Se s’incendia il Chiapas

Già all’inizio dello scorso anno il sottosegretario con la delega per i diritti umani del governo progressista messicano di López Obrador aveva riconosciuto la presenza dei gruppi paramilitari, a differenza delle autorità politiche dello Stato del Chiapas che si ostinano spudoratamente a negarla. Quel che il governo centrale federale non ha alcuna intenzione di discutere apertamente sono le ragioni e gli obiettivi di quella presenza e la loro funzione politica. Se lo facesse, dovrebbe ammettere che non solo non si è affatto impegnato a contrastarne la violenza armata ma che l’attività paramilitare contrainsurgente è parte integrante e sostanziale, né più né meno che nel passato, della militarizzazione del territorio e di una strategia che ha la sua origine nello Stato stesso.

di Luis Hernández Navarro (*)

l Chiapas arde. I padroni hanno sciolto le redini e loro, i paramilitari incoraggiati, fanno il proprio lavoroAttaccano con armi da fuoco le comunità ribelli e si concedono il lusso, come a Santa Martha, di esibirsi in pubblico con le armi e le uniformi e perfino di disarmare agenti della polizia preventiva dello Stato.

Il 22 agosto un gruppo di trasportatori appartenenti all’Organizzazione Regionale dei Coltivatori di caffè di Ocosingo (Orcao), che vivono nel municipio di Oxchuc, con alla testa Tomás Santiz Gómez, ha sparato, saccheggiato e incendiato due magazzini di caffé delle basi di appoggio dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN), nella comunità di Cuxuljá, nel municipio ribelle di Moisés Gandhi (Ocosingo, per la nomenclatura ufficiale).

Nel mese di agosto, ben 13 comunità del Pueblo Maya Tsotsil di Aldama, assediate dai paramilitari provenienti da Santa Martha, Chenalhó, sono state costrette ad abbandonare le proprie case o a barricarsi. Foto Desinformémonos

Cuxuljá è un piccolo villaggio ai piedi della strada che unisce San Cristóbal a Ocosingo. È circondato da otto municipi autonomi zapatisti ed è un punto di incontro per diverse comunità. È stato occupato dall’Esercito fino al 2001. I soldati si sono ritirati da quella postazione per rispettare le tre condizioni che l’EZLN aveva preteso dal governo di Vicente Fox per ristabilire il dialogo.

Il ritiro delle truppe, però, non ha “pacificato” la zona. Non appena il dialogo è fallito, per l’approvazione di una riforma costituzionale sui diritti e le culture indigene che tradiva gli accordi presi dal governo a San Andrés, sono cominciate le aggressioni dei gruppi paramilitari di Orcao contro le basi ribelli di quella comunità. Il loro obiettivo era occupare il territorio lasciato dalle truppe regolari.

L’Orcao non è sempre stata così. Per alcuni anni ha avuto una relazione stretta con lo zapatismo. Tuttavia, tra il 1997 e il 1999, la sua direzione ha aperto il conflitto con le basi sociali ribelli, grazie agli appoggi economici e ai posti di governo offerti ai suoi dirigenti. Con l’arrivo al governo del Chiapas di Pablo Salazar (2000-06), il conflitto ha avuto una escalation. Nel 2002 le aggressioni dell’organizzazione dei coltivatori di caffè contro le basi zapatiste si sono drammaticamente intensificate, fino al punto di distruggere un mural zapatista. L’Orcao era diventata una forza paramilitare.

L’Organizzazione si era formata nel 1988, con 12 comunità di Sibacjá, nel municipio di Ocosingo. In poco tempo si erano aggiunti altri centri abitati, fino a diventare quasi 90. Le sue rivendicazioni originarie chiedevano migliori prezzi per il caffè (nel 1989 il prezzo crollò drasticamente) e una soluzione per le dispute legali agrarie. Sotto l’influenza del lavoro pastorale progressista, nel 1992, nel quadro delle celebrazioni dei 500 anni della resistenza indigena, nera e popolare, la Orcao rivendicava ancora l’auto-determinazione indigena e si opponeva alla riforma costituzionale dell’articolo 27 chiedendo libertà, giustizia e democrazia.

Poi, però, è cominciata una decomposizione irrefrenabile. Nel 2005 l’Orcao fu praticamente espulsa dalla Unione Nazionale delle Organizzazioni Regionali Contadine Autonome (Unorca). Si divise al proprio interno, due gruppi si contendevano la direzione. Quello di José Pérez, legato ai Verdi e al controllo dei trasporti dei passeggeri, e quello di Jian Vazquez, orientato alla produzione e favorevole alla riconciliazione con il governo di Juan Sabines. Sempre alleati ai governi di turno, i leader dell’Orcao erano interessati solo al tornaconto personale e ai posti nell’amministrazione pubblica. Molti di loro entrarono nel PRD e nel PVEM e adesso in Morena (il partito di López Obrador, ndt).

Ancora desplazados sotto la pressione armata dei paramilitari di Santa Martha, Chenaló. Foto Desinformonos

C’è una lunga storia di aggressioni della Orcao contro Cuxuljá. Con l’insurrezione del 1994, le basi di appoggio dell’EZLN (un collettivo di 539 campesinos) hanno ottenuto 1.433 ettari di terra espropriati ai proprieteri terrieri. Posseggono un Atto di consegna e ricevimento delle terre da parte della Segreteria della Riforma Agraria.

Gli zapatisti lavorano la terra in forma collettiva e rifiutano di dividerla individualmente. Assicurano che farlo significherebbe tornare a prima del 1994. Tuttavia, un piccolo gruppo della Orcao, che abbandonò la comunità e vendette le proprie case, appoggiato all’inizio dall’Esercito federale e dalla polizia, insiste da 19 anni nel voler frazionare l’appezzamento, stilare certificati di proprietà e vendere individualmente ciò che è il prodotto di una lotta comune.

Gli attacchi della Orcao contro le basi di appoggio dell’EZLN in questi anni sono stati una costante. Non si limitano a Cuxuljá, ma comprendono diversi municipi. L’ultimo è stato quello del 23 febbraio a Chilón, quando la Orcao, i Chinchulines (altro noto gruppo di paramiliari attivo in Chiapas, ndt) e alcuni membri di Morena sequestrarono e violentarono alcuni rappresentanti della comunità, una rappresaglia contro la partecipazione alle Giornate in Difesa del Territorio e della Madre Terra. Samir Siamo Tutte e Tutti.

Queste aggressioni sono state effettuate regolarmente nel quadro di un’offensiva governativa per cercare di debilitare gli zapatisti e contenere la loro avanzata. Non sono il prodotto di una lotta tra le comunità ma il risultato di una strategia dello Stato per creare conflitti interni. I governi di turno (perfino quello attuale) appoggiano la Orcao con risorse economiche, progetti produttivi (molti dei quali di allevamento), copertura politica e impunità da parte della polizia, al fine di erodere e logorare il consenso dell’EZLN.

Solo un anno fa, i ribelli hanno annunciato la creazione di sette nuovi Caracoles, che andavano ad aggiungersi ai cinque esistenti. Così facendo dispongono di 43 sedi di auto-governo, senza alcuna relazione con gli organi di governo ufficiali. L’EZLN ha annunciato inoltre la sua opposizione al Tren Maya e al Corridoio Interoceanico. La nuova battaglia di Cuxuljá e la guerra senza soluzione di continuità dei paramilitari di Chenalhó sono parte di una strategia di contenimento contro quello sviluppo dello zapatismo. Una strategia che non sembra affatto preoccupata dell’incendio dello Stato.

(*) fonte: La Jornada. Titolo della versione in lingua originaleChiapas arde

Traduzione per Comune-info: marco calabria

La Bottega del Barbieri

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *