Paraguay: l’informazione negata

Il caso del giornalista Paulo López di David Lifodi In Paraguay la libertà d’informazione non esiste: i principali quotidiani del paese, i filogovernativi Abc Color, Última Hora e La Nación, sono gestiti da un oligopolio mediatico che fa capo al deus ex machina Aldo Zuccolillo, amico del presidente Horacio Cartes e noto per violare il diritto d’espressione e i diritti

Continua a leggere

Paraguay: indifferenza di stato sul massacro di Curuguaty

di David Lifodi Il 17 novembre si terrà il processo agli undici campesinos implicati nel massacro di Curuguaty, avvenuto il 12 giugno 2012, quando i sin tierra che avevano occupato i duemila ettari di terra di Marina Cue furono attaccati dai militari e dalle guardie armate del Grupo Riquelme, che rivendicava la proprietà del terreno. Fu quello il casus belli

Continua a leggere

Paraguay: le fumigazioni di agrotossici avvelenano il paese

di David Lifodi La morte di due bambine nell’asentamiento paraguayano di Húber Duré (dipartimento di Canindeyú) a causa delle fumigazioni effettuate dai sojeros brasiliani riapre ancora una volta la questione degli agrotossici. Adelaida (3 anni) e Adela (sei mesi) inizialmente hanno presentato sintomi di vertigine, vomito e diarrea, poi è sopraggiunta l’insufficienza respiratoria e non ce l’hanno fatta.

Continua a leggere

Paraguay: un appello per i campesinos…

… incriminati per il massacro di Curuguaty I cinque contadini paraguayani incriminati per il caso Curuguaty hanno ottenuto gli arresti domiciliari lo scorso 15 aprile al termine di uno sciopero della fame che avrebbe potuto avere conseguenze drammatiche, iniziato lo scorso 14 febbraio. Tuttavia la questione è politica e il giorno del giudizio, previsto il prossimo 26 giugno, non promette

Continua a leggere

Per la libertà di cinque prigionieri politici per il massacro di Curuguaty, Paraguay, in sciopero della fame da oltre cinquanta giorni

tratto da Rinascita del 16 marzo 2014 In calce all’articolo una lettera di Fabricio Arnelia da Barcellona che esprime solidarietà ai campesinos. Il silenzio su chi protesta per i propri diritti è, di questi tempi, proporzionale alla vicinanza dei protagonisti ai cosiddetti “paesi democratici”, quelli del nostro emisfero e schierati con “l’Occidente”.

Continua a leggere

Paraguay: diritti violati in nome della soia

di David Lifodi Il Paraguay non è uno stato libero e indipendente governato dalle istituzioni democratiche, non solo per la presidenza del miliardario e narcotrafficante Horacio Cartes alla guida del paese a seguito del colpo di stato che nel giugno 2012 ha rovesciato Fernando Lugo con l’intermezzo del golpista Federico Franco, ma soprattutto per l’enorme potere conquistato dai sojeros, i

Continua a leggere
1 2 3