“Scrivimi”: campagna per il sostegno delle donne e degli uomini nelle galere di Hamburg

Tratto da: Osservatorio repressione

Ci sono tante cose di cui si ha bisogno quando si è rinchiusi in una cella.

Si ha bisogno di vino, di tramonti, si ha bisogno di vento e di abbracci.

Ma soprattutto si ha bisogno di parole.

Parole per riempire un lunghissimo silenzio e rompere il proprio isolamento.

Giovanissime compagne e giovanissimi compagni sono ancora rinchiusi senza processo nella prigione di Hamburg dopo il G20 [per un riassunto dei fatti leggere qui. Ndr].

Sono sole e soli, non hanno cellulare, computer, possono fare solo una telefonata giornaliera.

Il nostro compito è essere al loro fianco, condividere con loro lo spazio asettico di una cella di una nazione lontana.

Quando diciamo nostro, parliamo di tutte e tutti noi, chi c’era e chi no ad Hamburg.

Con un piccolo sforzo ognuno di noi può essere la boccata d’aria di chi è recluso.

Scriviamo e spediamo una lettera a chi è ancora in prigione per il G20 di Amburgo.

La solidarietà sui social network purtroppo non arriva nell’inferno del carcere, nelle ore che scorrono tutte uguali, interminabili.

Spendere qualche centesimo in francobolli per inviare uno scritto, un saluto, una poesia, una canzone, una lettera, qualunque cosa è un atto prezioso di cura, un atto rivoluzionario.

iweri sono iniziati gli incontri con l’equivalente tedesco del GIP. Sarà poi il giudice a dovere  decidere sulla richiesta, presentata dal legal team, di scarcerarli in attesa del processo.

L’intervista a Radio Onda d’UrtoItalo Di Sabato, dell’ Osservatorio Repressione, Ascolta o scarica qui

La solidarietà è un’arma, ma a volte anche una penna. Qui di seguito gli indirizzi:

RICCARDO LUPANO (09/06/1985)
Jva billwerder
Dweerlandweg n° 100
22113 hamburg
Germany

EMILIANO PULEO (02/02/1987)
Jva billwerder
Dweerlandweg n° 100
22113 hamburg
Germany

ORAZIO SCIUTO
Jva billwerder
Dweerlandweg n° 100
22113 hamburg
Germany

ALESSANDRO RAPISARDA
Jva billwerder
Dweerlandweg n° 100
22113 hamburg
Germany

MARIA ROCCO (05/02/1994)
Jva billwerder
Dweerlandweg n° 100
22113 hamburg
Germany

FABIO VETTOREL (02/12/1998)
Hahnofersand
21635 Jork
Germany

alexik

4 commenti

  • AGGIORNAMENTI su http://www.osservatoriorepressione.info
    1 -“Scrivimi” campagna per il sostegno delle donne e degli uomini nelle galere di Hamburg- Nelle celle di Amburgo è entrato un po’ di calore, sono un po’ meno tristi, anzi pare addirittura felici e risponderanno (ricordate di mettere nella busta due francobolli per permettere loro di rispondere). Insomma FUNZIONA, l’umanità non è tutta cinica e ancora Amburgo è storia di piccole storie che si ribellano con solidarietà e dignità, stringendo rapporti, parlandosi, affettività, affinità, effettività. Continuiamo tutt*…
    2- NoG20 Hamburg: lettera di Alessandro dal carcere di Billwerder. Da più di un mese i sei italiani, si trovano nelle carceri di Amburgo. Uno di loro, Alessandro, in risposta alle decine, alle lettere e cartoline di supporto e solidarietà ricevute, ha inviato una lettera dal carcere di Billwerder Car….
    3 – G20 Hamburg: Maria è libera. Maria Rocco, detenuta da un mese nel carcere di Billwerder ed arrestata nel corso delle mobilitazioni contro il G20 tenutosi ad Amburgo è stata scarcerata…

  • Daniele Barbieri

    sempre su http://www.osservatoriorepressione.info SEGNALO due post:
    – #NoG20 Amburgo: Dal carcere Billwerder non è tutto. Una conversazione con Maria Rocco, una delle compagne arrestate durante le mobilitazioni contro il G20 tenutesi ad Amburgo lo scorso luglio
    – In carcere ad Amburgo, cresce la protesta per i cinque attivisti. Per quattro di loro, a oltre settanta giorni dall’arresto, durante il G20 di luglio, è stato fissato il processo. Per Fabio Vettorel no.

  • Daniele Barbieri

    ORAZIO SCIUTO è libero, cfr «#NoG2O Hamburg: Orazio Sciuto è libero!!!!» su http://www.osservatoriorepressione.info.
    Il 28 settembre Il tribunale ha emesso una sentenza di condanna di un anno e tre mesi con il beneficio della condizionale

  • Daniele Barbieri

    su OSSERVATORIO REPRESSIONE di oggi segnalo questi tre aggiornamenti:
    «La lezione di Fabio Vettorel dal carcere di Amburgo»
    Pubblichiamo il pensiero di Federico Annibale che nel 2015 visse un’esperienza simile a quella di Fabio Vettorel. Dopo essere stato arrestato per gli scontri a Francoforte, durante la manifestazione contro la Banca Centrale Europea, Federico rimase in carcere per 3 mesi. Recentemente ha comunicato con Fabio, oggi ancora in carcere dopo le manifestazioni di Amburgo.
    «NoG20 Hamburg: Fabio Vettorel resta in carcere»
    Fabio Vettorel arrestato, quattro mesi fa, in occasione delle giornate contro il G20 di Amburgo, resta ancora in carcere. Il tribunale su richiesta della procura ha rigettato la scarcerazione.
    « “Liberate Fabio Vettorel”. L’appello dei Giuristi Democratici »
    I Giuristi Democratici ritengono che la carcerazione preventiva di Fabio Vettorel, giovanissimo manifestante italiano in attesa di giudizio per fatti contestati nel corso della dimostrazione di dissenso del 7 luglio 2017 a Rondenbarg, Amburgo, contro il vertice dei G20, sia ingiustificata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *