Soledad – Agustina Macri

(visto da Francesco Masala)

inizio dal nome della regista, suo padre è il presidente argentino, molto di destra, anche Saverio Costanzo è figlio di un famoso piduista, e però bisogna tagliare il cordone ombelicale e giudicare i film.

Soledad è la storia di Sole, che arriva da Buenos Aires a Torino e si innamora di Baleno, e finirà in galera con i suoi amici.

se uno guarda il film capisce, se ancora non lo sapeva, che, come per Pinelli, gli anarchici sono perfetti come capri espiatori (nel 1997 qualcuno scriveva «Alla fine i servizi segreti immoleranno qualche ragazzo di campagna», la giustizia riconoscerà che quei tre non erano terroristi, peccato che intanto Sole e Baleno erano morti),

capisce ancora che quella inchiesta è stata pilotata/decisa dall’alto, come per le inchieste sulla TAV, ipotizziamo,

si ha la conferma che certi dirigenti di polizia (delle forze dell’ordine, diciamo) dovrebbero stare in galera, invece mandano degli innocenti(e poi vengono promossi, il G8 del 2001 insegna),

si intuisce la manina dei servizi segreti,

certo il film non è completo e perfetto, a volte gli anarchici sono stereotipati, ma il film non è un saggio storico, o un documentario.

Soledad (Vera Spinetta, bravissima, anche lei figlia di un padre famoso) è sola, esiliata in campagna, minacciata da quel dirigente di polizia degno di uno stato fascista, non regge il dolore.

un film da non lasciar perdere, sopratutto, ma non solo, per tutti quelli che sanno poco o niente della storia, una trentina di sale, tranne che in Piemonte.

 

https://markx7.blogspot.com/2019/06/soledad-agustina-macri.html

 

oltre il film:

http://www.notavtorino.org/bibliografia.htm   una bibliografia su Scongiurare le grandi opere inutili – in particolare il TAV Torino-Lione e su Le mafie, ormai partners ovunque di affari e politica (dal sito notavtorino)

qui puoi scaricare il libro Le scarpe dei suicidi, di Tobia Imperato

http://www.stpauls.it/fc98/1498fc/1498fc20.htm    Degrado e insofferenza dietro il fenomeno degli squatter

https://bibliotecaanarchica.org/library/ultima-fermata-dall-attacco-contro-l-alta-velocita-in-val-susa   Ultima Fermata – dall’attacco contro l’Alta velocità in Val Susa alla difesa degli spazi occupati a Torino

http://www.tgmaddalena.it/aula-bunker-la-parola-agli-imputati-video-la-strana-alchimia-della-libera-repubblica-della-maddalena/ di Simonetta Zandiri

https://www.micciacorta.it/2012/03/dagli-attentati-degli-anni-90-alle-battaglie-in-val-di-susa-nel-nome-di-sole-e-baleno/ di Marco Imarisio

https://roundrobin.info/2018/07/un-volantino-sul-libro-amore-e-anarchiadi-martin-caparros/   contro il libro e il film

https://volerelaluna.it/commenti/2019/04/13/oddio-si-sono-ristrette-le-madamine/ di Marco Revelli

http://www.arivista.org/?nr=335&pag=20.htm   La memoria dei ribelli, di Maria Matteo

https://finimondo.org/node/2207  una recensione/stroncatura (o peggio) del libro di Martín Caparrós

http://ilminatorerosso.blogspot.com/2017/10/boicotta-il-film-su-sole-e-baleno-amor.html   contro il libro e il film

http://www.labottegadelbarbieri.org/ventanni-senza-sole/   Vent’anni senza Sole, di Gianni Sartori

https://www.anarcopedia.org/index.php/Sole,_Baleno_e_Pelissero  la storia di Sole e Baleno, dal sito di anarcopedia

il libro Quando hanno aperto la celladi Luigi Manconi e Valentina Calderone, viene dedicato dagli autori a Fabrizio De Andrè, che nel 1998 omaggiava Soledad Rosas dedicandole, durante il suo ultimo tour, Smisurata Preghiera (da qui)

 

Francesco Masala
una teoria che mi pare interessante, quella della confederazione delle anime. Mi racconti questa teoria, disse Pereira. Ebbene, disse il dottor Cardoso, credere di essere 'uno' che fa parte a sé, staccato dalla incommensurabile pluralità dei propri io, rappresenta un'illusione, peraltro ingenua, di un'unica anima di tradizione cristiana, il dottor Ribot e il dottor Janet vedono la personalità come una confederazione di varie anime, perché noi abbiamo varie anime dentro di noi, nevvero, una confederazione che si pone sotto il controllo di un io egemone.

2 commenti

  • sergio falcone

    Un fiore gentile…

  • Buonasera a tutti,
    ho letto molte critiche relative al libro di Martin Caparros su Soledad , però, non condividendo ma rispettando tutte le opinioni ,devo dire che un altro suo libro come ” La fame” andrebbe letto in tutte le scuole superiori per orientarsi un po’ in questo mondo così diseguale
    Capisco che qualcuno non abbia apprezzato il lavoro del giornalista /scrittore argentino, però l’anno scorso sono andato al festival di Ferrara per ascoltarlo e devo dire che è stato disponibilissimo e simpaticissimo intrattenendosi parecchio tempo con me a parlare dei due libri. E’ solo una piccola testimonianza, però mi sentivo in dovere di riferirla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *