Algeria e Marocco alle prese col Covid 19 (e il resto)

La pandemia del Covid 19 ha colto l’Algeria mentre era in uno stato di profonda effervescenza politica da più di un anno. L’ingresso del paese nelle misure di contrasto alla Pandemia di Covid 19 è iniziato tra incredulità, indisciplina e panico. Ma i poteri forti del paese ne approfittano per saldare i conti con l’opposizione e militarizzare ulteriormente il paese.

Continua a leggere

Algeria: continua la lotta dura degli insegnanti

di Karim Metref   FRA ASPIRAZIONI LEGITTIME E DISPERAZIONE DEI GENITORI La stagione 2017/2018 si annunciava decisamente problematica in Algeria, dopo le lotte e le proteste dell’anno prima. Ci si aspettava uno scontro duro sul fronte sociale, ma alla fine le piazze sono state contenute e il governo continua a mantenere l’ordine costituito in modo abbastanza efficace. La caduta dei

Continua a leggere

Algeria: una lettura dei risultati delle (non) elezioni legislative

di Karim Metref – Pubblicato su Pressenza Giovedì scorso (04 maggio 2017) il popolo algerino, in gran parte, non ha partecipato alle elezioni legislative. L’affluenza è stata bassissima e i risultati previsti si sono confermati. Tutto normale in un Paese che sembra girare in tondo, senza sapere come uscire dal suo stato di smarrimento.

Continua a leggere

Domani funerali di Ait Ahmed, l’ultimo leader rivoluzionario algerino

Di Karim Metref Mercoledì 23 dicembre 2015 a Lausanna, in Svizzera, è morto all’età di 89 anni Hocine Aït-Ahmed, l’ultimo dei grandi leader della rivoluzione algerina. I suoi funerali saranno domani 01 gennaio 2016 nel suo piccolo villaggio di montagna in Algeria. Hocine Aït Ahmed era un uomo politico e intelletuale algerino nato il 20 agosto 1926 a Ait Yahia,

Continua a leggere

Se riesplode l’Algeria, altro che caos libico

di Karim Metref (*) Chi si ricorda dell’Algeria? Sapete, quel piccolo Paese grande come l’Europa occidentale sull’altra riva del Mediterraneo. Proprio di fronte alla Sardegna. Non si parla quasi mai dell’Algeria. Tranne se un gruppo di terroristi prende in ostaggio o taglia la testa a qualche cooperante occidentale. I media internazionali hanno sempre coperto pochissimo il paese nordafricano. Poche notizie ne escono. Anche

Continua a leggere
1 2 3