Solidarietà a Francesco Puglisi, detenuto per il G8 di Genova

di Alexik

Quella che segue è una lettera inviata un paio di mesi fa da Francesco Puglisi, condannato a 14 anni di carcere perché ritenuto colpevole di aver messo fuori uso un bancomat durante il G8 di Genova del 2001. Quattordici anni per un bancomat, mentre i responsabili delle violenze e delle torture contro i manifestanti sono attualmente liberi e promossi a più alti incarichi:

Genova 2001gDe Gennaro ora è a Finmeccanica, Gilberto Caldarozzi gli fa compagnia, come responsabile della sicurezza, Salvatore Gava è andato all’Unicredit, Filippo Ferri, fratello di un ex ministro, è responsabile della sicurezza del Milan. I più giovani, trascorsi i cinque anni di interdizione dai pubblici uffici, torneranno in divisa. Le lesioni gravi sono state prescritte e invano la Corte Europea per i diritti umani ha condannato l’Italia per le torture di Genova. Mentre i torturatori, colpevoli di reati sulla persona, hanno fatto carriera, Puglisi è stato fatto a pezzi per un bancomat.” (da: giuseppearagno.wordpress.com).

Paola, la compagna di Francesco, è morta il 24 ottobre scorso. A Francesco e alla sua famiglia serve una mano, anche per le spese del funerale.

A GENOVA C’ERAVAMO TUTTE/I. OGNUNA/O FACCIA LA SUA PARTE !

Genova 2001Ciao a tutti, sono Francesco Puglisi detto Gimmy. Mi trovo in carcere dal 4 giugno 2013 dopo quasi un anno di latitanza perchè fuggito assieme alla mia compagna, Paola Ferla. Sono stato arrestato in Spagna, precisamente a Barcellona. Ora posso dirlo pubblicamente che sono andato via dall’Italia con la mia compagna anziché andarci con i miei piedi in galera.

Perchè vi scrivo il tutto in quanto il 24 ottobre scorso la mia amata e libertaria Paola Ferla è morta..(lei non è morta…vive e lotta accanto a me!!). Proprio a Genova. Assurdo!!

Sono stato condannato in via definitiva a 14 anni dopo più di 10 anni di agonia di udienze su udienze. Ho preferito non andare per via rito abbreviato o patteggiamento ma con rito normale. Sicuramente avrei preso molto di meno perchè reoconfesso (sempre su di me!). Immaginate che la procura di Genova mi contestava 7 attentati. Io me ne sono accollati ben 14! Perchè per natura minchiate io non ne sparo. Dico sempre la verità, ovviamente a mio sfavore.

Genova 2001aE’ giusto? E’ sbagliato? Sono così… L’importante è non accusare gli altri! Io la vedo così! Vi scrivo non per parlare di Genova G8 perchè a mio parere ormai per noi in galera non ci sta più niente da fare almeno parlo su di me…la galera mi devo fare e me la faccio. No Problem!!

Ma vi scrivo perchè ad oggi i familiari Ferla non hanno ricevuto neppure 1 euro per coprire le spese del funerale. Che sono di 6 mila euro. Trasporto della Paola da Genova a Canicattini bagni (provincia di Siracusa).

Capisco che lì fuori è difficile ed ognuno tiene anche i suoi problemi, ognuno purtroppo ha le sue..però chiedo uno sforzo a tutti i compagni e compagne anarchici, antifascisti, libertari, simpatizzanti e gente qualunque, insomma tutti possono contribuire alla causa e fanno un azione rivoluzionaria perchè anche sostenere un funerale di una compagna di un compagno in galera per fatti collettivi che riguardano a tutti è un’azione rivoluzionaria.

Genova 2001bPerchè a quanto pare per qualcuno sostenere i famigliari dei detenuti politici o un funerale è da crocerossini.. non è così! Se si parla di internazionalismo per la liberazione dei popoli in lotta e poi non si riesce o non si vuole stare accanto a una persona distante a un pelo da noi. Questa allora è sola ipocrisia se è davvero così! Ma vi parlo 2 righe precise per come ci siamo conosciuti con Paola. Ci siamo conosciuti il 24/25 aprile 2006 durante una festa antifascista organizzata dai totally anark sound system presso lo storico centro sociale occupato “Guernica Fabrik”.

Da quella data non ci siamo più separati. A fianco a fianco 24h/24h con occupazioni, taz, party presso centri sociali anche con benefit, processi per i fatti del G8 di Genova… sempre assieme! Soprattutto l’eroica latitanza a fianco a me e non è una cosa da poco! Mi ha finanziato con i suoi soldi di invalidità la libertà assoluta. Onore a lei sempre e comunque! In realtà sapevamo benissimo che prima o poi mi beccavano ma è stato il principio del non separarci mai! Fino alla fine! Non ho rancori di averlo fatto perchè sono stato  1 anno in più con la mia amata Paola. Per me è stata una perdita inquantificabile che ancora ad oggi non ci credo ma ci devo credere perchè questa è la realtà e non si può cambiare.. però si possono fare delle opere rivoluzionarie per attenuare e alleggerire sia il mio dolore che quello dei famigliari Ferla perchè veri proletari! E’ vero!!

Genova 2001eLe spese da coprire sono di 6mila euro! Io mi ritengo una persona umile e rispettosa verso i compagni che ad oggi mi hanno sostenuto incondizionatamente e infatti li ringrazio di cuore prendo infatti l’occasione per poterlo fare, con i loro benefit con concerti, aperitivi cene ed altro!

Non c’è bisogno di fare nome e cognome ognuno sa se ha fatto opere rivoluzionarie oppure se ha fatto i propri cazzi. Ma non voglio dilungarmi più di tanto su quest’ultimo discorso. Chi mi vuole capire capisce come si dice nel mio paese “a mezza parola”! Da più di un mese che faccio economia più di prima (perchè rispetto i soldi dei compa!) questo anche grazie che sono in cella singola. E ho potuto inviare lo scorso venerdì dal mio conto 300 euro a mia madre (vedova del marito e di un figlio e di quasi una figlia Paola solo per una questione di sangue) da dividere coi famigliari proletari Ferla. Non me ne vergogno, sto facendo risparmi, mangio dal carrello perchè almeno io posso ma mia madre neppure quello perchè la spesa non può quasi farla. Io qua affitto e luce non ne pago lei sì! Perchè è in affitto! Non me ne vergogno, la povertà non è una vergogna. Vergognose sono altre cose! Ne vado fiero di essere, nonostante tutto, sempre io!

Genova 2001iQuesto comunicato è rivolto a tutti, tutti tutti, a dj set, gruppi musicali, artisti, tutti tutti, anche ai 99 posse, a Luca Zulù che è una persona di cuore che in passato mi è stato solidale. Vi prego di non fare i vaghi e farvi i cazzi propri con moralismi non mi sembra più il caso! Ognuno può contribuire se vuole per davvero e non caricare di spese ai compagni o associazioni che già si sbattono per noi detenuti. Io di cuore ve lo dico mi accollo tutto, 14 anni per un corteo, carcere per altri, 1 colloquio forse ogni 6 mesi, che il magistrato non mi manda né al funerale né al cimitero perchè sono del G8! Ok! Che mia madre viene sostenuta ogni morte di papa, per dire va da qualche compagna o compagno infatti non ho parole per loro! Meritano il mio rispetto! Ma non mi accollo che non vengano sostenute le spese per Paola. Questa cosa non esiste! Capisco che è anche difficile li fuori ma non giustifico. Non c’è una scadenza per cui ci sta tutto il tempo di organizzarsi e fare cose giuste e anche ogni singola persona può contribuire anche con pochi euro.

Genova 2001fSe sostenete le spese di Paola, aiutate mia madre, fate un’azione rivoluzionaria, fidatevi di me! Avrete rispetto della mia persona e starete bene dentro di voi! Io sono nato e cresciuto nel quartiere San Cristoforo di Catania (e i compagni catanesi lo sanno benissimo) tra l’altro mia madre ci abita tutt’oggi…oltre che considerarmi un libertario i mafiosi mi fanno schifo perchè sono peggio dei fascisti in molte cose e lo dico per esperienze passate sulla propria pelle! Stop. Però su una cosa li ammiro oltre nel sostenere i detenuti dei loro clan sostengono i familiari e a maggio ragione quando si parla di un funerale! Perchè? Io dico non dobbiamo essere così? Perchè? Perchè? Forse per qualcuno non è rivoluzionario farlo? E poi parliamo di libertà ed uguaglinza! Però a questo punto a convenienza! Io eventualmente se a qualcuno non piace quello che sto scrivendo accetto eventuali critiche senza rancori. Io dopo la morte della Paola..non ho più obiettivi facevo tutto in prospettiva per lei e i nostro futuro perchè la latitanza mi ha legato da morire! Ma ho delle missioni da fare oltre quello che ho scritto perchè quando uscirò e finirò i 3 anni di sorveglianza speciale…avendo un’arma nelle mani è quella della musica perchè oltre ad avere ancora conservato il sound system dei totally anark con tutto l’occorrente per fare feste. Userò la mia arma musicale per i familiari Ferla perchè gli farò un grande telone da mettere dietro le casse del suo viso proprio carino! Queste sono le mie missioni finchè vivrò in questo mondo e poi raggiungerò la Paola nella sua stravita dove ora si trova!

Il 12 gennaio 2016 sarò al tribunale di Genova per una camera di consiglio per continuazione di due arresti politici per esplosivo nel 2000 e i fatti di Genova nel 2001. Spero che mi calino qualcosa. Questo anche grazie al lavoro dei miei avvocati, su tutti l’avvocatessa Caterina Calia del foro di Roma che ancora non le ho potuto dare 1 euro!

Coordinate di versamento:

Giuditta Pace

via Zurria 37  95100 Catania

cod fisc:   PCAGTT43R63C3510

postepay: 5333171023399559

Per scrivere a Gimmy:

Francesco Puglisi
Casa Circondariale “Nuovo complesso”
Via Raffaele Majetti 70
00156 Roma Rebibbia

alexik

Rispondi