Se a Ragusa manifesta Forza Nuova…

la Digos denuncia gli antifascisti

di Domenico Stimolo

La notizia è di pochi giorni fa. Sono state denunciate cinquanta persone a Ragusa dalla Digos per la contromanifestazione di protesta contro il corteo di Forza Nuova del 7 gennaio.

La sera di domenica 7 gennaio fu organizzata, da parte di Forza Nuova e del comitato regionale di Fiamma Tricolore, una manifestazione interprovinciale con corteo nel centro cittadino (la prima volta per FN a Ragusa) in riferimento ai tragici eventi che si consumarono a Roma – Acca Larenzia – quarant’anni addietro.

Il corteo non era stato propagandato ma si è saputo che c’era a seguito dei divieti di percorso stradali collocati dai vigili urbani. Subito si organizzarono le forze antifasciste ragusane. Nel rapido comunicato di protesta si stigmatizzava la manifestazione scrivendo fra l’altro: «Il fascismo cerca di rialzare la testa in tutto il mondo, è necessario fermarli prima che sia troppo tardi». La conclusione del corteo delle organizzazioni di estrema destra (partito da piazza Stazione) era previsto nella centralissima piazza S. Giovanni, il luogo dove il 9 aprile 1921 fu consumato un eccidio da parte delle squadre fasciste, con l’uccisione di tre braccianti: Rosario Occhipinti, Carmelo Vitale e Rosario Gurrieri, commemorati annualmente. Così le forze democratiche, antifasciste e antirazziste ragusane organizzarono un presidio in piazza Libertà. Presenti molti cittadini in rappresentanza di organizzazioni politiche, sindacali e associative, compresa l’Anpi in prima fila, che espressero la decisa contrarietà alla sfilata fascista. Non si verificarono incidenti di nessun genere.

Ebbene, si apprende che molti antifascisti (circa cinquanta) sono stati denunciati dalla Digos per «manifestazione non autorizzata». Sono militanti di Sinistra Italiana e del PD, di Anpi, volontari di Legambiente, della struttura anarchica ragusana, dei sindacati e di varie associazioni cittadine. Fonti giornalistiche riportano che fra gli altri sono indagati il segretario della Cgil ragusana, l’ex presidente del tribunale cittadino e tre giornalisti presenti per la documentazione e le riprese.

Commentano (sul quotidiano «La Repubblica») Gianni Battaglia – presidente dell’Anpi di Ragusa ed esponente di Articolo 1 – e Gianni Scifo, segretario provinciale Cgil: «E’ una vicenda paradossale perché invece di porsi delle domande su un’organizzazione che ha chiare simpatie verso il disciolto partito fascista si indaga chi contesta in maniera pacifica Forza Nuova»; e ancora: «se qua c’è un reato è quello di apologia al fascismo. E’ un problema non solo formale, ma anche sostanziale perché l’avanzare di queste forze in Europa sta minando le nostre democrazie».

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

5 commenti

  • Franco Mascolo

    Se gli antifascisti hanno manifestato senza aver prima richiesto e ricevuto il permesso regolamentare della Questura come manifestazione consentita, sono stati dei fessi ingenui, pronti a farsi beccare burocraticamente. Non è chiaro dall’articolo se fosse stato richiesto regolare permesso per la propria contro-manifestazione. Probabilmente i tempi tecnici non hanno consentito di richiederlo e la contromanifestazione è stata lanciata saltando a piè pari la regola burocratica però funzionale e necessaria

    • raffaele mantegazza

      Sfumerei il giudizio. “Fessi” è inutilmente offensivo. Forse ingenui. D’accordo sul fatto che occorrerebbe sempre essere in regola per evitare di essere “beccati” ma non è che sempre l’indignazione ha bisogno del permesso dei prefetti di turno. Purchè le manifestazioni siano non violente, la mobilitazione spontanea è ancora un valore, a partire dai flash mob.

  • domenico stimolo

    Infatti,
    la colpa è stata dei “tempi tecnici”. Come già emerge dallo scritto il corteo non è stato appositamente propagandato. Si è saputo all’ultimo momento. Quindi, un consistente numero di persone democratiche e antifasciste accomunate dai sentimenti antifascisti e antirazzisti hanno spontaneamente evidenziato il proprio sdegno. E’ stata praticata la LIBERTA’!

  • domenico stimolo

    ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARTIGIANI D’ITALIA
    COORDINAMENTO REGIONALE SICILIA
    Ente Morale D.L. n. 224 del 5 aprile 1945

    COMUNICATO STAMPA

    Dichiarazione di Ottavio Terranova Coordinatore regionale ANPI Sicilia – Vice Presidente nazionale dell’ANPI sui denunciati di Ragusa

    Esprimiamo viva solidarietà e sostegno alle decine di militanti – circa cinquanta – democratici e antifascisti che nei giorni scorsi sono stati denunciati a Ragusa per avere effettuato il 7 gennaio c.a. un presidio cittadino in opposizione ad un corteo indetto nel centro storico di Ragusa da organizzazioni politiche dell’estrema destra: Forza Nuova e Fiamma Tricolore.
    Al presidio, svoltosi con carattere esclusivamente pacifico, avevano partecipato un rilevante numero di cittadini ragusani, in rappresentanza di organizzazioni politiche, associative, sindacali e della società civile.
    Hanno inteso evidenziare i valori democratici, antifascisti e antirazzisti che caratterizzano i valori strutturali della nostra Costituzione, che non possono essere lesi da atti di un’organizzazione politica come Forza Nuova che non mai inteso ripudiare le ideologie e le nefandezze del fascismo.
    Il corteo, tra l’altro, doveva ultimarsi in piazza S.Giovanni, luogo dell’eccidio di tre braccianti perpetrato da squadre fasciste nell’aprile del 1921. Piazza, quindi, che rappresenta la massima memoria cittadina dei tanti eventi di assassinio consumati dai fascisti nel ragusano.
    Tra gli altri sono stati denunziati tre giornalisti presenti nell’esercizio della propria attività della libera informazione, il segretario provinciale della Cgil di Ragusa e l’ex presidente del tribunale di Ragusa
    Confidiamo che gli Organi giudiziari preposti scagionino con grande celerità le persone denunciate, poiché assolutamente incolpevoli di qualsiasi atto di dolo.
    Hanno solamente espresso, come previsto dalle regole di libertà vigenti, la necessità di evidenziare e difendere sempre i Valori costituzionali antifascisti e antirazzisti che costituiscono la parte fondativa principale della Repubblica italiana.

    Con preghiera di pubblicazione
    Ottavio Terranova

    Palermo, 27 ottobre 2018

  • domenico stimolo

    ” Se l’antifascismo a Ragusa diventa reato”
    dal sito di Left:

    https://left.it/2018/10/30/se-lantifascismo-a-ragusa-diventa-reato/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *