Chernobyl: 30 anni dopo

Greenpeace (*) Trenta anni dopo l’inizio del disastro di Chernobyl, più di 10.000 km2 di terra sono ancora inutilizzabili per le attività economiche, e circa 5 milioni di persone vivono in zone ufficialmente contaminate (1,1 milioni in Bielorussia; 1,6 milioni in Russia e 2.3 milioni in Ucraina). La ‘zona di esclusione’ di 30 km intorno al reattore rimane altamente contaminata

Continua a leggere
1 2