Disapprendimento e pensiero creativo

di Marco Deriu Le diverse crisi in corso costringono ad abbandonare certezze, immaginari, linguaggi e schemi cognitivi, a ripensare l’insieme delle relazioni sociali. Il punto di partenza restano tutte quelle forme di autorganizzazione, di autoproduzione, di scambio e condivisione diffuse ovunque, con cui riduciamo la nostra dipendenza dal mercato e dalla Stato. “La decrescita non è una soluzione o una

Continua a leggere

Intervista ad Alessandra Daniele 3 (con racconto)

di Mauro Antonio Miglieruolo Parte Terza * (Segue da ieri 11 maggio ore 9) * Ti andrebbe di formulare un giudizio sulla fantascienza? Prenditi pur alcune pagine, se lo ritieni opportuno. Prendo a prestito una citazione di Fellini: “L’unico vero realista è il visionario”. E una di Philip K. Dick: “La fantascienza è una forma d’arte sovversiva, che richiede scrittori

Continua a leggere

Umili e utili

Se i lavori fossero davvero pubblici… di Giorgio Nebbia (*) Un secolo fa l’economista inglese John Maynard Keynes ha suggerito che quando un Paese è in crisi economica e di occupazione una soluzione consiste nell’investire denaro pubblico in opere di utilità generale, in quelle che una volta si chiamavano “lavori pubblici” e che in Italia avevano addirittura un apposito ministero:

Continua a leggere

17 aprile: non solo trivelle

L’estinzione della capacità di fare collegamenti. #Nonsoloreferendumtrivelle di Gianluca Ricciato  (*) Quando leggerete questo articolo mancheranno 9 giorni al referendum su trivella selvaggia ed eterna Trivellazioni, energia, petrolio, guerra, immigrazione, capitalismo, disastri ambientali, crisi economica: è davvero possibile mettere il silenziatore agli intricati ma evidenti collegamenti fra tutti questi problemi?

Continua a leggere
1 2 3