale, ma certo appare decisivo per la cultura conoscere «in che anno il Cardinale Bernardino Spada pagò 400 scudi a Giovan Francesco Barbieri detto il Guercino per il dipinto La Morte di Didone?» (q. 16). Signor ministro Franceschini come italiano mi addolora profondamente che i nostri Beni Culturali siano affidati a chi della Cultura ha una idea così volgare come la sottoerudizione che il suo quiz rappresenta. Forse è ancora in tempo per inserire una domanda: «In che anno il sindaco Renzi fece trapanare l’affresco del Vasari nel Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchi a Firenze alla ricerca di un fantomatico Leonardo da Vinci? E come fu possibile che, nonostante lo scempio, egli sia diventato presidente del Consiglio?».

Lei confonde il Patrimonio Culturale con questo Bignami tascabile fatto di migliaia di domandine. Infatti io all’Expo non sono andato, per scelta morale dal momento che tra gli sponsor vi era chi il pianeta lo affama e lo uccide e certo non lo sfama (cioè Finmeccanica) e la statua dedicata a Lucio Dalla non l’ho vista. Tuttavia nella terna delle risposte che si offrono su questo decisivo quesito (q. 70) per l’umanità, scarterei che Dalla se ne stia seduto su una panchina o che abbia un clarinetto in mano e propendo fortemente sulla risposta che egli parli con un gatto. Il felino sarà stato in grado di capire quel grande artista molto meglio di lei e dei suoi ministeriali posti a guardia del tempio vuoto della Cultura e oggi abitato dall’effimero dei quiz con cui selezionare bibliotecari e archivisti dello Stato. Vergognarsi sarebbe per lei ancora troppo poco, occorrerebbe dimettersi e trovarsi un lavoro (magari superando un quiz del Formez!). Miao.

Sergio Tanzarella, ordinario di Storia della Chiesa (Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale)

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

3 commenti

  • Grazia Giovanna Squillante

    Semplicemente, grazie, prof. Tanzarella!

  • Grazia Giovanna Squillante

    Mi permetto di aggiungere a quanto già osservato dal prof. Tanzarella nella Sua lettera che i candidati dovranno rispondere a ben 80 di queste domande incredibilmente assurde in soltanto 45 minuti!!!

  • Giuseppe Banfo

    Pienamente d’accordo col Professore. Sarebbe molto più logico e normale formulare domande tali per cui chi ha studiato conosce la risposta, e magari evitare di pubblicarle prima, come si faceva un tempo nei concorsi. Però forse sarebbe troppo normale per questo paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.